Posts Taggati ‘Tennis Club Crema’

Crema pareggia con Siracusa. Ma il 3-3 lascia in vetta i lombardi



Foto 1 - La formazione del Tennis Club Crema. Da sinistra: Fabio Delfini (vice capitano), Riccardo Sinicropi, Samuel Vincent Ruggeri, Lorenzo Bresciani, Alessio Tramontin, Andrey Golubev, Paolo Lorenzi, Adrian Ungur, Armando Zanotti (capitano)

Crema, 20 ottobre 2019 – C’è un pizzico di amarezza per un paio di incontri particolarmente combattuti, nei quali la sorte non ha dato una mano ai padroni di casa. Ma il 3-3 casalingo fra Tennis Club Crema e Match Ball Siracusa nella seconda giornata del Campionato di Serie A1 resta un buon risultato, che conferma il valore del team capitanato da Armando Zanotti e soprattutto gli permette di restare in vetta nel Girone 1, con gli stessi 4 punti dei siciliani ma con una miglior differenza fra incontri vinti e persi. Merito del 5-1 all’esordio a Forte dei Marmi, al quale i lombardi hanno provato a dar seguito fra le mura amiche schierando il nuovo acquisto Paolo Lorenzi, numero 117 al mondo ma già top 40. Tuttavia, l’esordio del senese ha coinciso con un gran match dello spagnolo Bernabe Zapata Miralles, 22enne numero 234 Atp, che gli ha rimontato un set e nella bagarre del terzo parziale ha avuto la meglio per 4-6 6-4 6-3, dopo due ore abbondanti di gioco. La sconfitta del numero uno ha complicato la giornata dei cremaschi, prima in vantaggio col solito Adrian Ungur (splendido nel 6-1 6-2 imposto in un’ora ad Antonio Massara) e poi addirittura sotto per 2-1 quando Alessandro Ingarao ha domato per 6-4 6-7 6-3 un combattivo Lorenzo Bresciani, bravo a provarle tutte contro un avversario che partiva favorito. A far passare la paura ci ha pensato Samuel Vincent Ruggeri, che nell’ultimo singolare ha tenuto a debita distanza Ettore Zito, imponendosi per 6-3 6-2 e chiudendo sul 2-2 il bilancio dei singolari.

In parità anche i successivi doppi: Lorenzi e Bresciani non hanno deluso contro Ingarao/Zito, soffrendo un po’ nel secondo set ma riuscendo comunque a spuntarla per 6-2 6-4, mentre Andrey Golubev e Samuel Vincent Ruggeri si sono arresi a Massara e Zapata Miralles. Dopo un primo set a senso unico, i cremaschi sono entrati in partita e a suon di occasioni cancellate hanno iniziato a far sognare il terzo set. Ma dopo tre match-point sul 4-5, un quarto sul 5-6 e un quinto sul 3-6 del tie-break, sono stati costretti ad alzare bandiera bianca al sesto, cedendo per 6-2 7-6. “Onestamente – ha detto il capitano Armando Zanotti –, questo pareggio ci sta un po’ stretto. Zapata Miralles ha fatto un gran match contro Lorenzi, sfruttando il vantaggio di non aver nulla da perdere, mentre Bresciani ha lottato per quasi tre ore ma è stato sfavorito da un paio di episodi. C’è un po’ di rammarico, ma il tennis è così. Prendiamo questo punto, che ci permette di restare in testa al girone, e guardiamo avanti”. Il prossimo impegno, domenica 27 ottobre e di nuovo sui campi di casa, si chiama Sporting Club Sassuolo, squadra che dopo la sconfitta all’esordio contro Siracusa ha inflitto un secco 5-1 al Tennis Club Italia, dimostrando di avere le carte in regola per fare bene. Sarà un altro duello impegnativo, ma in Serie A1 non c’è nulla di semplice.

RISULTATI
SECONDA GIORNATA GIRONE 1
Tennis Club Crema vs Match Ball Siracusa 3-3
Adrian Ungur (C) b. Antonio Massara (S) 6-1 6-2, Bernabe Zapata Miralles (S) b. Paolo Lorenzi (C) 4-6 6-4 6-3, Alessandro Ingarao (S) b. Lorenzo Bresciani (C) 6-4 6-7 6-3, Samuel Vincent Ruggeri (C) b. Ettore Zito (S) 6-3 6-2, Massara/Zapata Miralles (S) b. Golubev/Vincent Ruggeri (C) 6-2 7-6, Lorenzi/Bresciani (C) b. Ingarao/Zito (S) 6-2 6-4.

CLASSIFICA GIRONE 1
1. Tennis Club Crema, 4 punti (8-4)
2. Match Ball Siracusa, 4 punti (7-5)
3. Sporting Club Sassuolo, 3 punti (7-5)
4. Tennis Club Italia, 0 punti (2-10)

Area download immagini

Leggi Tutto

Partenza show del Tennis Club Crema: la trasferta a Forte dei Marmi è un trionfo



Foto 1 - Adrian Ungur, bandiera del Tennis Club Crema, ha firmato il primo punto nel successo per 5-1 contro il Tc Italia di Forte dei Marmi (foto GAME)

Crema, 13 ottobre 2019 – Un esordio così, al Tennis Club Crema, non se lo sarebbero immaginati nemmeno nei sogni più dolci. Perché alla prima stagionale in Serie A1 c’era da affrontare i due volte campioni nazionali (2012, 2015) del Tennis Club Italia, in trasferta a Forte dei Marmi. Si annunciava un duello difficile, anche in virtù dei precedenti fra le due formazioni, invece per i ragazzi di Armando Zanotti è stata una giornata trionfale, con un successo per 5-1 e i tre punti in cassaforte già al termine dei singolari. È vero che i padroni di casa si sono presentati senza nessuna delle proprie stelle, ma anche il Tc Crema era privo del nuovo numero uno Paolo Lorenzi (impegnato nelle qualificazioni del torneo Atp di Anversa), eppure i suoi compagni non ne hanno fatto rimpiangere l’assenza, grazie a delle prestazioni di alto livello. Ad aprire la giornata col piede giusto ci hanno pensato il solito Adrian Ungur, passato per 6-2 6-4 su Matteo Marrai, e un ottimo Lorenzo Bresciani, bravo a tenere sempre alla giusta distanza Marco Furlanetto, sconfitto per 6-3 6-4. Ma il meglio doveva ancora venire, ed è arrivato nei due match successivi: prima col debutto in grande stile del 17enne bergamasco Samuel Vincent Ruggeri, che di fronte alla responsabilità ha mostrato una certa maturità battendo con un doppio 6-3 lo spagnolo Luis Gomar Monio, poi con Andrey Golubev. La sfida fra il kazako e Walter Trusendi è iniziata in salita, con un 6-3 per il toscano nel primo set, ma il 32enne dell’Est, per anni di base in Piemonte, non ha mollato di un centimetro, trovando la chiave per ribaltare la partita nel secondo set.

Decisiva una fase centrale molto combattuta: Golubev è riuscito a trovare il tanto atteso break e da quel momento ha cambiato marcia, mostrando sprazzi di quel tennis che nel 2010 gli permise di arrivare al numero 33 della classifica mondiale. Dopo 2 ore e 5 minuti Golubev ha chiuso per 3-6 6-3 6-2, consegnando al Tc Crema il punto del 4-0 e la certezza della prima vittoria stagionale. I successivi doppi hanno fissato il punteggio sul definitivo 5-1, con la vittoria di Golubev/Vincent Ruggeri contro Furlanetto/Gomar Monio (6-2 3-6 10/2) e il punto della bandiera di Marrai/Trusendi, a segno per 6-3 6-4 su Bresciani/Sinicropi. “Siamo partiti benissimo – ha detto il capitano Armando Zanotti –, raccogliendo subito tre punti importanti. Tutti i ragazzi hanno risposto alla grande, sia i senatori sia i giovani, che continuano a fare progressi. Il nostro campionato non poteva partire meglio, ma rimaniamo con i piedi per terra. Ogni domenica si ricomincia da zero”. Il morale è alle stelle e i cremaschi si presenteranno col pieno di fiducia al trittico di match casalinghi: domenica 20 ottobre contro lo Sporting Club Sassuolo, domenica 27 contro il Match Ball Siracusa e venerdì 1 novembre contro il Tc Italia, per la prima del girone di ritorno. Tre incontri fondamentali per capire fin dove il Tennis Club Crema avrà la possibilità di spingersi.

RISULTATI
PRIMA GIORNATA GIRONE 1
Tennis Club Crema b. Tennis Club Italia Forte dei Marmi 5-1
Adrian Ungur (C) b. Matteo Marrai (I) 6-2 6-4, Lorenzo Bresciani (C) b. Marco Furlanetto (I) 6-3 6-4, Samuel Vincent Ruggeri (C) b. Luis Gomar Monio (I) 6-3 6-3, Andrey Golubev (C) b. Walter Trusendi (I) 3-6 6-3 6-2, Golubev/Vincent Ruggeri (C) b. Furlanetto/Gomar Monio (I) 6-2 3-6 10/2, Marrai/Trusendi (I) b. Bresciani/Sinicropi (C) 6-3 6-4.

CLASSIFICA GIRONE 1
1. Tennis Club Crema, 3 punti (5-1)
2. Match Ball Siracusa, 3 punti (4-2)
3. Sporting Club Sassuolo, 0 punti (2-4)
4. Tennis Club Italia, 0 punti (1-5)

Area download immagini

Leggi Tutto

Parte da Forte dei Marmi la Serie A1 del Tc Crema. “Bel mix fra esperienza e gioventù: siamo pronti”



Crema, 9 ottobre 2019 – “Ogni domenica ce la giochiamo punto su punto, pronti a raccogliere ciò che verrà”. Parola di Armando Zanotti, capitano di un Tennis Club Crema pronto ad affrontare un altro anno di Serie A1 con l’approccio moderato di sempre, quello di chi sa di avere la chance di far bene ma che ha anche l’esperienza per conoscere le insidie di un campionato sempre delicato. Un approccio che nelle ultime sei stagioni ha prodotto due semifinali scudetto (2013 e 2016), portando il club del presidente Stefano Agostino nell’élite del tennis italiano. Uno status che la formazione lombarda punta a conservare, con l’ex numero 1 d’Italia (e già numero 33 al mondo) Paolo Lorenzi come nuovo innesto, a rinforzare ulteriormente lo scheletro storico del team, composto dai “senatori” Adrian Ungur e Andrey Golubev, entrambi con un passato fra i primi 100 del mondo. “Non saremo i più giovani del campionato, ma di certo non ci manca l’esperienza”, aveva scherzato Lorenzi dopo il ‘sì’ seguito al lungo corteggiamento dei cremaschi, e proprio i trascorsi di altissimo livello dei big del team potrebbero dare quell’aiutino in più nelle situazioni ‘calde’. Ma il Tennis Club Crema è anche freschezza e voglia di emergere, con due giovani del vivaio di grande qualità come il mantovano Lorenzo Bresciani (che a Crema si allena ed è già stato protagonista nel 2018) e Samuel Vincent Ruggeri, 17enne bergamasco fra i primi 100 del ranking mondiale under 18.

Ai due, rispettivamente classe 2000 e 2002, spetterà il ruolo di numero 3 e 4, e il compito di andare a caccia di quei punti che potrebbero diventare determinanti già nella prima giornata di domenica 13 ottobre, in trasferta a casa dei due volte campioni d’Italia (2012, 2015) del Tc Italia di Forte dei Marmi. I toscani, nel Girone 1 insieme a Crema, Sporting Club Sassuolo e alla neopromossa Match Ball Siracusa, possono contare su alcuni dei giocatori più forti d’Italia (Sinner e Sonego su tutti…), ma il Tc Crema è pronto a vendere cara la pelle. “Siamo pronti e carichi per disputare un altro grande campionato – ha detto ancora Zanotti –. Tutti i ragazzi si sono preparati a dovere, e adesso la palla passa al campo. Il Girone è complicato e iniziamo subito in casa della favorita, ma noi siamo pronti, col solito grande affiatamento e con un bel mix fra giocatori d’esperienza e giovani emergenti, ragazzi che possono solo crescere e migliorare”. Nel team anche Sinicropi, Menga, Remedi e il rumeno Frunza, oltre proprio ai tanti elementi del vivaio pronti a subentrare in caso di necessità, come Datei, Tramontin, Ricetti, Nava e Mania. “Come sempre – chiude Zanotti – il primo obiettivo è dare il massimo ogni domenica a caccia della salvezza. Poi, se la situazione ci permetterà di pensare più in grande, ci proveremo”. Tradotto: guardare troppo in là serve a poco. Meglio concentrarsi sul primo impegno, ormai dietro l’angolo.

Area download materiale

Leggi Tutto

Ecco i gironi della Serie A1: Crema con Forte dei Marmi, Sassuolo e Siracusa



Foto 1 - Paolo Lorenzi, 37 anni da Siena, è stato n.33 del mondo. È la new entry del Tennis Club Crema per la prossima Serie A1, che scatta il 13 ottobre (foto GAME)

Crema, 9 settembre 2019 – Il Tennis Club Crema è pronto per un’altra stagione di Serie A1. Per il via ufficiale, fissato per domenica 13 ottobre, bisognerà attendere ancora un mese, ma l’avvicinamento inizia a farsi sempre più caldo dopo la pubblicazione dei quattro gironi appena ufficializzati dalla Federazione Italiana Tennis. Il Tc Crema, che ha conquistato tre scudetti nel triennio 1985-87 e si è preso tante altre soddisfazioni negli anni recenti (su tutte le semifinali di 2013 e 2016), è stato inserito nel Girone 1, insieme a Tennis Club Italia (Forte dei Marmi), Sporting Club Sassuolo e alla neopromossa Match Ball Siracusa. Si tratta di un gruppo impegnativo, nel quale spicca la presenza dei toscani, due volte campioni d’Italia (2012 e 2015). Forte dei Marmi, avversaria del Tc Crema anche nella semifinale del 2016, ha nomi di grande spessore tra i quali i top 50 Atp Struff e Sonego, ma anche Stefano Travaglia, il baby fenomeno Jannik Sinner, l’ex numero 1 azzurro Filippo Volandri e non solo. Anche il team lombardo capitanato da Armando Zanotti parte con grandi ambizioni, con la new entry Paolo Lorenzi nel ruolo di numero 1: il 37enne toscano, già n.33 al mondo e in forza fino al 2018 proprio al Tc Italia, è stato recentemente protagonista agli Us Open, arrivando al terzo turno grazie a due maratone vinte in 5 set a testimonianza del suo ottimo stato di forma.

Il campionato del Tc Crema scatterà proprio a Forte dei Marmi, prima di tre incontri casalinghi consecutivi: 20 ottobre, 27 ottobre e venerdì 1 novembre. Domenica 3 e domenica 17 novembre le ultime due giornate, poi i play-off e i play-out. Il club del presidente Stefano Agostino ha confermato tutti i big che nel 2018 chiusero a soli due punti dall’accesso alle semifinali scudetto, in primis gli ex top 100 Andrey Golubev e Adrian Ungur, più il milanese Riccardo Sinicropi e il rumeno Nicolae Frunza. Cambiano, invece, gli elementi del vivaio: non ci sono più Filippo Mora e Alessandro Coppini, che avevano giocato da n.3 e n.4 nelle scorse stagioni: per non far rimpiangere la loro assenza sono pronti Lorenzo Bresciani, giovane mantovano che da tempo si allena proprio al Tc Crema, e il bergamasco classe 2002 Samuel Vincent Ruggeri, numero 73 al mondo fra gli under 18 e reduce dalla partecipazione allo Us Open juniores. Entrambi hanno già dato il proprio contributo al team di Serie B negli anni scorsi, e ora scaldano i motori in vista del grande salto in A1. In squadra anche altri giovani del vivaio, tutti under 18: Gabriele Datei, Alessio Tramontin, Danny Ricetti, Giacomo Nava e Marco Antonio Mania. Forze fresche da accoppiare alla grande esperienza dei trascinatori della squadra, ragazzi che potrebbero tornare utili in un campionato in cui – con sei incontri da disputare per ogni giornata – la panchina lunga può diventare un fattore preziosissimo.

Area download materiale

Leggi Tutto

Nava vince i ‘cremaschi’ dopo la finale-derby. Crema in festa anche in Liguria e Sardegna



Crema, 22 luglio 2019 – Un finale migliore di questo, per l’edizione 2019 dei Campionati Cremaschi – 10° Memorial Domenico Delfini, il Tennis Club Crema non poteva chiederlo. Perché, per la prima volta in assoluto, ad affrontarsi nel match per il titolo sono arrivati due under 18 del club, due di quei tanti ragazzi del vivaio che da anni si allenano ogni giorno con l’obiettivo di crescere e migliorare, e il sogno di fare del tennis il proprio mestiere. La strada è lunghissima per tutti, ma le vittorie sono la benzina ideale, proprio come quella conquistata da Giacomo Nava in una finale-derby con Danny Ricetti, suo coetaneo (entrambi classe 2002) e compagno d’allenamenti. I due si equivalgono e stanno attraversando un ottimo periodo di forma, come ha potuto apprezzare il pubblico presente, testimone di un duello spettacolare che ha messo in luce le qualità dei due giovani e ha premiato Nava con il punteggio di 6-4 7-6. Un risultato simbolo di un confronto deciso solo da pochi dettagli, nel quale l’ha spuntata il giocatore che ha saputo osare di più e ha sentito meno la pressione del duello ‘in famiglia’.

Ma non è tutto, perché il periodo degli atleti del Tennis Club Crema è davvero felice, tanto che nella bacheca di via del Fante continuano ad arrivare trofei, anche da fuori regione. Uno dei grandi protagonisti del mese di luglio è senza dubbio Angelo Chiappa, che dopo aver vinto a inizio mese il torneo di Terza categoria di Offanengo (Cremona) ha firmato addirittura una doppietta in Liguria, sbancando due tornei uno dopo l’altro e confermando di essere pronto per il passaggio in Secondo categoria, che avverrà con la pubblicazione delle prossime classifiche Fit. Prima il 15enne cremasco ha sbaragliato la concorrenza al Tc Arenzano, battendo per 6-2 6-4 Matteo Cevasco in finale, e poi ha conquistato anche il titolo under 16 nella tappa dello Sporting Club Genova del circuito nazionale Tennis Trophy Fit Kinder+ Sport. Un successo che gli vale la qualificazione per il Master finale della competizione, in programma a Roma in agosto. Dalla Sardegna, invece, l’ultimo successo del giovane Andrea Bonfadini, un altro che sta conquistando un torneo dopo l’altro. L’under 12 del Tc Crema ci è riuscito anche in vacanza, in provincia di Sassari, prendendosi il titolo del ‘Città di Castelsardo’.

I RISULTATI DEI CAMPIONATI CREMASCHI

Singolare maschile – Quarti di finale: Ricetti bye, Longhino b. Paloschi 6-2 6-2, Kumar b. Baruzzi 7-5 6-1, Nava bye. Semifinali: Ricetti b. Longhino 6-0 6-4, Nava b. Kumar 6-4 6-4. Finale: Giacomo Nava b. Danny Ricetti 6-4 7-6.

TC CREMA, TENNIS DI QUALITÀ DAL 1908

Le caratteristiche del Tc Crema sono l’eleganza, il prestigio e il fascino senza tempo di una storia centenaria. Nasce nel 1908 e si caratterizza per un’infinita passione per il tennis, successi sportivi e grandi campioni. Il club ha visto passare giocatori come Claudio Panatta, Simone Colombo e Paolo Canè, che vanta tre vittorie nei campionati a squadre di serie A negli anni 1985, 1986 e 1987, e milita tutt’oggi nel massimo campionato nazionale. Dal 2010 la sede è in Via del Fante, in una nuovissima struttura perfetta e curata in ogni minimo dettaglio: stimolo maggiore per chi in questo club ci ha messo passione. Dal 2003, sotto la guida del presidente Stefano Agostino, il circolo mira a un consolidamento importante, come una quercia secolare che ha già resistito alle due guerre mondiali. Uno degli obiettivi principali è quello di raggiungere un alto livello agonistico e di migliorare ogni giorno la preparazione dei ragazzi: i campioni di domani.

Leggi Tutto

Città di Crema, Hietaranta e Mikrut vincono la 15ª edizione



Crema, 22 giugno 2019 – In giornate come quella del sabato dedicato alle finali del Città di Crema, caratterizzate dal maltempo, si apprezza ancora di più il campo coperto (con tanto di tribune) del Tc Crema che pone il circolo lombardo tra i migliori in Italia a livello di strutture. Il torneo internazionale Under 16 si è chiuso proprio sulla terra indoor del Palatennis, con due confronti senza storia, che hanno premiato il croato Luka Mikrut e la finlandese Laura Hietaranta. Un dominio, quello del croato Luka Mikrut nei confronti del polacco Filip Pieczonka, che è evidente fin dal punteggio, un 6-1 7-6 maturato rapidamente, nonostante un timido tentativo di rimonta (da 5-2 a 5-5 nel secondo parziale) bloccato sul più bello e concluso al tie-break (7 punti a 2). Eppure la classifica diceva che sarebbe dovuto essere un match equilibrato, con il polacco numero 3 e il rivale numero 5 del draw. Tra le ragazze, la finlandese Laura Hietaranta ha controllato la croata Sara Svetac, chiudendo con un 6-4 6-3 che ha consegnato il titolo alla numero 21 del ranking europeo. Partita come numero 1 del seeding cremasco, la nordica non ha mai trovato una seria opposizione nella sua settimana perfetta, terminata senza perdere un set. Proprio l’ultimo atto è stato l’incontro in cui ha ceduto più game, ma senza mai correre veri rischi. Nella finale di doppio maschile, tutto facile per i croati Bill e Mikrut, che hanno lasciato poco spazio ai polacchi Pieczkowski e Pieczonka, capaci di raccogliere solo sei game. Molto più combattuto l’ultimo atto femminile, con la vittoria di Khomutsianskaya/Tsang, a segno sulle favorite Dimitrova e Hietaranta per 12-10 al super tie-break.

La premiazione del torneo femminile vinto dalla finlandese Laura Hietaranta

“Il bilancio di questa edizione – sottolinea la direttrice del torneo Jessica Festari – non può che essere soddisfacente. Il livello medio rispetto agli anni precedenti, anche grazie alla presenza degli atleti del gruppo di Tennis Europe, si è alzato notevolmente. Inoltre da più parti sono arrivati complimenti alla nostra organizzazione, ritenuta tra le migliori della categoria. E chi potrà, ci ha già detto che tornerà il prossimo anno. Per quanto riguarda i giocatori, è vero che di italiani in finale non ne abbiamo avuti, ma io terrei d’occhio Nicola Filippi, perché a mio avviso riuscirà a farsi notare anche in futuro. Tra gli stranieri, mi ha impressionato la 12enne francese Iliev, la più piccola delle protagoniste. Ma in generale di ragazzi con qualità ne abbiamo visti davvero tanti. Noi abbiamo cercato di farli sentire a casa, come fossero nostri soci o amici del Tc Crema. Credo che questo abbia fatto la differenza”. Soddisfatto anche Giuseppe Menga, direttore della scuola tennis: “Il ringraziamento per l’ospitalità ricevuta giunto da Antonella Serra Zanetti, che accompagna i giovani di Tennis Europe, ci ha fatto estremamente piacere. Lei di tornei come questo ne vede tanti, dunque la sua opinione conta ancora di più. Per quanto riguarda i ragazzi di casa, è stato un anno di transizione, buono per fare esperienza in attesa di salire di livello. Peccato per Giulia Finocchiaro, che ha trovato subito la numero 2 del tabellone. Ma in questo momento i risultati passano in secondo piano, l’importante è continuare a crescere”.

RISULTATI

Singolare maschile. Finale: Mikrut (Cro) b. Pieczonka (Pol) 6-1 7-6.

Singolare femminile. Finale: Hietaranta (Fin) b. Svetac (Cro) 6-4 6-3.

Doppio maschile. Finale: Bill/Mikrut (Cro) b. Pieczkowski/Pieczonka (Pol) 6-2 6-4.

Doppio femminile. Finale: Khomutsianskaya/Tsang (Blr/Aus) b. Dimitrova/Hietaranta (Bul/Fin) 6-1 4-6 12/10.

Leggi Tutto

Filippi si arrende: Crema resta senza azzurri. Finali Mikrut-Pieczonka e Hietaranta-Svetac



Crema, 21 giugno 2019 – Dopo tre edizioni consecutive con almeno un titolo – fra singolare e doppio – finito nelle mani di giocatori italiani, il “Città di Crema” numero 15 torna terra di conquista degli stranieri. Le semifinali di giovedì sera avevano eliminato le ultime tracce azzurre dai tabelloni di doppio, mentre nel primo pomeriggio di venerdì è terminata la corsa in singolare di Nicola Filippi, grande protagonista sui campi del Tennis Club Crema. Il mancino romagnolo, classe 2003, si era guadagnato un posto fra gli ultimi quattro vincendo due grandi battaglie, prima contro il n.4 del tabellone Illya Maksymchuk e poi contro il n.6 Noa Vukadin, superato giovedì al tie-break del terzo set. Ma il nostro ha dovuto dire addio ai sogni di gloria contro il croato Luka Mikrut, contro il quale è stato determinante il primo set: i due hanno dato vita a un avvincente testa a testa fino al 5-5, ma poi il 15enne di Spalato è riuscito a cambiare marcia nel momento più importante, vincendo due game di fila che hanno fatto un’enorme differenza. Perché non solo gli hanno permesso di mettere in cassaforte il primo set, ma gli hanno dato anche la spinta giusta per scappare subito via nel secondo, contro un Filippi che ha pagato care le fatiche del giorno precedente. Il forlivese ha provato comunque a rimanere nel match, ma non è riuscito ad andare oltre il 7-5 6-1 finale, che ha aperto a Mikrut le porte della sua prima finale nel circuito internazionale under 16 di Tennis Europe. Il croato la giocherà domani contro il polacco Filip Pieczonka, terzo favorito della vigilia, che nella seconda semifinale l’ha spuntata con il punteggio di 6-1 7-5 sul bulgaro Dinko Dinev.

La croata Sara Svetac, classe 2004, sfiderà in finale al Tennis Club Crema la grande favorita Laura Hietaranta

Mentre nella finale maschile non sarà in campo nessuno dei primi due favoriti del tabellone, a giocarsi il titolo fra le ragazze ci sarà la giocatrice più attesa alla vigilia, la finlandese Laura Hietaranta, numero 22 della classifica di categoria. Fin qui la settimana della 15enne del Nord Europa è stata da sogno: non solo non ha mai ceduto un set, ma addirittura nei quattro incontri disputati ha lasciato per strada la miseria di dodici giochi, superando per 6-2 6-0 in semifinale la francese Sarah Iliev. La transalpina aveva già fatto un mezzo miracolo ad arrivare fra le ultime quattro a soli 12 anni (ne festeggerà 13 il prossimo 3 ottobre) ma di fronte alla maggiore maturità – fisica e tennistica – della rivale, è stata rapidamente costretta ad alzare bandiera bianca. Esito a sorpresa, invece, nella seconda semifinale: la favorita era la bulgara Katerina Dimitrova, numero 25 della classifica e compagna di doppio della Hietaranta (le due sono in finale, da disputare in serata), invece Sara Svetac è riuscita a sovvertire i pronostici. Ceduto il primo set, la croata non si è persa d’animo e ha risalito la corrente, prendendo in mano l’inerzia del confronto nelle fasi calde del secondo parziale imponendosi per 3-6 7-5 6-2. Sabato le due finali, con ingresso gratuito: alle 13 Hietaranta-Svetac, a seguire (non prima delle 15) Mikrut-Pieczonka. Quattro nomi che oggi sono tutti da scoprire, ma in futuro potrebbero diventare protagonisti del grande tennis. Come racconta la storia del “Città di Crema”.

RISULTATI

Singolare maschile. Semifinali: Mikrut (Cro) b. Filippi (Ita) 7-5 6-1, Pieczonka (Pol) b. Dinev (Bul) 6-1 7-5.

Singolare femminile. Semifinali: Hietaranta (Fin) b. Iliev (Fra) 6-2 6-0, Svetac (Cro) b. Dimitrova (Bul) 3-6 7-5 6-2.

Leggi Tutto

Nicola Filippi porta l’italia in semifinale al Città di Crema



Crema, 20 giugno 2019 – Nicola Filippi sulle orme del vincitore del 2018 Saverio Trippetti? È quello che si augura il pubblico del Tennis Club Crema, che a dodici mesi di distanza sta vivendo una sorta di déjà vu. Lo scorso anno il protagonista inatteso del “Città di Crema” era stato il giovane umbro, che da wild card e numero 860 della classifica under 16 di Tennis Europe riuscì a mettere in fila tutti gli avversari; stavolta gli occhi degli appassionati italiani sono tutti puntati su Filippi, 16 anni da Forlì e un tennis mancino che nell’ultimo periodo sta funzionando a meraviglia. Si era già visto un paio di settimane fa a Foligno, dove il romagnolo vinse sette partite arrivando dalle qualificazioni alle semifinali. Adesso Nicola si è confermato in via del Fante, portando l’unica bandiera italiana nelle semifinali di venerdì. Ci è riuscito al termine di una lunga battaglia contro il croato Noa Vukadin, che gli ha strappato il primo set al tie-break e poi è volato prima sul 3-0 e poi sul 4-1 nel terzo, dopo che Filippi aveva pareggiato i conti col 6-2 nel secondo. Ma nemmeno il doppio allungo del rivale in avvio di frazione decisiva è bastato per fermare l’azzurro, che non si è demoralizzato, ha raccolto le energie residue e, punto dopo punto, è tornato in partita, fino a ribaltare il set e spuntarla con il punteggio di 6-7 6-2 7-6. A sorpresa, nella semifinale di venerdì per Filippi ci sarà l’altro croato Luka Mikrut, protagonista dell’impresa del giorno. Nel pomeriggio il 15enne di Spalato ha steso con un secco 6-3 6-0 la prima testa di serie, il polacco Olaf Pieczkowski, lasciando il tabellone maschile privo di entrambi i favoriti della vigilia.

La finlandese Laura Hietaranta, classe 2004

L’altra semifinale maschile sarà fra il bulgaro Dinko Dinev (6-1 6-4 al francese Lestir) e l’altro polacco Filip Pieczonka, n.3 del seeding. Quest’ultimo si è guadagnato un posto fra i migliori 4 superando per 6-3 6-2 il campano Ivan La Cava, bravo a tenerlo in campo più a lungo rispetto ai due avversari precedenti ma non a sufficienza per pensare di poterlo battere. Mentre l’albo d’oro maschile sogna di accogliere una nuova bandiera italiana, nel femminile c’è già la certezza dell’ingresso di una nuova nazione, la dodicesima. Sarà una fra Finlandia, Francia, Croazia e Bulgaria, rappresentate rispettivamente da Laura Hietaranta, Sarah Iliev, Sara Svetac e Katerina Dimitrova. La favorita n.1 è la Hietaranta, n.21 della classifica Tennis Europe. È lei che al Tc Crema – tennisticamente parlando – è parsa la più matura del lotto. L’ha confermato nel quarto di finale contro la milanese Irene Verzin, unica qualificata capace di arrivare fino a giovedì ma sconfitta per 6-3 6-2. Venerdì la tennista nordica sfiderà la francese Sarah Iliev, la più giovane dell’intero tabellone. La transalpina è nata nel 2006 e deve ancora compiere 13 anni ma è già super competitiva, come racconta il successo per 1-6 6-4 6-4 contro la croata Vukicevic. L’altra semifinale sarà fra la n.2 Dimitrova e Sara Svetac. Venerdì si parte alle 10, sul Campo Centrale. Prima le quattro semifinali dei singolari, poi le finali dei doppi (ingresso gratuito).

I RISULTATI DI GIORNATA

Singolare maschile. Quarti di finale: Mikrut (Cro) b. Pieczkowski (Pol) 6-3 6-0, Filippi (Ita) b. Vukadin (Cro) 6-7 6-2 7-6, Pieczonka (Pol) b. La Cava (Ita) 6-3 6-2, Dinev (Bul) b. Lestir (Fra) 6-1 6-4.

Singolare femminile. Quarti di finale: Hietaranta (Fin) b. Verzin (Ita) 6-3 6-2, Iliev (Fra) b. Vukicevic (Cro) 1-6 6-4 6-4, Svetac (Cro) b. Khomutsianskaya (Bie) 6-4 5-7 6-1, Dimitrova (Bul) b. Tsang (Aus) 6-4 6-2.

Leggi Tutto

Questo sito è full responsive ed è correttamente visualizzabile su ogni dispositivo. Computer, smartphone e tablet di ogni misura...