Il Ct Ceriano parte in quarta, 3-1 al Tennis Beinasco e festa



Esordio vittorioso per Ceriano nella seconda giornata del campionato di Serie A2 2019

Ceriano Laghetto (MB), 13 ottobre 2019 – Dubbi, attese e curiosità hanno lasciato presto spazio alla festa in casa Ceriano. Le ragazze brianzole hanno esordito come meglio non avrebbero potuto nel campionato di Serie A2 2019 superando le avversarie dell’US Tennis Beinasco per 3-1 davanti al pubblico di casa in quel di Saronno. Un successo tutt’altro che scontato perché la formazione piemontese era reduce dal rotondo 4-0 inflitto in casa allo Sporting Sassuolo mentre il club lombardo aveva osservato subito il turno di riposo nella prima giornata. E dire che le cose non erano iniziate nel migliore dei modi per Ceriano, perché la 28enne ungherese Reka-Luca Jani era partita fortissimo superando Anne Schaefer e portando le ospiti sull’1-0 al termine di un match teso ed equilibrato. Ci ha pensato poi Angelica Moratelli a riportare il punteggio in parità grazie all’ottimo successo su Martina Caregaro al terzo set. Sono serviti tre parziali anche a Gloria Stuani per aver ragione di Maria Canavese mentre, nel doppio, la coppia Moratelli/Stuani (che già lo scorso anno si era rivelata particolarmente affiatata) ha superato il duo Jani/Rizzetto per 6-2 7-5 regalando al club di via Campaccio il punto decisivo e la prima gioia stagionale.

Esordio migliore non poteva immaginare nemmeno il neo capitano Silverio Basilico, che commenta: “Sono molto soddisfatto per come hanno giocato le ragazze. Sono stati tutti match molto combattuti e loro hanno dimostrato grande spirito di squadra e la capacità di lottare. La settimana prossima ci aspetta un’altra sfida molto difficile contro Rungg, loro sono molto forti, ma noi faremo del nostro meglio e vedremo come andrà a finire”. Grazie a questo successo, Ceriano sale a tre punti proprio insieme all’US Beinasco mentre il TC Mestre consolida il primo posto grazie al netto successo di Sassuolo. Domenica prossima il Club di Ceriano ospiterà le altoatesine del Tennis Club Rungg che, dopo il 2-2 interno contro Cagliari e il successo odierno a Torino contro la formazione B dello Sporting Stampa, occupano il secondo posto nel girone 2 con 4 punti. Un incrocio delicato che potrà già rivelare molto sulle ambizioni di entrambe. Interessante, sulla carta, anche la sfida tra US Beinasco e Tc Mestre in un raggruppamento che appare davvero molto equilibrato.

RISULTATI
Seconda giornata Girone 2
Club Tennis Ceriano b. US Beinasco 3-1
Reka-Luca Jani (B) b. Anne Schaefer (C) 6-3 6-4, Angelica Moratelli (C) b. Martina Caregaro (B) 6-3 4-6 6-4, Gloria Stuani (C) b. Maria Canavese (B) 6-3 6-7 6-2, Moratelli/Stuani (C) b. Jani/Rizzetto (B) 6-2 7-5
CLASSIFICA GIRONE 2
1. Tennis Club Mestre, 6 punti
2. Tennis Club Rungg, 4 punti
3. Club Tennis Ceriano, 3 punti
4. US Tennis Beinasco, 3 punti
5. Tennis Club Cagliari, 1 punto
6. Sc Sassuolo, 0 punti
7. Sporting Stampa “B”, 0 punti
Area download immagini
Leggi Tutto

Partenza show del Tennis Club Crema: la trasferta a Forte dei Marmi è un trionfo



Foto 1 - Adrian Ungur, bandiera del Tennis Club Crema, ha firmato il primo punto nel successo per 5-1 contro il Tc Italia di Forte dei Marmi (foto GAME)

Crema, 13 ottobre 2019 – Un esordio così, al Tennis Club Crema, non se lo sarebbero immaginati nemmeno nei sogni più dolci. Perché alla prima stagionale in Serie A1 c’era da affrontare i due volte campioni nazionali (2012, 2015) del Tennis Club Italia, in trasferta a Forte dei Marmi. Si annunciava un duello difficile, anche in virtù dei precedenti fra le due formazioni, invece per i ragazzi di Armando Zanotti è stata una giornata trionfale, con un successo per 5-1 e i tre punti in cassaforte già al termine dei singolari. È vero che i padroni di casa si sono presentati senza nessuna delle proprie stelle, ma anche il Tc Crema era privo del nuovo numero uno Paolo Lorenzi (impegnato nelle qualificazioni del torneo Atp di Anversa), eppure i suoi compagni non ne hanno fatto rimpiangere l’assenza, grazie a delle prestazioni di alto livello. Ad aprire la giornata col piede giusto ci hanno pensato il solito Adrian Ungur, passato per 6-2 6-4 su Matteo Marrai, e un ottimo Lorenzo Bresciani, bravo a tenere sempre alla giusta distanza Marco Furlanetto, sconfitto per 6-3 6-4. Ma il meglio doveva ancora venire, ed è arrivato nei due match successivi: prima col debutto in grande stile del 17enne bergamasco Samuel Vincent Ruggeri, che di fronte alla responsabilità ha mostrato una certa maturità battendo con un doppio 6-3 lo spagnolo Luis Gomar Monio, poi con Andrey Golubev. La sfida fra il kazako e Walter Trusendi è iniziata in salita, con un 6-3 per il toscano nel primo set, ma il 32enne dell’Est, per anni di base in Piemonte, non ha mollato di un centimetro, trovando la chiave per ribaltare la partita nel secondo set.

Decisiva una fase centrale molto combattuta: Golubev è riuscito a trovare il tanto atteso break e da quel momento ha cambiato marcia, mostrando sprazzi di quel tennis che nel 2010 gli permise di arrivare al numero 33 della classifica mondiale. Dopo 2 ore e 5 minuti Golubev ha chiuso per 3-6 6-3 6-2, consegnando al Tc Crema il punto del 4-0 e la certezza della prima vittoria stagionale. I successivi doppi hanno fissato il punteggio sul definitivo 5-1, con la vittoria di Golubev/Vincent Ruggeri contro Furlanetto/Gomar Monio (6-2 3-6 10/2) e il punto della bandiera di Marrai/Trusendi, a segno per 6-3 6-4 su Bresciani/Sinicropi. “Siamo partiti benissimo – ha detto il capitano Armando Zanotti –, raccogliendo subito tre punti importanti. Tutti i ragazzi hanno risposto alla grande, sia i senatori sia i giovani, che continuano a fare progressi. Il nostro campionato non poteva partire meglio, ma rimaniamo con i piedi per terra. Ogni domenica si ricomincia da zero”. Il morale è alle stelle e i cremaschi si presenteranno col pieno di fiducia al trittico di match casalinghi: domenica 20 ottobre contro lo Sporting Club Sassuolo, domenica 27 contro il Match Ball Siracusa e venerdì 1 novembre contro il Tc Italia, per la prima del girone di ritorno. Tre incontri fondamentali per capire fin dove il Tennis Club Crema avrà la possibilità di spingersi.

RISULTATI
PRIMA GIORNATA GIRONE 1
Tennis Club Crema b. Tennis Club Italia Forte dei Marmi 5-1
Adrian Ungur (C) b. Matteo Marrai (I) 6-2 6-4, Lorenzo Bresciani (C) b. Marco Furlanetto (I) 6-3 6-4, Samuel Vincent Ruggeri (C) b. Luis Gomar Monio (I) 6-3 6-3, Andrey Golubev (C) b. Walter Trusendi (I) 3-6 6-3 6-2, Golubev/Vincent Ruggeri (C) b. Furlanetto/Gomar Monio (I) 6-2 3-6 10/2, Marrai/Trusendi (I) b. Bresciani/Sinicropi (C) 6-3 6-4.

CLASSIFICA GIRONE 1
1. Tennis Club Crema, 3 punti (5-1)
2. Match Ball Siracusa, 3 punti (4-2)
3. Sporting Club Sassuolo, 0 punti (2-4)
4. Tennis Club Italia, 0 punti (1-5)

Area download immagini

Leggi Tutto

Lumezzane si arrende a testa alta. La “prima” in A1 sfugge solo al tie-break del doppio



Foto 1 - La formazione della Bal Lumezzane in Serie A1. Da sinistra: Alberto Paris (cap.), Eleonora Canovi, Ylena In-Albon, Georgia Brescia, Sara Cicognani, Rubina De Ponti, Elisa Belleri (vice cap.)

Lumezzane, 13 ottobre – Fare il proprio esordio nel massimo campionato nazionale contro la squadra che quel campionato lo ha vinto in quattro delle ultime sei edizioni non è per niente facile. Ma nella “prima” assoluta in A1, il Bal Lumezzane è uscito a testa alta, sconfitto dalle pluri campionesse del Tennis Club Prato ma capace di vendere cara la pelle fino all’ultimo punto, mostrando di avere le carte in regola per ambire a un buon campionato. La differenza nel palmarès fra le due realtà era già di per sé un ostacolo, e in più la squadra toscana si è presentata in Lombardia con la migliore formazione possibile, tanto da obbligare agli straordinari la numero uno Martina Trevisan, in campo sabato in Sardegna per la finale di un torneo Itf da 25 mila dollari e poi partita immediatamente per la provincia di Brescia. Sul sintetico del Tennis Club Lumezzane è finita 3-1 per le ospiti, subito avanti proprio grazie alla mancina di Firenze, che non ha accusato il repentino passaggio dalla terra rossa all’aperto al veloce indoor, spuntandola per 6-2 6-1 su Georgia Brescia. Ma le toscane hanno avuto ben poco tempo per festeggiare, perché una ventina di minuti più tardi è arrivato l’1-1 di una splendida Ylena In-Albon. La svizzera non partiva favorita contro la slovacca Kristina Kucova, numero 145 Wta ma con un best ranking di numero 71, invece ha ripreso esattamente da dove aveva lasciato nel 2018, sfoderando un’altra grande prestazione che le ha permesso di imporsi per 6-3 6-4, regalando alla sua squadra il primo storico singolare vinto in A1.

Il Tennis Club Prato è però tornato in vantaggio un’oretta più tardi, grazie al successo di Lucrezia Stefanini contro Rubina De Ponti, sconfitta per 6-2 6-1, e poi ha completato l’opera dopo la pausa, nel doppio conclusivo. Le pratesi hanno schierato la coppia Stefanini/Trevisan, mentre il capitano delle bresciane Alberto Paris ha mandato in campo la migliore di giornata, Ylena In-Albon, in coppia con la comasca Eleonora Canovi, altro elemento del vivaio (la cui presenza è obbligatoria in uno dei singolari e nel doppio). Un accoppiamento azzeccato, visto che le due ragazze sono riuscite a sorpresa a strappare il primo set alle rivali, chiudendo per 6-4, e dopo l’1-6 del secondo sono arrivate a giocarsi il punto del possibile 2-2 al long tie-break. In-Albon e Canovi sono state anche in vantaggio per 3-2, ma quando è arrivato il momento decisivo la coppia rivale si è mostrata superiore, infilando un parziale di 8 punti consecutivi che le ha consegnato il successo, per 4-6 6-1 10/3. “Per essere l’esordio in Serie A1 – ha detto il capitano Alberto Paris – non è andata affatto male. Ylena In-Albon ha giocato a un livello incredibile in singolare, e anche nel doppio le ragazze non sono andate lontane dalla vittoria. C’è addirittura un pizzico di rammarico perché a un certo punto speravamo in un pareggio, ma a questi livelli basta poco per cambiare una partita. Comunque il nostro avvio resta incoraggiante”. Visto l’esito della prima giornata, il team bresciano può guardare con fiducia alla seconda, fra sette giorni al Tc Genova, che all’esordio ha superato per 4-0 Faenza. Sarà un’altra sfida complicata, ma il Bal Lumezzane ha dimostrato di potersela giocare.

RISULTATI
Prima giornata Girone 1
Tennis Club Prato b. Bal Lumezzane 3-1
Martina Trevisan (P) b. Georgia Brescia (L) 6-2 6-1, Ylena In-Albon (L) b. Kristina Kucova (P) 6-3 6-4, Lucrezia Stefanini (P) b. Rubina De Ponti (L) 6-2 6-1, Trevisan/Stefanini (P) b. In-Albon/Canovi (L) 4-6 6-1 10/3.

CLASSIFICA GIRONE 1
1. Tennis Club Genova 1893, 3 punti (4-0)
2. Tennis Club Prato, 3 punti (3-1)
3. Bal Lumezzane, 0 punti (1-3)
4. Club Atletico Faenza, 0 punti (0-4)

Area download immagini

Leggi Tutto

La favola Lumezzane comincia con la Serie A1. Domenica l’esordio in casa col Tc Prato



I relatori della conferenza stampa di presentazione. Da sinistra: Sonia Peli (vice sindaco Lumezzane), Gianpietro Mori (presidente Albatros), Elio Pasetti (presidente Unione Associazioni Sportive Lumezzane), Alberto Paris (capitano Bal Lumezzane), Nerina Bugatti (presidente Tc Lumezzane), Josehf Facchini (sindaco di Lumezzane), Marco Becchetti (Bal).

Lumezzane, 10 ottobre – Già esserci è un grande successo. Solamente due stagioni fa la Bal Lumezzane militava nel campionato femminile di Serie B, con ambizioni importanti ma senza sognare così in grande. Invece, una squadra sempre più forte e affiatata è riuscita nell’impresa da sogno di centrare due promozioni consecutive, riportando il tennis bresciano in Serie A1 a distanza di quindici anni dall’ultima apparizione del Forza e Costanza. Ora per le ragazze del Tennis Club Lumezzane viene il bello. Perché il massimo campionato nazionale le accoglie in un Girone 1 di ferro con Tennis Club Prato, Tennis Club Genova 1893 e Club Atletico Faenza, tre delle formazioni protagoniste delle ultime stagioni. Sarà un raggruppamento molto impegnativo, ma quando si arriva fra le prime otto d’Italia è naturale che sia così. L’esordio? Domenica 13 ottobre, quando sul Play-It di casa verranno ospitate le pluricampionesse nazionali del Tc Prato, vincitrici di quattro scudetti nelle ultime sei edizioni del campionato. Un vero e proprio battesimo di fuoco, che obbligherà le bresciane a dare il cento per cento sin dai primissimi scambi della giornata inaugurale. Ma il team capitanato da Alberto Paris non ha paura, e si presenta a testa alta rinvigorito da tre rinforzi di spessore, che hanno aggiunto qualità e quantità alla formazione presentata nella conferenza stampa di ieri presso la sede del title sponsor Bal Maniglie. Il più importante riguarda la svizzera Conny Perrin, numero 192 del mondo e nuova numero 1 del team; pronte a dare il proprio contributo ci saranno anche la giovanissima promessa Melania Delai, trentina classe 2002 fra le migliori under d’Italia, e l’altra svizzera Rebeka Masarova, altro grande colpo di mercato del club della presidente Nerina Bugatti.

Celata dietro a una classifica nazionale di 2.4 che non le rende merito, la tennista di Basilea (che a livello internazionale rappresenta la Spagna, paese della madre) nasconde un recente passato da numero 2 al mondo fra le under 18, con tanto di titolo al Roland Garros juniores nel 2016 e finale all’Australian Open dell’anno seguente. Oggi ventenne, non è ancora riuscita a raggiungere certi livelli fra le professioniste (è numero 558 Wta), ma resta un innesto di assoluta qualità. Insieme alle new entry ci sono naturalmente le trascinatrici del 2018 Ylena In-Albon, anche lei svizzera, e Georgia Brescia, così come Svenja Ochsner e le tre giovani del vivaio Rubina De Ponti, Eleonora Canovi e Sara Cicognani. Queste ultime, dato l’obbligo di schierare sia in singolare che in doppio una giocatrice del vivaio, si contenderanno il posto da numero 3 del team. La formula degli incontri sarà la stessa degli anni scorsi, con tre singolari e un doppio per ogni giornata. Rispetto alla Serie A2 però cambia il format del girone, che in A1 prevede sfide di andata e ritorno, con l’approdo alle semifinali delle prime due classificate di ogni gruppo. Per terza e quarta, invece, ci sono i play-out. La Bal Lumezzane giocherà in casa (dalle 10 del mattino, sempre con ingresso gratuito) anche domenica 27 ottobre, contro il Ca Faenza, e domenica 3 novembre, contro il Tc Genova 1983. Tre occasioni preziose anche per il pubblico bresciano, per vedere in azione, a due passi da casa, alcune delle giocatrici più forti d’Italia e non solo. Il fascino della Serie A1 è anche questo.

LE DICHIARAZIONI DELLA CONFERENZA STAMPA

Nerina Bugatti, presidente Tennis Club Lumezzane
“Per me personalmente l’arrivo della Serie A1 è una grande emozione, perché era una vita che rincorrevo questo traguardo, prima da giocatrice e poi dal mio ingresso nel consiglio direttivo del Tc Lumezzane. Ricordo quando ai tempi della Serie B abbiamo pensato di provare a fare qualcosa in più, e da lì è iniziato un sogno che ci ha portato fino a qui. Il merito è anche dei tanti sponsor che ci hanno sostenuto, a partire dalla Bal Maniglie. Siamo consapevoli che la salvezza sarà un traguardo difficile da raggiungere, ma ci auguriamo di cuore di poter restare in Serie A1, e di certo daremo il tutto per tutto per farcela”.

Alberto Paris, capitano Bal Lumezzane
“Lo scorso anno ci sembrava impensabile poter passare dalla Serie A2 alla Serie A1, invece ci siamo riusciti, conquistando un risultato straordinario per Lumezzane e anche per il tennis bresciano. Fra le tante componenti che ci hanno permesso di arrivare fino a qui mi piace sottolineare la lungimiranza della dirigenza, che anni fa ha deciso di dare sempre più importanza al vivaio, oggi diventato fondamentale. Un plauso anche alla presidente Nerina: è grazie alla sua enorme passione che un circolo relativamente piccolo oggi è tra alcune delle realtà più importanti d’Italia”.

Josehf Facchini, sindaco di Lumezzane
“Da primo cittadino di Lumezzane non posso che essere fiero e orgoglioso del traguardo raggiunto dalle ragazze della Bal, che hanno meritato l’approdo nel massimo campionato nazionale. Si tratta di una grande opportunità per loro ma anche per noi, per far conoscere Lumezzane, e far diventare la nostra città protagonista anche nel mondo del tennis, peraltro dopo il recente ritorno in Serie A della squadra di rugby. Ad attendere le ragazze c’è un girone tosto, e l’augurio è che possano fare il massimo, per continuare il più possibile la loro esperienza in Serie A1”.

Marco Becchetti, presidente Bal e vice presidente Tc Lumezzane
“Mi piace sottolineare che il primo aspetto sul quale si fonda tutto ciò che abbiamo fatto negli ultimi anni sono i grandi rapporti umani che uniscono il direttivo, le giocatrici e coloro che ruotano attorno al team. Come Bal abbiamo aderito volentieri al progetto della squadra, ma il primo punto di forza è l’energia e la passione della presidente Nerina, senza la quale non saremmo andati da nessuna parte. Invece siamo in Serie A1: un piccolo miracolo. Girando per l’Italia nei vari campionati abbiamo visto club stupendi, con strutture per noi difficili da immaginare. Eppure oggi siamo in mezzo a loro”.

Area download materiale

Leggi Tutto

Parte da Forte dei Marmi la Serie A1 del Tc Crema. “Bel mix fra esperienza e gioventù: siamo pronti”



Crema, 9 ottobre 2019 – “Ogni domenica ce la giochiamo punto su punto, pronti a raccogliere ciò che verrà”. Parola di Armando Zanotti, capitano di un Tennis Club Crema pronto ad affrontare un altro anno di Serie A1 con l’approccio moderato di sempre, quello di chi sa di avere la chance di far bene ma che ha anche l’esperienza per conoscere le insidie di un campionato sempre delicato. Un approccio che nelle ultime sei stagioni ha prodotto due semifinali scudetto (2013 e 2016), portando il club del presidente Stefano Agostino nell’élite del tennis italiano. Uno status che la formazione lombarda punta a conservare, con l’ex numero 1 d’Italia (e già numero 33 al mondo) Paolo Lorenzi come nuovo innesto, a rinforzare ulteriormente lo scheletro storico del team, composto dai “senatori” Adrian Ungur e Andrey Golubev, entrambi con un passato fra i primi 100 del mondo. “Non saremo i più giovani del campionato, ma di certo non ci manca l’esperienza”, aveva scherzato Lorenzi dopo il ‘sì’ seguito al lungo corteggiamento dei cremaschi, e proprio i trascorsi di altissimo livello dei big del team potrebbero dare quell’aiutino in più nelle situazioni ‘calde’. Ma il Tennis Club Crema è anche freschezza e voglia di emergere, con due giovani del vivaio di grande qualità come il mantovano Lorenzo Bresciani (che a Crema si allena ed è già stato protagonista nel 2018) e Samuel Vincent Ruggeri, 17enne bergamasco fra i primi 100 del ranking mondiale under 18.

Ai due, rispettivamente classe 2000 e 2002, spetterà il ruolo di numero 3 e 4, e il compito di andare a caccia di quei punti che potrebbero diventare determinanti già nella prima giornata di domenica 13 ottobre, in trasferta a casa dei due volte campioni d’Italia (2012, 2015) del Tc Italia di Forte dei Marmi. I toscani, nel Girone 1 insieme a Crema, Sporting Club Sassuolo e alla neopromossa Match Ball Siracusa, possono contare su alcuni dei giocatori più forti d’Italia (Sinner e Sonego su tutti…), ma il Tc Crema è pronto a vendere cara la pelle. “Siamo pronti e carichi per disputare un altro grande campionato – ha detto ancora Zanotti –. Tutti i ragazzi si sono preparati a dovere, e adesso la palla passa al campo. Il Girone è complicato e iniziamo subito in casa della favorita, ma noi siamo pronti, col solito grande affiatamento e con un bel mix fra giocatori d’esperienza e giovani emergenti, ragazzi che possono solo crescere e migliorare”. Nel team anche Sinicropi, Menga, Remedi e il rumeno Frunza, oltre proprio ai tanti elementi del vivaio pronti a subentrare in caso di necessità, come Datei, Tramontin, Ricetti, Nava e Mania. “Come sempre – chiude Zanotti – il primo obiettivo è dare il massimo ogni domenica a caccia della salvezza. Poi, se la situazione ci permetterà di pensare più in grande, ci proveremo”. Tradotto: guardare troppo in là serve a poco. Meglio concentrarsi sul primo impegno, ormai dietro l’angolo.

Area download materiale

Leggi Tutto

Che numeri per il Master della Brianza: il 2019 lancia la volata all’edizione n.40



Foto 1 - Foto di gruppo di alcuni dei premiati del 39° Master della Brianza, capace di coinvolgere la bellezza di 1.315 atleti (foto GAME)

Monza, 8 ottobre 2019 – È nato nel lontano 1981 come una sfida, con l’obiettivo di promuovere il tennis amatoriale in Brianza, e c’è da scommettere che nessuno dei padri fondatori del circuito più longevo d’Italia si immaginasse un futuro così, con il conteggio delle edizioni pronto a tagliare quota 40. Lo farà nel 2020, portandosi in eredità l’energia di una trentanovesima edizione che ancora una volta ha confermato numeri e qualità, coinvolgendo un totale di 1.315 agonisti: 1.066 uomini e 249 donne. Numeri importantissimi, che potevano essere ancora più corposi se nell’arco di una stagione iniziata ad aprile e chiusa sabato 28 settembre a Monza non fossero saltate alcune tappe. “La cancellazione non dovuta alla nostra volontà dei tornei di Besana Brianza e Osnago – spiega Marco Gerosa, da dieci anni direttore e anima del Master – rappresenta l’unica nota di rammarico di questa edizione. In particolar modo quella della Polisportiva Besanese, dovuta ai ritardi nei lavori di messa a nuovo della struttura e in nessun modo imputabile ai responsabili del club. A parte questo piccolo neo è stata un’altra splendida edizione. Siamo convinti che negli anni il Master della Brianza abbia aiutato la crescita del tennis in Brianza e in Lombardia in generale, e di questo non possiamo che andare fieri. I numeri dell’edizione 2019 – racconta ancora Gerosa – sono il frutto di tanta passione per il tennis, che si trasforma in volontà di continuare sempre a innovare per migliorare il circuito. Quando c’è tanto amore per lo sport e tanta voglia di andare avanti nella miglior direzione possibile, tutti i sacrifici diventano facili”.

Nel complesso, le tappe più frequentate sono state due di Quarta categoria maschile: quella della GA Tennis Academy di Brugherio, con 131 iscritti, e quella del Tennis Club Lecco, con 122 partecipanti. Cifre che danno la carica in vista dello storico traguardo delle 40 edizioni. “Essere arrivati fino a qui – continua Gerosa – per noi è una grandissima soddisfazione. In particolar modo nel corso degli ultimi anni il Master ha vissuto un’impennata in termini di visibilità, sia grazie agli sforzi a livello di comunicazione, sia grazie a una costante crescita nella qualità dei partecipanti”. In vista del 2020 si va verso la conferma della formula maschile, con due circuiti separati di Terza e Quarta categoria, mentre per quanto riguarda le donne gli organizzatori sono al lavoro per trovare una soluzione ancora migliore, che possa allargare ulteriormente il numero delle partecipanti. “Qualche idea c’è – dice ancora Gerosa –, ma vogliamo valutarle con calma. Abbiamo tutto l’inverno per pensarci e individuare la strada ideale da percorrere”. Per ora, dunque, nulla di definito, mentre quel che è certo è che il circuito è in salute, piace e continuerà a crescere. “La volontà di migliorarsi ogni giorno che passa è tanta, e fino a che c’è quella si va avanti più che volentieri. Il Master – chiude Gerosa – richiede grande impegno, ma il piacere e la soddisfazione dati dai risultati ottenuti negli ultimi anni ci ripagano di tutti gli sforzi”. Sforzi che hanno prodotto un Circuito che può far scuola in Italia, e che si prepara a entrare negli ‘anta’ con lo stesso entusiasmo della prima volta.

Master della Brianza – TUTTI I PREMIATI DEL 2019
Vincitore Master finale terza categoria maschile: Mauro Aldo Germiniasi (Tc Villasanta)
Vincitore Master finale quarta categoria maschile: Stefano Garghentini (Villa Reale Tennis Monza)
Vincitrice Master finale terza categoria femminile: Ginevra Tagliaferri (Duesse Sport Service)
Vincitore del Circuito di terza categoria maschile: Alessandro Ceccarelli (Ct Giussano)
Vincitore del Circuito di quarta categoria maschile: Federico Elli (Idee in movimento)
Vincitrice del Circuito di terza categoria femminile: Laura Colombo (Ct Giussano)
Memorial Enrico Andena al miglior giovane emergente: Andrea Fanzaga (Tc Lecco)
Memorial Enrico Vimercati alla miglior giovane emergente: Francesca Tanzi (Csa Tennis Agrate)
Memorial Manlio Bollati al primo circolo classificato: Tennis Club Villasanta
Memorial Paolo Fumagalli al secondo circolo classificato: Villa Reale Tennis Monza

IL MASTER ON-LINE
Tutte le informazioni relative all’edizione 2019 – i tabelloni, i risultati e le classifiche finali – sono disponibili e consultabili sul sito web www.masterdellabrianza.it.

Area download immagini

Leggi Tutto

Serie A2 2019, tutto pronto al Ct Ceriano per l’esordio contro il Tennis Beinasco



Il CT Ceriano farà il suo esordio nella Serie A2 2019 domenica 13 ottobre in casa contro il Tennis Beinasco

Ceriano Laghetto (MB), 7 ottobre 2019 – L’attesa è finita. Il campionato di Serie A2 femminile 2019 di tennis ha preso il via nelle scorse ore con la prima delle sette giornate della fase a gironi. Esordio posticipato per le ragazze del Club Tennis Ceriano che, domenica 6 ottobre, hanno osservato il turno di riposo programmato e che giocheranno il loro primo match in casa (sui campi veloci del Centro Robur di Saronno) contro il Tennis Beinasco domenica 13 ottobre. La formazione torinese arriverà in Brianza forte dei primi tre punti conquistati grazie al successo per 4-0 contro lo Sporting Club Sassuolo. Tra gli altri risultati del girone B, da segnalare il pari in Alto Adige tra le padrone di casa del Tc Rungg e il Tc Cagliari oltre al 4-0 con cui il Tc Mestre ha superato la squadra B del Circolo Sporting Stampa di Torino. Iniziare col piede giusto sarà fondamentale per la formazione cerianese che, tra novità e conferme, è una delle più attese. Pronto anche il neo capitano della formazione Silverio Basilico: “Il girone è molto equilibrato e in parte questi primi risultati lo dimostrano. Per noi sarà importante giocare partita per partita, senza fare troppi calcoli sugli altri risultati ma cercando di mantenere sempre alti i livelli di forma e concentrazione”.

Area download immagini:

Leggi Tutto

Il 39° Master della Brianza ha incoronato i campioni. Titoli a Germiniasi, Garghentini e Tagliaferri



Foto 1 - I vincitori della 39° edizione del Master della Brianza. Da sinistra: Stefano Garghentini, Ginevra Tagliaferri e Mauro Aldo Germiniasi (foto GAME)

Monza, 30 settembre 2019 – Mauro Aldo Germiniasi, Stefano Garghentini e Ginevra Tagliaferri. Sono i nomi dei tre vincitori del 39° Master della Brianza, che si è concluso sui campi del Tennis Villa Reale di Monza, di nuovo casa di un Circuito (il più longevo d’Italia) che è stato ancora capace di raccogliere numeri importanti e ritagliarsi un ruolo di primo piano nel tennis lombardo. L’ha confermato un sabato di fuoco che in campo maschile ha incoronato due dei giocatori più attesi alla vigilia, in particolare il 17enne Germiniasi, che nel tabellone di Terza categoria si è confermato una spanna sopra a tutti gli avversari. Il giovane del Tc Villasanta, che alterna racchette e studi e sogna un futuro nel tennis che conta, si era messo in evidenza nel corso della stagione vincendo proprio la tappa di Monza, e al ritorno sui campi a due passi dall’Autodromo più famoso d’Italia ha vinto di nuovo, lottando fra quarti e semifinale prima di dominare la finale contro uno sfortunato Alessandro Ceccarelli, condizionato da una nottata difficile a causa di una colica renale. Ha voluto esserci comunque e ci ha provato fino in fondo, ma non è riuscito ad andare oltre il 6-2 6-3 finale, che ha consegnato il titolo a Germiniasi. “È stata comunque una finale complicata – ha detto il vincitore –, contro un avversario che sbaglia poco. Sono felice del successo: ultimamente sto giocando molto bene e speravo di andare in fondo per raccogliere altre vittorie in vista dell’obiettivo stagionale di passare in seconda categoria. Il tennis per me è vita: da piccolo dormivo con racchette e palline. Spero di continuare di questo passo”.

Insieme a Germiniasi, ha fatto festa nel maschile anche Stefano Garghentini, uno che la soddisfazione di trionfare al Master della Brianza la conosce bene. Il 48enne agente di commercio monzese, tesserato proprio per il Tennis Villa Reale, aveva vinto fra i Quarta categoria anche nel 2018, e dodici mesi più tardi ha fatto il bis in casa, spuntandola in finale per 6-3 6-4 su Francesco Scotti. “Vincere un Circuito frequentato da così tanti ottimi giocatori – ha detto – è un grande motivo d’orgoglio. Partecipo sempre molto volentieri, mi diverto e sono felice di aver vinto di nuovo. È stata una finale combattuta, decisa da pochissimi punti”. Quella del tabellone femminile, di finale, è stata invece decisa in partenza a causa dell’assenza di Daniela Chavarria, obbligata a dare forfait per impegni personali. Così, la corona è andata automaticamente a Ginevra Tagliaferri, 31enne comasca del Tennis Grillo di Capiago Intimiano, comunque protagonista di un’ottima stagione. E pensare che la comasca, nella vita dipendente Mediaset, qualche anno fa aveva abbandonato il tennis, poi nel 2016 ha ripreso a giocare e da allora è andata sempre più su. “Questo titolo – ha detto – è la ciliegina sulla torta alla mia stagione. Quest’anno puntavo a mantenere la classifica di 3.5, invece mi trovo a pochi punti dal passaggio a 3.3. Non pensavo di riuscire a entrare al Master finale, invece ce l’ho fatta e sono soddisfatta dei due incontri disputati. Mi spiace per la finale, ma il mio resta un buonissimo torneo”. Come buonissimo, ancora una volta, è il bilancio del Master della Brianza. Con la mente già proiettata al traguardo delle 40 edizioni.

TUTTI I RISULTATI
Master Finale – Tennis Villa Reale Monza (MB)
Terza categoria maschile – Quarti di finale: Ceccarelli b. Ferrario 6-4 6-3, Mottadelli b. Liotta 6-1 6-0, Germiniasi b. Notarianni 6-0 1-4 ritiro, Mazzola b. Bianchi 6-3 6-3. Semifinali: Ceccarelli b. Mottadelli 6-1 6-2, Germiniasi b. Mazzola 7-6 0-6 6-2. Finale: Germiniasi b. Ceccarelli 6-2 6-3.

Terza categoria femminile – Quarti di finale: Andreoli b. Martucci 6-4 6-2, Chavarria b. Sormani 6-2 6-1, Marcarini b. Curioni 7-5 6-3, Tagliaferri b. Quaroni 6-2 6-2. Semifinali: Chavarria b. Andreoli 3-6 6-0 6-3, Tagliaferri b. Marcarini 6-2 6-2. Finale: Tagliaferri b. Chavarria ritiro.

Quarta categoria maschile – Quarti di finale: Garghentini b. Ferrari 6-4 7-5, Balconi b. Fumagalli 6-1 6-2, Sebben b. Mesi 7-5 4-6 6-1, Scotti b. Perego 6-3 6-0. Semifinali: Scotti b. Sebben 6-3 3-6 6-0, Garghentini b. Balconi ritiro. Finale: Garghentini b. Scotti 6-3 6-4.

IL MASTER ON-LINE
Tutte le informazioni relative all’edizione 2019 – i tabelloni, i risultati e le classifiche – sono disponibili e consultabili sul sito web www.masterdellabrianza.it.

Area download immagini

Leggi Tutto

Questo sito è full responsive ed è correttamente visualizzabile su ogni dispositivo. Computer, smartphone e tablet di ogni misura...