Posts Taggati ‘Tennis Forza e Costanza Brescia’

Internazionali di Brescia, di scena figlie (e nipoti) d’arte



Brescia, 30 maggio 2015 – Il tennis è un mestiere che spesso si tramanda da padre a figlio, passa da fratello a sorella, o più semplicemente tra cugini. E il 50 mila dollari del Forza e Costanza, che ha preso il via con il primo turno delle qualificazioni, ne ha dato una prova ulteriore. Se è piuttosto normale trovare all’interno della stessa famiglia più di un giocatore, è però difficile che si ripeta un cammino da professionista di alto livello. Ci sta provando la ligure Cristiana Ferrando, 19enne nipote di Linda, top 40 negli anni Novanta. Cristiana per adesso è solo numero 572 Wta, ma la determinazione non le manca e gli ultimi risultati (come la vittoria nel 10 mila dollari di Solarino) incoraggiano all’ottimismo. Cristiana ha sconfitto, all’esordio sui campi del Castello, l’altra azzurra Beatrice Lombardo, messa ko nel primo parziale e poi tenuta sotto controllo nel secondo. L’impronta di famiglia c’è pure in Martina Trevisan, sorella di Matteo che è stato anni fa numero 1 al mondo under 18. La ventunenne mancina di Firenze si è convinta a riprovarci dopo un periodo di allontanamento dal tennis agonistico, e punta a trovare quelle prime 100 al mondo che per una col suo talento dovrebbero essere l’obiettivo minimo. Anche per lei, a Brescia esordio morbido contro Valeria Prosperi, altra promessa tricolore. Poi c’è Claudia Giovine, 24enne cugina di Flavia Pennetta, sempre alla ricerca di una continuità che le garantirebbe qualcosa in più dell’attuale numero 462 Wta. A cadere sotto i suoi colpi, la piemontese Giulia Gatto Monticone, settima favorita delle qualificazioni. Tra le sconfitte, invece, Giulia Sartori, la figlia 17enne di Massimo, il coach di Andreas Seppi. Per lei, comunque, una prestazione più che dignitosa contro la canadese Heidi El Tabakh. “Qui torno sempre volentieri – ha spiegato il coach del numero 2 d’Italia – perché al Forza e Costanza si sta bene, è un circolo suggestivo e ho pure dei ricordi di una quindicina di anni fa, quando vincemmo un match di serie B contro la squadra di casa. Giulia sta recuperando dopo un periodo di stop e la prova odierna, pur nella sconfitta, segnala che stiamo andando nella direzione giusta”. Di storie da raccontare ce ne sono tante, nella giornata inaugurale. Come quella di Anastasia Grymalska, abruzzese nata a Kiev (ma di passaporto italiano), che perse la finale due anni fa, e che stavolta è costretta a partire dalle retrovie. La vittoria (sofferta) contro la svizzera Michel è però solo il primo gradino di un percorso durissimo. Come dura da digerire è la sconfitta della ragazza di casa, Martina Parmigiani, eliminata da Emma Lioi per 6-1 6-3. Domani dalle 10.30 (ingresso gratuito) il secondo turno delle qualificazioni, che promuoveranno quattro atlete al main draw, già sorteggiato dalla mano della francese Georges. Tra i primi turni più interessanti figurano il derby azzurro tra wild card Burnett-Brescia, e la sfida della croata Mrdeza alla numero 2 del seeding Kucova.

RISULTATI

Qualificazioni, 1° turno: Ce (Bra) b. Quattrone (Ita) 6-1 6-0, Ferrando (Ita) b. Lombardo (Ita) 6-1 6-4, Grymalska (Ita) b. Michel (Svi) 6-4 7-5, Soylu (Tur) b. Carreras (Gbr) 6-1 6-4, Giovine (Ita) b. Gatto Monticone (Ita) 6-4 4-6 6-2, Lioi (Ita) b. Parmigiani (Ita) 6-1 6-3, Trevisan (Ita) b. Prosperi (Ita) 6-1 6-2, Cavalle-Reimers (Esp) b. Sanchez (Mex) 6-2 6-1, El Tabakh (Can) b. Sartori (Ita) 6-2 6-4, Vikhlyantseva (Rus) b. Di Giuseppe (Ita) 6-3 7-6, Chiesa (Ita) b. Rizzolo (Usa) 6-0 7-5, Gamiz (Ven) b. Kvatsabaia (Geo) 7-6 6-1, Shapatava (Geo) b. Fossa Huergo (Ita) 6-1 6-1, Georges (Fra) b. Gorgodze (Geo) 3-0 ritiro.

MAIN DRAW

Diatchenko (Rus)-Kiick (Usa), Kolar (Slo)-Piter (Pol), qualificata-Ormaechea (Arg), Minella (Lux)-Vogt (Lie), Cirstea (Rom)-qualificata, Burger (Ned)-Golubic (Svi), Paolini (Ita)-Pous Tio (Esp), Sorribes Tormo (Esp)-Celik (Swe), Krejcikova (Cec)-Voracova (Cec), Oprandi (Svi)-Shymanovich (Blr), Burnett (Ita)-Brescia (Ita), Zhang (Chn)-Rogowska (Aus), Sakkari (Gre)-Irigoyen (Arg), qualificata-Mayr (Aut), Caregaro (Ita)-qualificata, Mrdeza (Cro)-Kucova (Svk).

Leggi Tutto

Domani scattano gli Internazionali femminili di Brescia



Brescia, 29 maggio 2015 – Da domani mattina, la parola passa al campo. Dopo i preparativi, dopo la presentazione ufficiale, gli Internazionali femminili di Brescia cominciano a fare sul serio con l’inizio delle qualificazioni. Che quest’anno presentano subito tanti nomi di potenziali star, o di giocatrici che hanno già calcato con successo il palcoscenico del tour maggiore Wta. Si tratta di una sorta di ‘torneo nel torneo’, se pensiamo che molte delle protagoniste degli anni scorsi, quando il montepremi era di 25 mila dollari, passando al 50 mila dovranno partire proprio da qui, dal tabellone cadetto, dove saranno in palio quattro posti per il main draw. Qualche nome? Arantxa Rus per esempio, la bella 24enne olandese che è stata numero 61 al mondo, e che nel 2014 figurava come testa di serie numero 1 dell’appuntamento del Forza e Costanza. Accanto a lei, la 22enne svizzera Viktorija Golubic, che in Castello vinse nel 2013 sfoderando un rovescio a una mano che conquistò il pubblico degli appassionati. O ancora la francese Mathilde Johansson, numero 59 Wta nel 2009 e reduce dal Roland Garros. Tra le italiane, non dovrebbe mancare l’abruzzese (nata a Kiev) Anastasia Grymalska, pure lei già protagonista a Brescia nel 2013, quando perse in finale.

Sempre in tema azzurre, le wild card per le qualificazioni sono andate a quattro promesse come Cristiana Ferrando (nipote della ex pro Linda), Valeria Prosperi, Beatrice Lombardo e Giulia Sartori. Dall’organizzazione, invito anche alla ragazza di casa Martina Parmigiani. Ha dovuto rinunciare, invece, Bianca Turati, la 17enne brianzola che si era guadagnata l’ingresso grazie al titolo di Salsomaggiore, ma che negli stessi giorni sarà impegnata nel Roland Garros under 18. Come dire, assente giustificata. Il tabellone principale scatterà invece lunedì, per concludersi sabato 13 con la finale del singolare. La numero 1 sarà la russa Vitalia Diatchenko, 24enne di Sochi, numero 91 Wta, che proprio al recente Roland Garros ha vissuto un momento di grande popolarità per la sfida di secondo turno contro Maria Sharapova, persa in due set ma dopo aver retto bene l’urto della siberiana nel parziale d’apertura. Una sfida non solo tennistica, ma anche estetica, considerato che la Diatchenko è stata definita ‘la sosia della Ivanovic’, paragone non di poco conto se pensiamo che la serba è tra le tenniste più ammirate sulle copertine delle riviste di moda. Wild card nel main draw a un poker di giovani azzurre: Paolini, Caregaro, Burnett e Brescia. L’ingresso al torneo sarà gratuito dall’inizio alla fine, come è accaduto per tutte le precedenti edizioni. Uno straordinario regalo agli appassionati bresciani, che quest’anno potranno godersi quello che, a conti fatti, è il secondo appuntamento femminile più importante in Italia dopo gli Internazionali di Roma.

Leggi Tutto

Internazionali femminili di Brescia, un torneo da sogno



Brescia, 21 maggio 2015 – Una entry list da record, come da record è il montepremi, salito fino a toccare i 50 mila dollari. Che significa essere il miglior torneo femminile in Italia dopo Roma. Gli Internazionali femminili di Brescia non sono mai stati così belli, e basta dare una prima occhiata alle protagoniste per rendersi conto che stavolta, davvero, in Castello non si potrà mancare. La giocatrice di miglior classifica, al momento, è la russa Vitalia Diatchenko, numero 93 della classifica mondiale, seguita dalla cinese Shuai Zhang, 99. Ma al di là dei ranking attuali, è il caso di approfondire il discorso classifiche per capire che, se parliamo di best ranking, avremo tante tenniste di vertice tra quelle impegnate al Forza e Costanza. Proprio la cinese Zhang è stata numero 30 meno di un anno fa, ma bisogna andare oltre per trovare la più forte. Si tratta della rumena Sorana Cirstea, ventunesima al mondo nell’estate del 2013, prima di una discesa che però non riguarda il tennis, bensì i risultati. Come a dire che la sostanza resta la stessa di due stagioni fa: una giocatrice capace di esprimere un tennis vicino, molto vicino, a quello delle migliori del pianeta.

Tra le nazioni da tenere d’occhio ci sarà la Spagna, che presenta una ragazza già esperta di circuito maggiore come la 23enne Maria Teresa Torro Flor (numero 47 un anno fa), ma soprattutto una emergente di lusso come la 18enne Sara Sorribes Tormo, 156 Wta, nel momento più bello di una carriera che sta per sbocciare. Pure l’Italia sarà un mix di esperienza e freschezza. Da una parte troveremo Alberta Brianti, 35enne parmense che ormai è di casa a Milano, e che proprio non ne vuole sapere di appendere la racchetta al chiodo, forte di un talento nel braccio raro da trovare. Dall’altra, due promesse del movimento azzurro come Nastassja Burnett e Jasmine Paolini. Mentre Bianca Turati, 17enne brianzola, ha conquistato la wild card per le qualificazioni vincendo il titolo nell’Under 18 di Salsomaggiore. Sarà della partita anche Romina Oprandi, che italiana lo è stata fino a qualche stagione fa, prima di scegliere di competere sotto la bandiera della Svizzera, sua terra di origine. Numero 32 al mondo nel 2013, Romina oggi è scesa fino al 202 (ed è l’ultima ammessa direttamente nel main draw), ma quanto a varietà è sempre tra le più dotate del circuito in rosa. Per riassumere, sarà il più bel torneo femminile che Brescia abbia mai avuto, come è stato sottolineato nella conferenza stampa di presentazione, nella splendida Sala dei Giudici di Palazzo della Loggia. Dove sono intervenuti, tra gli altri, l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Brescia, Valter Muchetti, la presidente del Forza e Costanza Anna Capuzzi Beltrami e il direttore del torneo Alberto Paris.

Un deciso salto avanti rispetto a quel ’25 mila dollari’ che fino allo scorso anno era comunque il miglior appuntamento su suolo lombardo per quanto riguarda il tennis delle ragazze. Ancora una volta, il Forza e Costanza offrirà dal 30 maggio al 6 giugno il servizio migliore possibile a giocatrici provenienti da ogni parte del mondo. Con un tocco di classe in più rispetto alle scorse edizioni: il villaggio ospitalità, infatti, crescerà e sarà un punto di riferimento per la manifestazione, dall’alto del campo in sintetico che sovrasta quelli in terra battuta nel fossato del Castello. L’entrata gratuita farà il resto. Un regalo alla città che la presidente Anna Capuzzi Beltrami, il Consiglio e il direttore Alberto Paris, hanno voluto fortemente. Una rincorsa che ha trovato la conclusione più bella.

Leggi Tutto

Bianca Turati, da Salsomaggiore a Brescia. Garantisce Bollettieri



Brescia, 5 maggio – Il Tennis Forza e Costanza si avvicina al grande evento della stagione, gli Internazionali femminili di Brescia, sui campi in terra battuta del castello dal 30 maggio al 7 giugno. E oltre alle tante professioniste di alto livello attese da un torneo che ha raddoppiato il montepremi (passando da 25 a 50 mila dollari) ci sarà un’altra stellina da seguire con attenzione. Si chiama Bianca Turati, ha 17 anni ed è ben conosciuta in Lombardia, considerato che è nata e vive a Barzanò, in Brianza. Domenica scorsa, Bianca ha vinto per il secondo anno di fila la prova di Salsomaggiore Terme, under 18 che dà il la alla stagione italiana juniores. Proprio questa vittoria ha garantito alla giovane promessa azzurra di guadagnarsi una wild card per l’appuntamento bresciano, che da qualche anno ha stabilito una proficua collaborazione con la manifestazione emiliana, premiando con un invito la più forte del lotto. Non è una sorpresa la vittoria della Turati, ma sarà una novità la sua presenza in castello, dove arriverà con tutte le carte in regola per farsi notare. Nell’agosto del 2014 ha incamerato il suo primo titolo nel circuito pro (nel 10 mila dollari di Duino Aurisina) e sono in tanti, tra appassionati e addetti ai lavori, a prevedere per lei un futuro importante.

Tra loro, anche un personaggio che non ha bisogno di troppe presentazioni, e che in questi giorni sta facendo il giro d’Italia per promuovere il suo nuovo libro. Parliamo di Nick Bollettieri, guru del tennis americano e scopritore di tanti campioni, che ha appena sfornato ‘Cambiare gioco’, una sorta di riassunto della sua carriera, nel quale parla dei suoi allievi giunti al primo posto della classifica Atp, ma pure delle otto mogli, dei sette figli e di tutto ciò che ha accompagnato la sua vita. Ebbene, Bollettieri era proprio a Salsomaggiore per le finali del torneo, ed è stato lui a premiare la Turati, facendole i complimenti per il tennis espresso durante la settimana. Un attestato di stima che vale molto, considerato che arriva da uno dei tecnici più vincenti al mondo. Anche se adesso, per la ragazza dal rovescio a una mano vecchio stile, che dà sempre il massimo per portare a casa i match, c’è un ingresso nel mondo delle pro che non sarà così semplice. “Siamo orgogliosi – spiega il direttore del torneo di Brescia, Alberto Paris – di poter avere anche Bianca tra le protagoniste. È una delle più importanti promesse del tennis italiano, e vederla in campo sarà un piacere per tutti”. Prossimo passo verso il 50 mila dollari, il 21 maggio, con la presentazione ufficiale alla stampa.

FORZA E COSTANZA, DA OLTRE UN SECOLO IL TENNIS NEL BRESCIANO

Il tennis Forza e Costanza 1911 rappresenta un riferimento prestigioso nella tradizione sportiva bresciana. Il Circolo gode di una collocazione affascinante sul colle Cidneo, incastonato laddove un tempo sorgeva il fossato del Castello medioevale. Cinque i campi in terra battuta e uno in materiale sintetico, quattro dei quali illuminati. La Club House ospita gli spogliatoi, la segreteria e il ristorante, in grado di accogliere fino a cinquanta persone. La struttura storica, quella del Castello, durante l’anno è a disposizione dei soci, circa un centinaio. E a giugno si trasforma nella suggestiva cornice del più importante torneo professionistico femminile di tutta la Lombardia. Gli Internazionali di Brescia rappresentano il fiore all’occhiello dell’attività del club, e per l’ottava edizione saliranno a 50mila dollari di montepremi. Un’altra sede, dedicata alla Scuola Sat e all’attività invernale, in Via Signorini.

Leggi Tutto

Forza e Costanza, vincere per passare il turno in Serie C



Brescia, 29 aprile – Il Tennis Forza e Costanza non si nasconde. Non l’ha fatto prima del via del campionato di Serie C, iniziato con grandi ambizioni, e non lo fa nemmeno ora, alla vigilia del match più importante. Si giocherà venerdì alla sede del Castello, a partire dalle ore 9, contro i milanesi del Milago Tennis Center (Buccinasco), per capire se il campionato della formazione di casa continuerà, oppure se sarà necessario sperare in risultati favorevoli nella altre sfide. La speranza è di farcela con le proprie armi, al termine di un girone 6 fin qui molto ben giocato, con due vittorie e un pareggio nei tre match disputati. Un bottino che ha confermato il valore dei ragazzi capitanati dal consigliere Marco Guerini: fra le cinque squadre bresciane in gara in C, il Forza e Costanza è quella ad avere più punti. Merito di una formazione dall’ottimo livello medio, che ha trovato nel nuovo acquisto Alberto Lazzari un vero punto di forza. “Secondo la classifica nazionale è ‘solo’ 3.1 – spiega il responsabile tecnico Alberto Paris – ma sul match secco può giocarsela tranquillamente con gente di livello molto superiore”. Lo stesso discorso vale per l’altro veterano del team, Alessandro Tabacchini, uno che di esperienza ne ha da vendere, e la sta facendo fruttare al servizio della squadra. “Con due giocatori così, abbiamo quasi tre punti assicurati: i due rispettivi singolari e il doppio. Se lo disputano in coppia, perdono difficilmente”.

Se ne sono accorti i giocatori delle squadre avversarie: prima i varesini dello Sporting Club Saronno, regolati 5-1, quindi i bergamaschi della Polisportiva Curno, travolti con un 6-0 che la dice lunga. In mezzo il 3-3 casalingo contro i milanesi dello Sporting Cusano Milanino, gli unici sin qui capaci di negare il successo alla corazzata bresciana. “Se proprio si vuole trovare una macchia a un campionato sin qui perfetto – prosegue Paris – è la mancanza di un successo in casa, davanti ai nostri soci”. Ma la chance per prenderselo è alle porte, ed eventualmente avrà valore doppio. Alla fase regionale a eliminazione diretta ci arriveranno le prime due del girone, quindi potrebbe bastare un nuovo pareggio, mentre vincendo si eliminerebbe ogni dubbio. Una motivazione importante per Lazzari, Leonardo Bezzi, Tabacchini, Riccardo Mevolli, Luca Boesso, Cesare Scaffidi e per lo stesso Paris: riposando all’ultima giornata, potranno tirare il fiato con qualche giorno d’anticipo rispetto alle avversarie, per preparare al meglio la fase calda del campionato. Che scatterà domenica 17 maggio con gli ottavi di finale, con il Forza e Costanza che non ha alcuna voglia di mancare all’appello. Sarebbe il primo passo dalla ricostruzione auspicata dalla dirigenza, che sogna un rapido ritorno nelle serie più importanti, già calcate con successo negli anni passati. Un sogno ancora molto lontano, che passerà anche dal match di venerdì.

FORZA E COSTANZA, DA OLTRE UN SECOLO IL TENNIS NEL BRESCIANO

Il tennis Forza e Costanza 1911 rappresenta un riferimento prestigioso nella tradizione sportiva bresciana. Il Circolo gode di una collocazione affascinante sul colle Cidneo, incastonato laddove un tempo sorgeva il fossato del Castello medioevale. Cinque i campi in terra battuta e uno in materiale sintetico, quattro dei quali illuminati. La Club House ospita gli spogliatoi, la segreteria e il ristorante, in grado di accogliere fino a cinquanta persone. La struttura storica, quella del Castello, durante l’anno è a disposizione dei soci, circa un centinaio. E a giugno si trasforma nella suggestiva cornice del più importante torneo professionistico femminile di tutta la Lombardia. Gli Internazionali di Brescia rappresentano il fiore all’occhiello dell’attività del club, e per l’ottava edizione saliranno a 50mila dollari di montepremi. Un’altra sede, dedicata alla Scuola Sat e all’attività invernale, in Via Signorini.

Leggi Tutto

Serie C al via: il Forza e Costanza di Brescia punta in alto



Brescia, 11 aprile – In attesa degli Internazionali di Brescia, al via sabato 30 maggio, il Tennis Forza e Costanza è pronto per il primo grande impegno della stagione: il Campionato nazionale di Serie C. La manifestazione, al via domenica 12 aprile, vedrà impegnata anche la formazione promossa dalla D1 nel 2013, e capace lo scorso anno di mantenere la categoria. Stavolta si punta però a qualcosa in più, ossia a un posto nel tabellone nazionale che decreterà le promosse in B. Un traguardo raggiungibile anche con la seconda piazza nel girone, raggiungibile alla luce del livello delle avversarie. Il team bresciano, capitanato dal consigliere Marco Guerini, è stato inserito nel girone 6, insieme ai bergamaschi della Polisportiva Curno, ai milanesi del Milago Tennis Center (Buccinasco) e dello Sporting Cusano Milanino, e ai varesini dello Sporting Saronno. Proprio dalla trasferta nel Varesotto scatterà domenica alle 9 il campionato dei bresciani, che rispetto al 2014 potranno contare sulla new entry Alberto Lazzari. Maestro di tennis, classificato 3.1, l’over 35 Lazzari vanta dei trascorsi al Forza e Costanza, che gli permetteranno di scendere in campo in qualità di elemento del vivaio. Oltre a lui, in gara i seconda categoria Leonardo Bezzi e Alessandro Tabacchini, e i ‘terza’ Riccardo Mevolli, Luca Boesso, Francesco Scaffidi e Alberto Paris. Un gruppo che fonda la propria forza sull’omogeneità. Proprio il livello costante dal numero uno al numero quattro potrebbe rappresentare un vantaggio, specialmente nei due doppi, spesso fondamentali nelle gare a squadre.

Lo sanno bene al Forza e Costanza, dove per anni hanno militato nei campionati più importanti, arrivando anche in Serie A1 dopo una lunga scalata partita dalla D. “Credo che avere una squadra che compete ad alti livelli – ha detto la presidente Anna Capuzzi Beltrami – sia un risultato prestigioso per il circolo, e se ci aggiungiamo che il nostro ospita già il secondo torneo femminile più importante d’Italia, rappresenterebbe un ulteriore salto di qualità”. Per questo c’è il sogno di tornare in alto nel giro di qualche anno. “La Serie A1 è una grande vetrina, ricordo ancora le trasferte in tutta Italia, con in formazione uno come lo spagnolo Juan Balcells, che è arrivato fra i primi 70 del mondo sia in singolare sia in doppio, oltre ad aver giocato parecchi incontri di Coppa Davis. È l’unico modo, oltre ai tornei, per portare i campioni nei circoli di provincia, e rappresenta una grande opportunità sia per i giovani sia per i soci”. L’ha capito qualche potenziale investitore, pronto a sostenere una campagna acquisti di livello in caso di promozione in Serie B. “Per puntare a un ritorno ai fasti degli anni scorsi serviranno dei rinforzi, ma sapere che c’è qualcuno interessato al progetto è già un buon punto di partenza. Ora godiamoci la Serie C, poi in base all’esito del campionato penseremo a come muoverci”.

FORZA E COSTANZA, DA OLTRE UN SECOLO IL TENNIS NEL BRESCIANO

Il tennis Forza e Costanza 1911 rappresenta un riferimento prestigioso nella tradizione sportiva bresciana. Il Circolo gode di una collocazione affascinante sul colle Cidneo, incastonato laddove un tempo sorgeva il fossato del Castello medioevale. Cinque i campi in terra battuta e uno in materiale sintetico, quattro dei quali illuminati. La Club House ospita gli spogliatoi, la segreteria e il ristorante, in grado di accogliere fino a cinquanta persone. La struttura storica, quella del Castello, durante l’anno è a disposizione dei soci, circa un centinaio. E a giugno si trasforma nella suggestiva cornice del più importante torneo professionistico femminile di tutta la Lombardia. Gli Internazionali di Brescia rappresentano il fiore all’occhiello dell’attività del club, e per l’ottava edizione saliranno a 50mila dollari di montepremi. Un’altra sede, dedicata alla Scuola Sat e all’attività invernale, in Via Signorini.

Leggi Tutto

Brescia: ripartita l’attività in Castello. TPRA in calendario



Brescia, 26 marzo – Non solo Internazionali femminili. Dopo l’apertura dei campi della sede del Castello, il Tennis Forza e Costanza scalda i motori in vista di un periodo estivo molto impegnativo, con tanti tornei e con i campionati a squadre. Gli Internazionali di Brescia, raddoppiati nel montepremi (50 mila dollari) e al via sabato 30 maggio con le qualificazioni, faranno da spartiacque fra altri sei appuntamenti, tre prima e tre poi. Ad aprire la lunga serie di eventi toccherà al circuito Tpra, la nuova frontiera del tennis amatoriale, nata proprio nel bresciano qualche anno fa e cresciuta sino a diffondersi in tutta Italia, anche grazie alla partnership con la Federazione Italiana Tennis. “La Fit – spiega il responsabile tecnico del club Alberto Paris – ha sollecitato tutti i circoli ad aderire a Tpra organizzando dei tornei, e noi non potevamo mancare. Oltre a quello di aprile, c’è l’intenzione di metterne in piedi uno anche in concomitanza con gli Internazionali femminili, da giocare alla sera, così da rendere il torneo un evento a 360 gradi”. L’attività del club si impennerà da maggio in avanti, con una lunga serie di tornei, tutti di natura diversa. Il primo, da lunedì 4 a domenica 10, varrà per le qualificazioni maschili ai campionati italiani under 16, occasione per vedere all’opera alcuni fra i migliori giovani della Lombardia, a caccia di un posto per la competizione tricolore. “Il torneo si dovrebbe disputare sui campi del Castello, a meno che la Federazione non decida di farlo giocare sul cemento. In quel caso ci sposteremmo in via Signorini”.

Dal 21 al 24 maggio sarà invece la volta del Camozzi Italian Open, il torneo Futures internazionale di tennis in carrozzina, organizzato insieme ad Active Sport e giunto ormai alla terza edizione. Confermato nel montepremi (3.000 euro) e anticipato di quattro mesi, diventerà una sorta di antipasto a quello che ormai da otto anni è l’evento clou della stagione targata Forza e Costanza. Proprio gli Internazionali di Brescia, cui seguirà sempre in Castello – dal 27 giugno al 12 luglio – una tappa over 45 del Circuito Visconteo, tour lombardo dedicato ai Veterani. “I nostri giocatori hanno sempre saputo farsi notare – sottolinea Paris –, speriamo sia così anche quest’anno”. Dopo il ‘Visconteo’, i cinque campi in terra battuta realizzati nell’antico fossato del Colle Cidneo ospiteranno invece i protagonisti del Trofeo Ascepa, torneo amatoriale all’insegna di divertimento e solidarietà, capace ogni anno di raccogliere numerose adesioni. E per chiudere, a settembre, tornerà il classico torneo vintage di doppio, con abiti bianchi e racchette di legno. Negli ultimi tempi ne stanno nascendo in ogni angolo d’Italia, e una parte del merito è anche del club bresciano, fra i pionieri di una tipologia d’evento che permette a tutti di riassaporare per un giorno le emozioni del tennis che fu.

FORZA E COSTANZA, DA OLTRE UN SECOLO IL TENNIS NEL BRESCIANO

Il tennis Forza e Costanza 1911 rappresenta un riferimento prestigioso nella tradizione sportiva bresciana. Il Circolo gode di una collocazione affascinante sul colle Cidneo, incastonato laddove un tempo sorgeva il fossato del Castello medioevale. Cinque i campi in terra battuta e uno in materiale sintetico, quattro dei quali illuminati. La Club House ospita gli spogliatoi, la segreteria e il ristorante, in grado di accogliere fino a cinquanta persone. La struttura storica, quella del Castello, durante l’anno è a disposizione dei soci, circa un centinaio. E a giugno si trasforma nella suggestiva cornice del più importante torneo professionistico femminile di tutta la Lombardia. Gli Internazionali di Brescia rappresentano il fiore all’occhiello dell’attività del club, e per l’ottava edizione saliranno a 50mila dollari di montepremi. Un’altra sede, dedicata alla Scuola Sat e all’attività invernale, in Via Signorini.

Leggi Tutto

Brescia, il tennis di nuovo in Castello



Brescia, 11 marzo – Al Tennis Forza e Costanza le novità non finiscono mai. Dopo il raddoppio del montepremi degli Internazionali di Brescia, il club è pronto ad accogliere la riapertura della sede del Castello con un'altra sorpresa: il rinnovo del locale principale della club house. Nei limiti del possibile per una struttura che fonda il suo fascino in un ambiente storico, l’ampia sala adibita anche a ristorante è stata completamente rimessa a nuovo (così come la cucina), per diventare ancor più accogliente e funzionale, per tutti i giocatori che nel lungo periodo estivo sono soliti passare dal club. L’apertura dei campi è fissata per sabato 21 marzo, e la stagione di tennis all’aperto proseguirà fino a ottobre. In occasione del via, oltre all’inaugurazione della nuova area con aperitivo offerto dal circolo a tutti i presenti, anche una sorta di Open day, coi campi liberamente a disposizione dei soci e di chi desidera tesserarsi. “È un restyling che ci voleva – spiega il direttore sportivo Alberto Paris -, in un'ottica di qualità dei servizi offerti a tutti, dalle giocatrici dell’ottava edizione degli Internazionali, a soci e ragazzini. Non dimentichiamoci che – aggiunge – la nostra scuola tennis è entrata fra le migliori dieci della Lombardia, è normale impegnarsi perché tutto ciò che le ruota attorno sia sempre all’altezza”.

Il tutto quindi renderà la struttura migliore anche per i campionati a squadre primaverili, che vedranno nuovamente il Tennis Forza e Costanza in gara nella serie C maschile. Il team, capitanato dal consigliere Marco Guerini e composto dai 'Seconda categoria' Leonardo Bezzi e Alessandro Tabacchini, e dai ‘Terza’ Riccardo Mevolli, Luca Boesso, Francesco Scaffidi e lo stesso Alberto Paris, conterà da quest’anno anche su Alberto Lazzari, maestro di tennis con un passato proprio nel club bresciano. Il che gli permetterà quindi di giocare in qualità di elemento del vivaio, posizione fondamentale in ogni formazione. Lazzari, over 35 con trascorsi in Seconda categoria, completa un team molto omogeneo, qualità che nelle gare a squadre può fare la differenza. Il club bresciano potrà poi contare anche su altre quattro formazioni: una di Serie D2 maschile – composta dai migliori ragazzi della scuola tennis, guidati da Paolo Staffieri -, una di Serie D4 maschile e due di veterani. “La prima sarà in gara nel campionato over 50 – spiega Paris – mentre la seconda, composta dal terzetto delle meraviglie formato da Ghirardi, Capra e Pedrini, andrà a caccia di nuovi traguardi fra gli over 60, dopo gli splendidi risultati delle scorse stagioni”. Completano il quadro le compagini femminili del Tennis Club Lumezzane, dove come da tradizione vengono tesserate le ragazze, grazie alla collaborazione nata fra le presidenti Capuzzi e Bugatti. “Oltre alla maestra Elisa Belleri – chiude Paris – abbiamo inserito nella squadra di serie B anche l’under 16 Sara Cicognani, così da farle fare esperienza”. Per non smettere mai di crescere.

FORZA E COSTANZA, DA OLTRE UN SECOLO IL TENNIS NEL BRESCIANO

Il tennis Forza e Costanza 1911 rappresenta un riferimento prestigioso nella tradizione sportiva bresciana. Il Circolo gode di una collocazione affascinante sul colle Cidneo, incastonato laddove un tempo sorgeva il fossato del Castello medioevale. Cinque i campi in terra battuta e uno in materiale sintetico, quattro dei quali illuminati. La Club House ospita gli spogliatoi, la segreteria e il ristorante, in grado di accogliere fino a cinquanta persone. La struttura storica, quella del Castello, durante l'anno è a disposizione dei soci, circa un centinaio. E a giugno si trasforma nella suggestiva cornice del più importante torneo professionistico femminile di tutta la Lombardia. Gli Internazionali di Brescia rappresentano il fiore all'occhiello dell'attività del club, e per l’ottava edizione saliranno a 50mila dollari di montepremi. Un'altra sede, dedicata alla Scuola Sat e all'attività invernale, in Via Signorini.

Leggi Tutto

Questo sito è full responsive ed è correttamente visualizzabile su ogni dispositivo. Computer, smartphone e tablet di ogni misura...