Popyrin e Rybakina vincono il 58° Trofeo Bonfiglio

Alexei Popyrin ed Elena Rybakina baciano i rispettivi trofei (foto Panunzio)

Milano, 28 maggio – I vincitori del 58° Trofeo Bonfiglio sono due baby giganti. Non solo per la statura ma anche per il modo di tenere il campo e di aggiudicarsi un torneo che a livello giovanile vale uno Slam. Alexei Popyrin ci ha messo un’oretta scarsa (64 minuti per la precisione) per regolare il serbo Marko Miladinovic, Elena Rybakina invece un’ora esatta in più per avere la meglio sulla polacca Iga Swiatek. Sono loro ad alzare braccia e coppe al cielo, diventando gli eredi diretti di quello Stefanos Tsitsipas che solo un anno fa vinceva al Tc Milano Alberto Bonacossa e che ora ha trovato posto nel main draw del Roland Garros. Ma anche di quel Sascha Zverev che soltanto 4 anni dopo il successo meneghino è riuscito a conquistare il primo Masters 1000, a Roma, ed entrare nella Top 10 mondiale. Come è facile desumere dalla durata dei match, la più emozionante delle due finali è stata quella femminile, anche perché caratterizzata da un cambio di rotta difficilmente prevedibile alla vigilia e ancor di più a fine primo set. Cioè dopo che la polacca Iga Swiatek, vera osservata speciale, in soli 29 minuti aveva incassato il primo parziale con il punteggio di 6-1. E soprattutto dando sempre l’impressione di avere le mani sul trofeo, perfino quando ha perso al tie-break il secondo set. Anche in quel frangente la russa, con la sua lunga treccia bionda raccolta sotto la visiera bianca, non pareva comunque in grado di trovare il grimaldello per scardinare il fitto schema di gioco della polacca. È stato sul 2-2 del set decisivo il primo momento in cui Elena Rybakina è sembrata davvero in grado di vincere il trofeo: più concentrata, più incisiva nei colpi, più precisa al servizio e soprattutto più lucida. E infatti di lì in poi il suo percorso è stato in discesa, fino all’1-6 7-6 6-3 conclusivo. “Sapevo che sarebbe stato un match duro – ha detto ‘Lena’ dopo la premiazione – perché la mia avversaria era molto aggressiva e io ho pagato la stanchezza della settimana. Però poi ho cominciato a trovare il mio tennis e un po’ di tranquillità”. Allo stesso momento è giunto in aiuto pure il servizio, e il primo titolo di Grado A in carriera è diventato realtà.

A senso unico la finale del torneo maschile. Marko Miladinovic, classe 2000, non è riuscito a riproporre di fronte a un Centrale gremito nel suo lato d’ombra (c’erano ben oltre 30 gradi a Milano) quanto di buono aveva mostrato durante la settimana e specialmente nella semifinale contro lo statunitense Crawford. Niente più vincenti di rovescio, niente più diritti carichissimi di top spin e di angoli insidiosi, niente più prime di servizio avvelenate. Al suo posto si è vista la grande concretezza tutta moderna del tennis di Popyrin. L’australiano di origini russe, accompagnato a Milano da mamma Elena, ha fatto tutto direttamente con il servizio o alternativamente con i primi due colpi immediatamente successivi. Supportato, in questo, dalla poca precisione del serbo seguito a Milano dall’ex pro Boris Pashanski, uno famoso per il caratteraccio e per essere entrato tra i Top 60 Atp nel 2006. Al match point Popyrin ha esultato portandosi le mani alla testa levandosi il cappellino che lo ha accompagnato per tutta la settimana: “I momenti più difficili? Al secondo turno (contro l’argentino Geller, ndr) e in semifinale (contro il russo Skatov, ndr) – ha detto il vincitore -. Oggi sono riuscito a fare il mio gioco e a restare concentrato per tutto la partita. Sono felicissimo di aver vinto, ma ci sono ancora molti risultati da raggiungere e molto lavoro da fare”. Un lavoro che ha toccato anche l’Italia, per un anno a cavallo di 2011 e 2012, quando l’australiano si è allenato a Bordighera con coach Piatti. “Riccardo è stato importantissimo per me – ha detto -, mi ha insegnato molto sia tecnicamente che tatticamente. Chissà che un giorno le nostre strade non si possano riunire”.

I RISULTATI DELLE FINALI

Tabellone singolare maschile, finale

A. Popyrin (AUS) [14] b. M. Miladinovic (SRB) [15] 6-4 6-2

Tabellone singolare femminile, finale

E. Rybakina (RUS) b. I. Swiatek (POL) [8] 1-6 7-6(5) 6-3

LE SCHEDE DEI FINALISTI

ALEXEI POPYRIN: nato a Sydney, Australia, il 5 agosto del 1999. Destrorso con rovescio a due mani, è attualmente al numero 24 del ranking junior Itf, con un best ranking di numero 13. Inoltre ha già conquistato i primi punti per la classifica Atp. Dopo aver vinto il torneo di Grado 1 di Santa Croce nel 2016, è alla terza apparizione al Trofeo Bonfiglio. È anche reduce dal successo di inizio maggio nell’evento di Grado 1 di Casablanca, in Marocco. Dal 2011 al 2013 si è allenato a Bordighera con il Team di Riccardo Piatti. In questa edizione del Trofeo Bonfiglio era accreditato della testa di serie numero 14. È giunto in finale battendo al primo turno il russo Sokolovskiy per 6-1 6-1, al secondo turno l’argentino Geller per 6-7 7-6 6-4, negli ottavi di finale il taiwanese Tseng per 6-4 6-4, nei quarti di finale l’austriaco Rodionov per 6-4 3-6 6-4 e in semifinale il russo Skatov per 6-7 7-5 6-3.

MARKO MILADINOVIC: nato a Belgrado, Serbia, il 7 dicembre del 2000. Destrorso con rovescio a due mani, il serbo è n.16 della classifica Itf Junior, suo best ranking, ma alla conclusione del Trofeo Bonfiglio è già certo di un posto tra i Top 10 Under 18. Nel 2017 è stato grande protagonista dei tornei di Grado 1 Itf vincendo in Brasile il 47° Banana Bowl, raggiungendo la finale a Beaulieu Sur Mer, in Francia, e la semifinale a Santa Croce. Questa è la sua prima apparizione in una finale di un evento di Grado A Itf. In questa edizione del Trofeo Bonfiglio era accreditato della testa di serie numero 15. È giunto in finale battendo al primo turno il messicano Rubio Fierros per 7-6 6-3, al secondo turno lo statunitense Grief per 6-4 4-6 6-2, negli ottavi di finale l’altro americano Kypson per 5-7 6-0 6-4, nei quarti di finale l’argentino Baez per 6-7 6-2 7-5 e in semifinale lo statunitense Crawford per 6-4 6-4.

ELENA RYBAKINA: nata a Mosca, Russia, il 17 giugno del 1999. Destrorsa con rovescio a due mani, la russa è al numero 69 del ranking junior Itf ma è arrivata fino alla 14esima posizione nel maggio 2016. Attualmente è anche numero 537 delle classifiche Wta. La russa è alla seconda apparizione al Tc Milano Alberto Bonacossa dopo essere uscita al 2° turno un anno fa. In questa stagione è stata semifinalista agli Australian Open Junior e in carriera ha vinto 5 titoli del circuito Under 18. Vanta anche 2 titoli di doppio nel circuito Pro conquistati nel 2017. In questa edizione del Trofeo Bonfiglio non era accreditata di alcuna testa di serie ma è giunta in finale battendo al primo turno la statunitense Douglas per 6-3 4-6 7-5, al secondo turno la cinese Wang per 0-6 6-1 6-0, negli ottavi di finale la colombiana Osorio Serrano per 7-6 6-3, nei quarti di finale la taiwanese Liang per 6-3 7-6 e in semifinale la svizzera In-Albon per 5-7 7-5 6-1.

IGA SWIATEK: nata a Varsavia, Polonia, il 31 maggio del 2001. Destrorsa con rovescio a due mani, la polacca è attualmente al numero 17 del ranking Junior Itf, con un best ranking di numero 9, ma è anche in 612esima posizione nella classifica Wta. In questa stagione ha vinto singolare e doppio nel torneo di Grado 1 Itf di Traralgon, in Australia, e ha raggiunto la finale di doppio agli Australian Open. Sempre nel 2017 ha conquistato due dei 3 tornei vinti in carriera nel circuito Pro, tra cui l’evento da 15 mila dollari di Bergamo in febbraio. Accreditata della testa di serie n.8, è giunta in finale in questa edizione del Trofeo Bonfiglio battendo al primo turno la taiwanese Chen per 6-1 4-6 6-4, al secondo turno la norvegese Brune Olsen per 6-0 6-3, negli ottavi di finale la russa Gracheva per 6-3 6-2, nei quarti di finale la statunitense Li per 6-4 7-5 e in semifinale la croata Boskovic per 6-2 2-0 e ritiro.

Tags: , , ,

Questo sito è full responsive ed è correttamente visualizzabile su ogni dispositivo. Computer, smartphone e tablet di ogni misura...