Marco Guerini è il re del Castello: tris di successi al Forza e Costanza Brescia



Brescia, 7 novembre – La doppietta singolare-doppio nell’edizione 2017 del torneo sociale del Tennis Forza e Costanza era già un risultato di grande spessore per lui, ma c’era una finale persa nel doppio misto a lasciare comunque un pizzico di amaro in bocca. Un dispiacere che Marco Guerini ha completamente dimenticato dodici mesi più tardi, grazie a un incredibile assolo che l’ha reso di nuovo il grande protagonista della manifestazione, giocata quasi interamente sui campi del Castello. Il consigliere del club bresciano, nonché da anni capitano della formazione di Serie C, si è confermato in singolare, spuntandola per 6-3 6-4 nella finale contro Maurizio Capra; poi ha fatto lo stesso vincendo per il quarto anno consecutivo il torneo di doppio maschile, di nuovo insieme a Federico Montuschi (battuta per 6-3 6-1 la coppia Mori/Pedrini); e quindi ha calato uno splendido tris grazie al doppio misto. Lo scorso anno, in coppia con Costanza Bossoni, fu costretto ad arrendersi al duo Benevolo/Finardi, mentre stavolta, insieme a Irene Ballabio, ha completato il “triplete” per dirla col gergo calcistico. I due hanno avuto la meglio con un doppio 6-3 nella finale contro Stefano Gavazzi e Laura Schiffo, cogliendo un successo che ha regalato a Guerini un traguardo che chiunque, in futuro, potrà solo eguagliare.

Marco Guerini (destra) e Maurizio Capra

Nel singolare femminile, invece, il titolo è andato a Mara Paterlini, capace di riscattare la sconfitta nella finale della scorsa edizione. Si era arresa a Silvia Barni per 10/7 al long tie-break (che sostituisce il terzo set), mentre stavolta al fotofinish l’ha spuntata lei, battendo Ines Prandelli per 3-6 6-4 10/8. Ma quest’ultima s’è potuta comunque consolare con la vittoria nel doppio: in finale, in coppia con Erika Pedretti, la Prandelli ha avuto la meglio per 6-4 6-2 sul team Baini/Ballabio. “Il torneo sociale – ha detto Alberto Paris, direttore tecnico del Forza e Costanza – è molto importante per noi e ha vissuto un’altra edizione di successo, con tantissimi giocatori. Eccetto i membri della squadra di Serie C, l’hanno disputato tutti i soci più competitivi. Idem dicasi per quanto riguarda il tabellone femminile: erano tutte più agguerrite che mai”. Buon segno: vuol dire che il tennis in Castello sta via via diventando un appuntamento sempre più atteso e ambito.


TORNEO SOCIALE 2018, TUTTE LE FINALI

Singolare maschile: Marco Guerini b. Maurizio Capra 6-3 6-4

Singolare femminile: Mara Paterlini b. Ines Prandelli 3-6 6-4 10/8

Doppio maschile: Guerini/Montuschi b. Mori/Pedrini 6-3 6-1

Doppio femminile: Pedretti/Prandelli b. Baini/Ballabio 6-4 6-2

Doppio misto: Ballabio/Guerini b. Gavazzi/Schiffo 6-3 6-3


FORZA E COSTANZA, DA OLTRE UN SECOLO IL TENNIS NEL BRESCIANO

Il tennis Forza e Costanza 1911 rappresenta un riferimento prestigioso nella tradizione sportiva bresciana. Il Circolo gode di una collocazione affascinante sul colle Cidneo, incastonato laddove un tempo sorgeva il fossato del Castello medioevale. Cinque i campi in terra battuta e uno in materiale sintetico, quattro dei quali illuminati. La Club House ospita gli spogliatoi, la segreteria e il ristorante, in grado di accogliere fino a cinquanta persone. La struttura storica, quella del Castello, durante l’anno è a disposizione dei soci, circa un centinaio. E a giugno si trasforma nella suggestiva cornice del secondo più importante torneo professionistico femminile d’Italia. Gli Internazionali di Brescia rappresentano il fiore all’occhiello dell’attività del club, e per la l’undicesima edizione metteranno di nuovo in palio 60mila dollari di montepremi. Un’altra sede, dedicata alla Scuola Sat e all’attività invernale, in Via Signorini.

Leggi Tutto

Serie A2: Ceriano resta terza dopo il turno di riposo



Ceriano Laghetto, 5 novembreTutto come da copione, o quasi. La quinta giornata del girone 1 del campionato femminile di Serie A2 non regala grosse sorprese e il CT Ceriano, che ha osservato il suo turno di riposo, resta al terzo posto, in piena zona playoff, anche se in coabitazione con il Ct Palermo. La sorpresa di giornata, se così la si può definire, arriva proprio dalla formazione siciliana che si impone nella difficile trasferta di Bologna per 3-1, sorpassando proprio la compagine felsinea e agganciando il CTC in terza posizione a quota 7 punti. Per il resto, l’USD Tennis Beinasco non ha avuto difficoltà a superare il TC 2002 Cloud Finance di Benevento con un secco 4-0. Stesso punteggio per il Tc Cagliari, che nella trasferta brianzola s’è imposto sul Tennis Cesano senza perdere nemmeno un punto. Cagliari e Beinasco restano dunque saldamente in testa al raggruppamento con 12 punti mentre al terzo posto Ceriano e Palermo si giocano l’ultimo pass utile per accedere ai playoff. Bologna invece è già matematicamente ai playout. Chiudono il girone Cloud Finance Benevento con 1 punto e Cesano, ancora fermo a zero. Sebbene manchino ancora due giornate alla fine del girone, i ruoli sembrano già ben definiti con due formazioni a giocarsi la leadership e altrettante pretendenti a un posto nei playoff: il Ct Ceriano e il Ct Palermo.

Domenica prossima la ragazze del club di via Campaccio saranno a Benevento per sfidare il TC 2002 Cloud Finance, mentre il Ct Palermo cercherà i tre punti contro Cesano: due impegni sulla carta abbordabili per entrambi. Probabile dunque che il terzo posto si decida al fotofinish. Il 18 novembre, nell’ultima giornata, il Ct Ceriano ospiterà il Ct Bologna mentre il Ct Palermo giocherà il derby delle isole in Sardegna, contro il Tc Cagliari (che a sua volta sarà in piena lotta con l’USD Tennis Beinasco per il primo posto). C’è ottimismo in casa Ceriano dopo i due successi consecutivi ottenuti dalla formazione capitanata da Marcella Campana, ma l’imperativo è restare con i piedi per terra. “Vincere a Benevento è fondamentale per raggiungere il terzo posto – spiega il Presidente del CTC Severino Rocco – ma non dobbiamo sottovalutare nessuno degli impegni che ci restano. L’obiettivo resta quello di salvarci prima di tutto e poi di giocarci un’eventuale promozione. Siamo a fine stagione – prosegue Rocco – e in questa fase le sorprese sono sempre dietro l’angolo: noi dobbiamo restare concentrati e con la consapevolezza che il terzo posto è un obiettivo alla nostra portata”. Servono dunque carattere e continuità: quelle stesse doti che hanno permesso a questa squadra di tornare protagonista nel proprio raggruppamento dopo un avvio incerto. Il bello viene adesso.


I RISULTATI SERIE A2 2018 – GIRONE 1, QUINTA GIORNATA

USD Tennis Beinasco – TC 2002 Cloud Finance 4-0, CT Bologna – CT Palermo 1-3, Tennis Cesano – TC Cagliari 0-4. CT Ceriano, riposo.


LA CLASSIFICA – Girone 1

Tc Cagliari 12 punti, Usd Tennis Beinasco 12 punti, Ct Ceriano 7 punti, Ct Palermo 7 punti, Ct Bologna 4 punti, Tc 2002 Cloud Finance Benevento 1 punto, Tennis Cesano 0 punti.


CLUB TENNIS CERIANO, UNA STAGIONE DA SERIE A

II Club Tennis Ceriano svolge la propria attività in due sedi, quella principale di Ceriano Laghetto (MB) e in quella di Saronno (VA). Fin dalla sua fondazione, nel 1985, si è posto l’obiettivo di coniugare le ambizioni agonistiche a un ambiente familiare. Il CTC è sede di importanti eventi di rilevanza nazionale, il campionato di serie A femminile e i due Tornei Open maschile e femminile. A livello nazionale il circolo vanta una struttura tecnica e organizzativa di primo piano, con un’articolata attività giovanile agonistica che partendo dall’under 10 arriva fino all’under 16. La Scuola Tennis guidata dal Maestro Nazionale FIT Silverio Basilico, consta di ben 260 allievi divisi tra Settore Addestramento e Settore Agonistico e partecipa ogni anno con ben 15 squadre ai Campionati Nazionali, con la ciliegina sulla torta rappresentata dalla formazione femminile di serie A2. Il Club Tennis Ceriano è un punto di riferimento a livello regionale oltre che per i risultati agonistici anche per l’intensa attività promozionale nelle scuole elementari, che da oltre un decennio, coinvolge ogni anno oltre 2000 bambini nel progetto “Tennis e Fair Play”.

Leggi Tutto

Serie A1, il Tc Crema pareggia con Massa Lombarda



Crema, 4 novembre 2018 – La sconfitta per 5-1 nel match d’andata al Circolo Tennis Massa Lombarda gridava ancora vendetta, perché la differenza di valore fra le due formazioni non è così ampia. Una certezza che il Tennis Club Crema ha confermato nel duello di ritorno fra le mura amiche, chiuso con un 3-3 che soddisfa entrambe le squadre, appaiate in classifica alle spalle di Circolo Canottieri Aniene e Tc Genova 1983. A trascinare i padroni di casa ci ha pensato un ottimo Andrey Golubev, apparso tanto in palla da far rimpiangere il fatto che abbia deciso di dire basta con l’attività internazionale. Il 31enne kazako cresciuto a Bra (Cuneo) aveva il dente avvelenato per la sconfitta in Romagna contro il giovane cinese Zhizhen Zhang, che gli aveva lasciato appena cinque game, e una ventina di giorni più tardi ha avuto la sua vendetta, imponendosi per 7-5 6-4 in un confronto di altissimo livello. Visto il precedente, Golubev non era favorito, ma ha infuocato il clima del Palatennis con un match perfetto, consegnando ai cremaschi l’1-1, dopo il vantaggio ospite grazie al successo di Julian Ocleppo su Alessandro Coppini (6-1 6-4). Successivamente, i lombardi sono anche saliti sul 2-1 grazie a un altro splendido match di Lorenzo Bresciani, che al Tc Crema si allena da tempo, e che in questa Serie A1 sta continuando a stupire. Il 18enne mantovano ha mostrato nuovi progressi dominando la sfida contro Alessio De Bernardis (6-2 6-3), prima che Federico Gaio chiudesse i singolari sul 2-2, sfoderando il suo miglior tennis per battere per 6-4 7-5 Adrian Ungur.

Andrey Golubev, kazako classe 1987 (foto GAME)

Nessuna sorpresa dai doppi: la coppia Golubev/Coppini era favorita contro Zhang e il sedicenne Lorenzo Rottoli, e con un match attento e preciso l’ha spuntata con un doppio 6-4, mentre Bresciani e Ungur erano chiamati a una mezza impresa per battere Gaio e Ocleppo. Impresa che non è arrivata, visto che i due portacolori del team ravennate si sono imposti per 6-3 6-4, facendo la differenza nei pochi momenti decisivi. “In generale – ha detto il capitano Armando Zanotti – siamo soddisfatti di come è andata. Era difficile pretendere di più, e siamo contenti delle prestazioni dei ragazzi. Golubev si è dimostrato un’altra volta un grande uomo squadra, mentre Bresciani continua a stupire e ricevere complimenti. È il simbolo del buon funzionamento del nostro vivaio”. Terminato il trittico di incontri casalinghi, ora il Tc Crema si prepara per due trasferte consecutive, che chiuderanno la “regular season”. La prima sarà domenica 11 novembre al Tc Genova 1983, che a sorpresa ha superato il CC Aniene nell’anticipo di mercoledì, salendo al secondo posto del Girone 2. “Non sarà un duello facile – chiude Zanotti –, perché gli avversari possono schierare giocatori di altissimo livello. Tuttavia, andiamo a Genova con la solita determinazione e anche tanta fiducia, grazie al successo dell’andata”. Un buon punto di partenza per una sfida importantissima. Buona parte delle chance del Tc Crema di chiudere al 2° posto, ed evitare quindi i play-out, passano dalla città della Lanterna.


RISULTATI QUARTA GIORNATA GIRONE 2

Tennis Club Crema vs Circolo Tennis Massa Lombarda 3-3

Ocleppo (M) b. Coppini (C) 6-1 6-4, Golubev (C) b. Zhang (M) 7-5 6-4, Bresciani (C) b. De Bernardis (M) 6-2 6-3, Gaio (M) b. Ungur (C) 6-4 7-5, Gaio/Ocleppo (M) b. Bresciani/Ungur (C) 6-3 6-4, Coppini/Golubev (C) b. Rottoli/Zhang (M) 6-4 6-4.


CLASSIFICA GIRONE 2

1. Circolo Canottieri Aniene, 9 punti (15-9)

2. Tennis Club Genova 1893, 6 punti (13-11)

3. Tennis Club Crema, 4 punti (10-14)

4. Circolo Tennis Massa Lombarda, 4 punti (10-14)


IL CALENDARIO

Prima giornata (14 ottobre)

Ct Massa Lombarda vs Tennis Club Crema 5-1

Tc Genova 1893 vs Circolo Canottieri Aniene 2-4

Seconda giornata (21 ottobre)

Tennis Club Crema vs Tc Genova 1893 4-2

Circolo Canottieri Aniene vs Ct Massa Lombarda 5-1

Terza giornata (28 ottobre)

Tennis Club Crema vs Circolo Canottieri Aniene 2-4

Ct Massa Lombarda vs Tc Genova 1893 1-5

Quarta giornata (4 novembre)

Tennis Club Crema vs Ct Massa Lombarda 3-3

Circolo Canottieri Aniene vs Tc Genova 1893 2-4

Quinta giornata (11 novembre)

Tc Genova 1893 – Tennis Club Crema

Ct Massa Lombarda – Circolo Canottieri Aniene

Sesta giornata (18 novembre)

Circolo Canottieri Aniene – Tennis Club Crema

Tc Genova 1893 – Ct Massa Lombarda

Leggi Tutto

Niccolò Rossi, da Milano a Milwaukee fra tennis, business e psicologia



31 ottobre 2018 – Spagna, Svizzera, Ecuador, Brasile, Argentina, Serbia e… Italia. Scorrendo il ‘roster’ della squadra di tennis della Cardinal Stritch University spunta anche il tricolore, sventolato a Milwaukee (Wisconsin) da Niccolò Rossi. Il diciannovenne di Buccinasco (alle porte di Milano) nell’estate del 2017 ha deciso di cercare fortuna negli Stati Uniti, col tennis a fare da filo conduttore a una storia che coniuga sport e studi. Da una parte la racchetta, impugnata la prima volta a sei anni e mai più abbandonata; dall’altra i libri, compagni di un percorso scolastico di ottimo livello, in un liceo di scienze applicate con indirizzo sportivo. La media era sempre sopra il sette, malgrado gli impegni col tennis, così, al bivio sport-università che si presenta davanti a tanti maturandi, Niccolò ha scelto di non scegliere. O meglio, ha deciso di prendere entrambe le strade, sfruttando la classifica Fit di 2.5 per guadagnarsi una borsa di studio per il college, dove prosegue serenamente entrambe le attività. “Sapevo – racconta – che se avessi studiato in Italia non sarei riuscito a continuare a giocare a livello agonistico, un divertimento al quale non volevo rinunciare”. Così ha deciso di dar retta alla proposta di Corrado Degl’Incerti Tocci, che in passato ha fatto il suo stesso percorso grazie al tennis, e poi ha fondato l’agenzia StAR International per guidare altri giovani verso l’America. “Corrado – continua Rossi – si è occupato dell’intera parte organizzativa, e senza di lui non sarei qui. Non avevo idea di come contattare un college o come ottenere una borsa di studio. In più, mi ha anche fatto capire il valore dell’esperienza che stavo per provare. Non gli sarò mai grato abbastanza per tutto questo”.

Rossi (terzo da sinistra, in piedi) coi compagni di squadra dei “Wolves”

Insieme, i due hanno valutato che l’opzione migliore fosse la Cardinal Stritch University, dove da un annetto Niccolò è diventato semplicemente “Nick” e sta frequentando due corsi di laurea contemporaneamente: uno in business, l’altro in psicologia. Una sfida che lo impegna molto ma è anche tanto stimolante, così come la possibilità di giocare nel Campionato NAIA (una sorta di NCAA per college più piccoli) e viaggiare con la squadra, della quale è stato promosso a capitano. Un piccolo passo verso l’obiettivo futuro di diventare vice-coach, posizione che gli permetterebbe di frequentare un Master interamente gratuito. Tuttavia, per arrivare lì ci sarà tempo, perché la laurea è ancora lontana e per ora il gruppo degli Wolves (così sono detti gli sportivi del suo college) se lo tiene stretto come giocatore, visti gli ottimi risultati in campo, sia col team sia a livello individuale. In più, va alla grande anche negli studi, grazie a un ambiente che gli è piaciuto da subito. “Forse per la prima volta – ha aggiunto – ho conosciuto docenti che amano ciò che fanno. In Italia l’università riempie gli studenti di nozioni, mentre qui, anche se la quantità di studio è minore, si fanno più esperienze a livello pratico”. In sintesi, un sistema scolastico con cardini diversi rispetto al nostro, ma che garantisce maggiori opportunità. E le garantisce a tutti: basta provare. “Per compiere questo passo – chiude Rossi – servono grandi ambizioni, che in certi ambienti è più difficile coltivare. Ogni persona, per conoscersi meglio e maturare, dovrebbe provare un’esperienza così”. Chiunque l’abbia fatto giura di aver preso la strada giusta.


StAR INTERNATIONAL – SCRIVI LA TUA STORIA

StAR nasce con uno scopo preciso: assistere tutti quei ragazzi che al termine delle scuole superiori devono prendere una delle decisioni più importanti della loro vita: continuare a praticare il proprio sport a un buon livello o dedicarsi agli studi universitari. Ma se ci fosse un’altra strada? StAR si offre di fare da ponte verso le università americane, dove il sistema è costruito intorno all’atleta e le opportunità sono illimitate. In questo ambiente è possibile vivere un’esperienza indimenticabile e formativa, imparare perfettamente l’inglese, ottenere una laurea di valore assoluto e continuare a praticare il proprio sport ad alto livello. Il tutto sfruttando le borse di studio che ogni anno le università americane erogano per decine di migliaia di ragazzi. Visita www.star-international.org, la nostra pagina Facebook o contattaci direttamente per e-mail su info@star-international.org per avere ulteriori informazioni.

Leggi Tutto

Lopizzo, Ardo e Giacchi/Colombo sbancano il Lombardia Tennis Tour



30 ottobre 2018 – Bradenton chiama, Francesco Lopizzo e Annachiara Ardo rispondono. Con l’entusiasmo a mille per essersi appena guadagnati un’opportunità impareggiabile, tradotta nel voucher per una settimana di allenamento in Florida, alla Img Academy di Nick Bollettieri. Sono il 35enne del Quanta Club Milano e la 14enne del Tennis Club Varese i vincitori in singolare del Master finale del Lombardia Tennis Tour, culminato lo scorso week-end a Marnate (Varese) dopo una stagione da 15 tappe e tanti successi, spalmati fra Milano, Como e Varese. Curiosamente, ogni provincia coinvolta è rappresentata fra i vincitori, coi doppisti comaschi Giacchi e Colombo a completare il tris. Il titolo più sorprendente è quello finito nelle mani di Lopizzo, che si era guadagnato l’ultimo dei sedici posti disponibili per il Master, e partiva con la seconda peggior classifica fra tutti i partecipanti (3.5). Ma la posizione nelle graduatorie Fit era semplicemente dovuta al fatto che ha ripreso a giocare nel 2018, tanto da riuscire a passare nel giro di soli sette mesi dalla classifica di 4.4 a quella di 3.1, in arrivo a breve. Insomma, chi lo conosceva sapeva che per il titolo bisognava fare i conti anche con lui, e Lopizzo non ha deluso, andando in crescendo match dopo match. Fra quarti e semifinale ha battuto prima Panaro e poi Curioni, due dei big del Tennis Tour, e in finale l’ha spuntata sul 3.1 Andrea Manzato, imponendo il suo tennis bum-bum con servizio e diritto al termine di una bellissima partita chiusa con il punteggio di 7-6 6-3, davanti al tanto pubblico accorso per il gran finale.

Sorprendente anche la vincitrice al femminile, Annachiara Ardo, che ha azzeccato la settimana giusta nel momento giusto. Nonostante gli appena 14 anni è stata lei a buttar fuori le due favorite, prima Clementina Rovere e poi Alessia Cattaneo (entrambe insegnanti di tennis di professione), e una volta giunta in finale ha sfruttato un pizzico di esperienza in più per superare la comasca di origini kosovare Liriza Selishta, battuta per 6-3 6-1 in un match mai in discussione. E pensare che a causa di qualche risultato così così nella prima parte dell’anno la Ardo aveva deciso di prendersi un periodo senza tornei, poi ha vinto la tappa di Parabiago del Tennis Tour e da lì è ripartita. Fino a conquistare uno dei titoli più ambiti della stagione, con un gran bel tennis e una serietà rara da trovare in una ragazza così giovane. Per rendere l’idea, è stata una delle poche a preparare le partite con la massima attenzione, lavorando in campo – prima degli incontri – con il suo allenatore Andrea Piran: una mossa vincente. Come si è rivelata vincente, ancora una volta, la coppia composta da Nicolò Giacchi e Giacomo Colombo, 19 e 20 anni, compagni d’allenamento al Tc Rovellasca (Como). Il percorso comune ha permesso loro di creare una meravigliosa alchimia, capace di guidarli al titolo regionale del Tennis Tour per il secondo anno di fila. In una finale equilibratissima i due hanno avuto la meglio per 6-7 7-5 10/2 contro Gugliotta e Starr Stabile, alzando il livello nei momenti chiave della partita. Lo dimostra il punteggio: una volta trovata la chiave per prendersi il secondo set hanno cambiato marcia, dominando il long tie-break prima di festeggiare con un bell’abbraccio. Una delle tante immagini felici di un circuito che continua a crescere, regalando emozioni. E non solo.


I RISULTATI

Singolare maschile

Ottavi di finale: Cova b. Carini 6-2 6-3, Curioni b. Luoni 6-3 2-6 6-5 ritiro, Lopizzo b. Liguori 2-1 ritiro, Panaro b. Maronati 4-6 6-1 6-0, Colciago b. Palestra 6-4 6-1, Fava b. Rossetti 6-1 6-2, Gimbelli b. Mariani 6-4 6-0, Manzato b. Sartori 6-4 6-2. Quarti: Curioni b. Cova 6-2 4-6 6-4, Lopizzo b. Panaro 6-2 6-2, Colciago b. Fava 6-3 6-2, Manzato b. Gimbelli 7-5 3-6 6-2. Semifinali: Lopizzo b. Curioni 6-4 1-6 6-3, Manzato b. Colciago 6-3 6-0. Finale: Francesco Lopizzo b. Andrea Manzato 7-6 6-3.

Singolare femminile

Ottavi di finale: Cattaneo b. Belotti 6-4 6-2, Orgera b. Terzaghi 6-3 6-0, Rovere b. Novati 6-0 6-0, Ardo b. Sormani 6-2 6-0, Llorente Scipio b. Dell’Orto 7-5 6-2, Selishta b. Martinelli 6-0 6-1, Di Palma b. Sala 6-1 6-0, Dedè b. Brambilla 6-4 7-6. Quarti di finale: Cattaneo b. Orgera 6-4 6-4, Ardo b. Rovere 6-4 6-3, Selishta b. Llorente Scipio 6-1 7-5, Di Palma b. Dedè 2-6 6-2 5-0 ritiro. Semifinali: Ardo b. Cattaneo 6-4 7-6, Selishta b. Di Palma 6-3 6-4. Finale: Annachiara Ardo b. Liriza Selishta 6-3 6-1.

Doppio maschile

Ottavi di finale: Favetti/Mariani b. Amodeo/Cervini 6-2 6-2, Gimbelli/Macchi b. Casale/Bienati 5-7 7-6 10/8, Giacchi/Colombo b. Meroni/Terrenghi 6-2 6-1, Rotteglia/Marcon b. Bisio/Liguori 5-7 6-1 10/2, Gugliotta/Starr Stabile b. Luzzi/Colombo 6-3 6-3, Sapone/Raina b. Cremonesi/Frigoli 6-7 6-4 12/10, Sansotera/Manara b. Bestetti/Soria 6-3 6-4, Fava/Sala b. Ceruti/Colla 6-4 6-0. Quarti di finale: Gimbelli/Macchi b. Favetti/Mariani 5-7 7-6 10/8, Giacchi/Colombo b. Rotteglia/Marcon 6-7 6-2 10/5, Gugliotta/Starr Stabile b. Sapone/Raina 6-2 6-7 10/6, Sansotera/Manara b. Fava/Sala 7-6 1-6 10/7. Semifinali: Giacchi/Colombo b. Gimbelli/Macchi 6-4 6-2, Gugliotta/Starr Stabile b. Sansotera/Manara ritiro. Finale: Giacchi/Colombo b. Gugliotta/Starr Stabile 6-7 7-5 10/2.


CLASSIFICA DEI CIRCOLI

1° posto: Circolo Tennis Parabiago

2° posto: Tennis Club Gallarate

3° posto: Tennis Club Lainate

Leggi Tutto

Lo Junior Tennis Milano inaugura una “nuova era”. Fantasio Piscopo direttore tecnico



Milano, 29 ottobre 2018 – Si è aperta una “nuova era” allo Junior Tennis Milano, che ormai da qualche settimana ha affidato la direzione tecnica del club a Fantasio Piscopo, tecnico nazionale Fit, classe 1967. Per lui si tratta di un ritorno a casa, visto che con i colori del club di via Cavriana aveva giocato e vinto una Coppa Lambertenghi nel 1979. “Ho giocato per lo Junior dal 1979 al 1983 e conosco bene la filosofia di questo club unico in Italia – ha confermato il maestro –. Qui si punta sul vivaio ed è un onore lavorare con questi obiettivi”. Nel curriculum da coach, il neo responsabile dell’area tecnica vanta la direzione tecnica dello Sporting Club Saronno dal 1990 al 2004, anni durante i quali il club ha conquistato 3 titoli nazionali individuali e 18 titoli regionali a squadre. Poi, nelle stagioni seguenti, Piscopo si è trasferito nella vicina Ceriano, contribuendo in modo decisivo alla storica promozione della squadra femminile in Serie A1. Ora per lui, reduce dall’ottima esperienza al Tennis Club Cantù, ecco una nuova sfida. Gli obiettivi sono già molto chiari. “Per quest’anno, al di là dei singoli risultati delle squadre, è quello di creare un nuovo, forte collegamento tra scuola e settore agonistico, perché non devono essere considerate come due realtà diverse ma come un percorso unico, in piena sintonia con la filosofia che da sempre contraddistingue lo Junior. Per questo, daremo il via al progetto ‘Agonistica Prima Fase’”.

La squadra femminile under 12 dello Junior

I primi risultati di questa “nuova era” non si sono fatti attendere e sono incoraggianti. Primo fra tutti il terzo posto ottenuto dalla squadra femminile under 12 ai Campionati nazionali giovanili a squadre che si sono disputati in quel di Campobasso. Sofia Aloja (3.5), Emma Prisco (4.2) e Manuela Stringhini (4.4), agli ordini di capitan Mario Sassi, hanno intrapreso uno straordinario cammino nelle fasi conclusive che hanno deciso lo scudetto 2018, perdendo solo dal Ct Lucca e vincendo la finale per il terzo e quarto posto contro il il Circolo Parioli Roma. A livello individuale, da segnalare i quarti di finale raggiunti da Sofia Aloja nella Coppa Lambertenghi 2018 e gli ottimi progressi evidenziati da Emma Prisco. Sempre tra i più giovani, si è messo subito in luce Federico Pincini, proveniente dal Tc Ambrosiano, che si è aggiudicato il rodeo alla Mongodi Tennis Academy di Cividino (Bergamo) nella categoria under 12. Naturalmente, le prove più significative arriveranno con il 2019, quando il calendario della nuova stagione sarà fitto di impegni, sia a squadre che individuali. Intanto la Scuola Addestramento Tennis fa registrare l’ennesimo sold out, confermando quel trend che, già negli ultimi due anni, aveva portato a un sensibile aumento delle frequenze bisettimanali dei corsi a discapito di quelle monosettimanali. Insomma, lo Junior riparte da quel vivaio che da sempre rappresenta il cuore della sua filosofia sportiva.


JUNIOR TENNIS MILANO, LA SCUOLA TENNIS AMICA DELL’AMBIENTE

Lo Junior Tennis Milano Dario Mattei Gentili inizia la sua attività nel 1957 sui due campi del Coni in via Mecenate e, dopo un paio di cambi di sede, nel 1968 approda in via Cavriana 45 dove, nel corso degli anni realizza un’ampia e moderna struttura che può contare su 12 campi (9 in terra rossa) tre dei quali dotati di una copertura permanente realizzata per favorire il risparmio energetico, con pannelli fotovoltaici da 61,5mila Kwh sul tetto per la produzione di energia pulita. Lo Junior si distingue dalla maggior parte delle altre realtà perché non è un circolo nel senso stretto, come tanti sul territorio, ma esclusivamente una scuola di addestramento al tennis per i giovani tra i 5 e i 16 anni che ospita in media 420 allievi all’anno.

Leggi Tutto

Serie A2: Ceriano stravince il derby con Cesano



Ceriano Laghetto, 28 ottobre – Un derby è sempre una partita diversa dalle altre. Il Ct Ceriano, nella 4a giornata della Serie A2 femminile 2018, ha stravinto quello tutto brianzolo perché rispetto al Tennis Cesano di diverso ha anche le qualità in campo, gli obiettivi e le ambizioni stagionali. Le ‘cugine’ di Cesano Maderno, sempre provincia di Monza Brianza, hanno rifondato la squadra che le aveva portate così in alto negli anni scorsi; Ceriano invece ha fatto affidamento sulla solidità del suo zoccolo duro – senza nemmeno ricorrere alle ‘star’ straniere – per portare a casa un 4-0 che ora pare aprire nuovi scenari nel girone 1. Ancora prive della tedesca Anne Schaefer e della svizzera Conny Perrin, le componenti della rosa dal miglior best ranking Wta (rispettivamente n.161 e n.134), le ragazze di capitan Marcella Campana hanno portato a casa la seconda vittoria stagionale sul sintetico della Robur Saronno, palcoscenico ormai abituale delle gare casalinghe. Che non sarebbe stato un derby sofferto, di quelli da vincere al 90°, lo si è capito fin dalle prime battute: Alice Moroni non ha impiegato nemmeno un’ora per avere la meglio su Vittoria Avvantaggiati nell’incontro che ha aperto la giornata. Ancora meno fatica ha fatto Angelica Moratelli, che non ha lasciato nemmeno un game in 43 minuti di confronto con Chiara Quattrone. A completare il tris dei singolari vinti ci ha pensato Rachele Elisa Zingale, brava a superare un avvio punto-a-punto prima di prendere il volo e chiudere sempre in due set (6-3 6-1).

A quel punto il doppio è servito solo a fissare il punteggio sul 4-0 e ad arrotondare ulteriormente una differenza match vinti/persi che nell’economia del girone può sempre tornare utile. “Questa era una partita da vincere – ha detto a caldo Marcella Campana – ma poi ogni match va giocato e vinto sul campo”. A proposito di equilibri del raggruppamento: dopo un inizio complesso, fatto di un pareggio e una sconfitta, adesso la classifica di Ceriano sorride un po’ di più: sì, perché le brianzole dopo la quarta giornata di gare sono salite al terzo posto, dietro soltanto a Tc Cagliari e Usd Beinasco (in vetta a parimerito a quota 9: le piemontesi in questa quarta giornata hanno agganciato proprio Cagliari in vetta vincendo in trasferta proprio in Sardegna per 1-3). Ceriano dal canto suo ha staccato il Ct Bologna, fermo per il turno di riposo (ha 4 punti e la prossima domenica, quando sarà Ceriano a riposare, avrà la chance di appaiarsi nuovamente). “Potevamo anche avere qualche punto in più – aggiunge ancora Marcella Campana -, riguardando indietro possiamo recriminare su qualche occasione non sfruttata, ma ora che siamo praticamente al giro di boa non possiamo che essere soddisfatti”. E guardare ai restanti due impegni di regular season (il prossimo domenica 11 novembre a Benevento) con entusiasmo.


I RISULTATI

SERIE A2 2018 – GIRONE 1, QUARTA GIORNATA

Ct Ceriano – At Cesano 4-0 – Alice Moroni (CER) b. Vittoria Avvantaggiati (CES) 6-0 6-3, Angelica Moratelli (CER) b. Chiara Quattrone (CES) 6-0 6-0, Rachele Elisa Zingale (CER) b. Alice Oriali (CES) 6-3 6-1. Doppio: Angelica Moratelli/Gloria Stuani (CER) b. Chiara Quattrone/Alice Oriali (CES) 6-1 6-2.


LA CLASSIFICA – Girone 1

Tc Cagliari 9 punti, Usd Tennis Beinasco 9 punti, Ct Ceriano 7 punti, Ct Bologna 4 punti, Ct Palermo 4 punti, Tc 2002 Cloud Finance Benevento 1 punto, Tennis Cesano 0 punti.


CLUB TENNIS CERIANO, UNA STAGIONE DA SERIE A

II Club Tennis Ceriano svolge la propria attività in due sedi, quella principale di Ceriano Laghetto (MB) e in quella di Saronno (VA). Fin dalla sua fondazione, nel 1985, si è posto l’obiettivo di coniugare le ambizioni agonistiche a un ambiente familiare. Il CTC è sede di importanti eventi di rilevanza nazionale, il campionato di serie A femminile e i due Tornei Open maschile e femminile. A livello nazionale il circolo vanta una struttura tecnica e organizzativa di primo piano, con un’articolata attività giovanile agonistica che partendo dall’under 10 arriva fino all’under 16. La Scuola Tennis guidata dal Maestro Nazionale FIT Silverio Basilico, consta di ben 260 allievi divisi tra Settore Addestramento e Settore Agonistico e partecipa ogni anno con ben 15 squadre ai Campionati Nazionali, con la ciliegina sulla torta rappresentata dalla formazione femminile di serie A2. Il Club Tennis Ceriano è un punto di riferimento a livello regionale oltre che per i risultati agonistici anche per l’intensa attività promozionale nelle scuole elementari, che da oltre un decennio, coinvolge ogni anno oltre 2000 bambini nel progetto “Tennis e Fair Play”.

Leggi Tutto

A1, il Tc Crema fa soffrire i campioni d’Italia ma non basta



Crema, 28 ottobre 2018 – Ci sono tre tie-break persi che gridano vendetta, e che con un pizzico di fortuna in più avrebbero dato tutt’altro sapore alla terza giornata del Tc Crema nel Campionato di Serie A1. Ma spesso, nel tennis, la differenza la fanno tanti piccoli dettagli, quelli che sui campi in terra battuta di via del Fante hanno premiato i tre volte campioni d’Italia del Circolo Canottieri Aniene, passati per 4-2. Davanti a un pubblico da grandi occasioni, numerosissimo sia per ammirare una giornata di grande tennis, sia per ricordare Stefano Tosi, istruttore del Tc Crema tragicamente scomparso sette giorni fa (alla sua memoria è stato osservato un minuto di silenzio), i padroni di casa hanno lottato per oltre cinque ore, ma il sogno di strappare almeno un punto alla capolista è sfumato in due match delicati. Come il singolare perso da Andrey Golubev contro Jacopo Berrettini, aperto da un set strepitoso del cremasco d’adozione, ma poi diventato improvvisamente equilibrato, fino all’amaro epilogo decretato dal 2-6 6-2 7-6 a favore del giovane romano; oppure il duello fra Alessandro Coppini e Liam Caruana. I due hanno lottato punto su punto per quasi due ore, ma la maggiore esperienza dell’italo-americano ha sancito un 7-6 7-5 (con set-point salvato) che ha lasciato l’amaro in bocca. Sotto per 3-0 in virtù del 6-3 6-3 imposto dall’ex top 100 Flavio Cipolla al giovane Bresciani, il Tc Crema ha accorciato le distanze grazie al solito Ungur, che dopo una partenza da incubo ha rimesso in piedi il duello contro Gianluigi Quinzi, prima che il marchigiano dell’Aniene si ritirasse al termine del secondo set, a causa di un fastidio muscolare a una gamba.

Come se non bastassero le recriminazioni nei singolari, ad aumentare i rimpianti ha contribuito anche uno dei due doppi. Mentre su un campo la coppia Coppini/Golubev batteva per 7-5 6-3 il duo Cipolla/Perin, sull’altro Ungur e Bresciani mancavano tre set-point consecutivi (da 6-3 al tie-break) per aggiudicarsi il primo parziale del duello con Berrettini/Caruana, prima di cedere per 11-9 un tie-break risultato decisivo nell’economia del match, poi chiuso dagli avversari per 7-6 6-2. “Siamo andati vicini a un risultato di spessore – ha commentato il capitano Armando Zanotti –, e anche se c’è un pizzico di amarezza siamo comunque contenti delle prestazioni dei ragazzi. L’aver tenuto testa ai campioni d’Italia conferma il valore della nostra formazione, e ci motiva in vista delle prossime partite”. Fra sette giorni al Tc Crema arriverà il Ct Massa Lombarda, per la prima giornata del girone di ritorno. La sfida completerà il trittico di duelli casalinghi dei lombardi, e sarà preziosissima visto che al giro di boa del campionato il Girone 2 è davvero aperto. Fatta eccezione per l’Aniene, al comando con nove punti, le altre tre formazioni si trovano tutte a 3 lunghezze, con una vittoria ciascuna. Aprire la seconda parte della competizione con un buon risultato vorrebbe dire fare un enorme passo avanti verso il secondo posto. Un obiettivo che questo Tc Crema ha i mezzi per accaparrarsi.


RISULTATI

TERZA GIORNATA GIRONE 2

Tennis Club Crema vs Circolo Canottieri Aniene 2-4

J. Berrettini (A) b. Golubev (C) 2-6 6-2 7-6, Caruana (A) b. Coppini (C) 7-6 7-5, Cipolla (A) b. Bresciani (C) 6-3 6-3, Ungur (C) b. Quinzi (A) 0-6 7-6 ritiro, Coppini/Golubev (C) b. Cipolla/Perin (A) 7-5 6-3, J. Berrettini/Caruana (A) b. Bresciani/Ungur (C) 7-6 6-2.


CLASSIFICA GIRONE 2

1. Circolo Canottieri Aniene, 9 punti (13-5)

2. Tennis Club Genova 1893, 3 punti (9-9)

3. Tennis Club Crema, 3 punti (7-11)

4. Circolo Tennis Massa Lombarda, 3 punti (7-11)


IL CALENDARIO

Prima giornata (14 ottobre)

Ct Massa Lombarda vs Tennis Club Crema 5-1

Tc Genova 1893 vs Circolo Canottieri Aniene 2-4

Seconda giornata (21 ottobre)

Tennis Club Crema vs Tc Genova 1893 4-2

Circolo Canottieri Aniene vs Ct Massa Lombarda 5-1

Terza giornata (28 ottobre)

Tennis Club Crema vs Circolo Canottieri Aniene 2-4

Ct Massa Lombarda vs Tc Genova 1893 1-5

Quarta giornata (4 novembre)

Tennis Club Crema – Ct Massa Lombarda

Circolo Canottieri Aniene – Tc Genova 1893

Quinta giornata (11 novembre)

Tc Genova 1893 – Tennis Club Crema

Ct Massa Lombarda – Circolo Canottieri Aniene

Sesta giornata (18 novembre)

Circolo Canottieri Aniene – Tennis Club Crema

Tc Genova 1893 – Ct Massa Lombarda

Leggi Tutto

Questo sito è full responsive ed è correttamente visualizzabile su ogni dispositivo. Computer, smartphone e tablet di ogni misura...