Posts Taggati ‘Torneo Città di Crema’

Trippetti e Laskevich trionfano al Città di Crema



Crema, 23 giugno 2018 – Andrea Dall’Asta nel 2008, Riccardo Balzerani nel 2014, Luca Nardi nel 2017 e Saverio Trippetti dodici mesi più tardi. Nell’albo d’oro del torneo under 16 Città di Crema entra ancora una volta una bandiera italiana. Tutto merito del trionfo firmato Trippetti, sedici anni da Spoleto e un tennis che promette grandi cose, specie con un’accoppiata servizio-diritto davvero incisiva. È grazie a quel tandem di fondamentali che il talento umbro è riuscito a mettere tutti in fila sulla terra rossa del Tennis Club Crema, facendosi strada a suon di exploit, modo perfetto per dimostrare che la wild card ricevuta alla vigilia è stata più che meritata. La sua 860a posizione nella classifica di Tennis Europe (che verrà abbondantemente ritoccata in virtù di questo successo) lo collocava ben lontano dall’elenco dei favoriti, ma uno dopo l’altro Trippetti ne ha fatti fuori buona parte, stendendo tre delle prime quattro teste di serie. Ultimo il milanese Giulio Perego, numero 4 del tabellone, bravissimo ad arrivare in fondo senza lasciare per strada nemmeno un set, e altrettanto bravo in una bellissima finale a obbligare Trippetti a sudarsi ogni singolo punto, senza regalargli nulla. Ma alla fine la maggiore potenza del rivale ha fatto la differenza: Trippetti è sempre stato avanti nel punteggio, non ha mai tolto il piede dall’acceleratore e ha chiuso per 6-3 6-4, raccogliendo l’applauso del pubblico giunto in via del Fante per la giornata conclusiva.

Se il successo in finale di Trippeti, visto quanto mostrato dal perugino nei giorni scorsi, non si può definire una sorpresa, lo è eccome la vittoria nel femminile di Evialina Laskevich. Lei che nel derby bielorusso contro la coetanea (entrambe classe 2004) Aliona Falei non partiva affatto favorita. La Falei, n.1 del tabellone, aveva perso appena nove giochi nei quattro incontri precedenti e pareva imbattibile, ma proprio nel match più importante della settimana non è riuscita a confermarsi, pagando a caro prezzo i troppi errori. Decisiva la maggiore regolarità della Laskevich, capace di trovare il giusto equilibrio fra attacco e difesa, di sbagliare meno e chiudere con il punteggio di 6-4 6-3. La Laskevich è la terza bielorussa a entrare nell’albo d’oro del Città di Crema, dopo Aliaksandra Sasnovich (2009) e Iryna Shymanovich (2012). Un tris che rende proprio la Bielorussia la nazione più titolata nella storia del torneo femminile. Prima del successo in singolare di Trippetti, l’Italia aveva festeggiato anche la vittoria nel doppio maschile, firmata venerdì sera dalla coppia composta dal laziale Giuseppe Bonaiuti e dal bergamasco Gabriele Datei, passati per 4-6 6-4 10/6 in finale contro Lagasio/Rosati. Per il Tennis Club Crema è stata una soddisfazione doppia, visto che Datei è tesserato proprio per il club ospitante e si è allenato a lungo proprio nell’accademia diretta da Beppe Menga. È la prima volta, nei 14 anni di storia del torneo, che uno dei titoli finisce nelle mani di un giovane di casa. Un motivo in più per essere orgogliosi di un torneo che migliora di anno in anno.

RISULTATI

Singolare maschile. Finale: Trippetti (Ita) b. Perego (Ita) 6-3 6-4.

Singolare femminile. Finale: Laskevich (Blr) b. Falei (Blr) 6-4 6-3.

Doppio maschile. Finale: Bonaiuti/Datei (Ita) b. Lagasio/Rosati (Ita) 4-6 6-4 10/6.

Doppio femminile. Finale: Ciric Baragic/Wurth (Cro) b. Benvegnu/Caldera (Ita) 6-2 6-0.

Leggi Tutto

Crema sarà tricolore: finale Trippetti-Perego



Crema, 22 giugno 2018 – Per il secondo anno consecutivo il torneo under 16 Città di Crema avrà un vincitore italiano. Nel 2017 era arrivata addirittura una doppietta, firmata da Luca Nardi e Lisa Pigato. Dodici mesi dopo ci sarà la firma di un altro azzurro sul tabellone di singolare maschile. Una speranza che è diventata realtà nel pomeriggio di venerdì, quando il sedicenne umbro Saverio Trippetti ha sfoderato una super prestazione contro il grande favorito della vigilia Daniel Linkuns-Morozovs, lettone numero 50 della classifica Tennis Europe, avendo la meglio per 7-5 6-2 ed eliminando anche l’ultima bandiera straniera tra i ragazzi. Il giovane nativo di Spoleto, tesserato per il Tc Open di Orvieto, non era compreso fra le teste di serie in virtù di un’attività internazionale tutt’altro che fitta, cosa che non gli ha permesso di costruirsi una classifica degna del suo livello. Ma il suo tennis è andato in crescendo giorno dopo giorno e grazie a un’accoppiata servizio-diritto molto efficace – anche in virtù di un fisico già particolarmente sviluppato in altezza – Trippetti è riuscito a cambiare marcia dal 5-5 del primo set, riducendo all’osso gli scambi e finendo per vincere otto degli ultimi dieci giochi dell’incontro. A separarlo da quello che sarebbe il suo primo titolo internazionale, il giovane umbro troverà sabato pomeriggio il milanese Giulio Perego, che nella semifinale derby contro l’emiliano Filippo Botti ha vinto per 7-6 6-3. Botti si era spinto fino al penultimo atto grazie a cinque vittorie, ma contro Perego ha ceduto al tie-break un primo set che l’aveva visto recuperare da 1-4, e poi ha perso gradualmente il contatto con l’avversario.

Da un derby italiano, nel maschile, a un derby bielorusso nel femminile. Beatrice Stagno non è riuscita nell’impresa di portare il tricolore anche nella finale ‘rosa’: la milanese è stata l’unica delle nostre capace di arrivare in semifinale, ma contro la stellina Aliona Falei, 14enne arrivata in Lombardia col solo obiettivo di prendersi il successo finale, ha fatto la stessa fine di tutte le avversarie capitate sulla strada della giocatrice dell’Est, apparsa veramente in forma smagliante. Sul Centrale del Tennis Club Crema è finita 6-0 6-2, punteggio che ha permesso alla bielorussa di conquistare la finale con appena nove giochi lasciati per strada in quattro incontri. Un dato che la dice lunga sulla superiorità mostrata sin qui. Adesso la Falei proverà a fare la voce grossa anche nel duello di sabato contro la connazionale (e coetanea) Evialina Laskevich. Secondo le classifiche quest’ultima non era favorita contro la croata Tara Wurth, invece si è imposta con un convincente 6-2 6-3, conquistando un biglietto per la giornata conclusiva. Per la Wurth è arrivata comunque una consolazione dal tabellone di doppio, vinto in coppia con la connazionale Lucija Ciric Bagaric. In finale, le due hanno superato per 6-2 6-0 la coppia azzurra Benvegnu/Caldera. In serata la finale del doppio maschile, mentre sabato il programma scatta alle 13, con la finale femminile. Alle 15 quella maschile (ingresso gratuito).

RISULTATI

Singolare maschile. Semifinali: Trippetti (Ita) b. Linkuns-Morozovs (Lat) 7-5 6-2, Perego (Ita) b. Botti (Ita) 7-6 6-3.

Singolare femminile. Semifinali: Falei (Blr) b. Stagno (Ita) 6-0 6-2, Laskevich (Blr) b. Wurth (Cro) 6-2 6-3.

Doppio femminile. Finale: Ciric Baragic/Wurth (Cro) b. Benvegnu/Caldera (Ita) 6-2 6-0.

Doppio maschile. Finale: Lagasio/Rosati (Ita) vs Bonaiuti/Datei (Ita) da concludere in serata.

Leggi Tutto

Crema, 3 azzurri in semifinale. Tra le ragazze resta solo la Stagno



Crema, 21 giugno 2018 – Sono rimaste due situazioni all’opposto nei tabelloni di singolare del 14° torneo internazionale under 16 Città di Crema, allineati alle semifinali. Nel maschile l’Italia ha portato tre racchette fra le ultime quattro, con Saverio Trippetti, Giulio Perego e Filippo Botti chiamati a rovinare la festa (in tutti i sensi, visto che il prossimo martedì spegnerà 16 candeline) al grande favorito della vigilia Daniel Linkuns-Morozovs. Nel femminile, invece, è rimasta in corsa la sola Beatrice Stagno, circondata dalle prime tre teste di serie del torneo: le bielorusse Aliona Falei ed Evialina Laskevich, e la croata Tara Wurth. Sui campi del Tennis Club Crema la Stagno, 15 anni da Bovisio Magnago (Milano), si è guadagnata un posto per la penultima giornata grazie al successo per 6-2 7-6 nel derby contro la piemontese Greta Schieroni. Venerdì sarà lei a provare a mettere i bastoni fra le ruote alla numero 1 del tabellone Aliona Falei, che a 14 anni potrebbe ancora competere fra le under 14 (è numero 8 della classifica europea), ma è già lanciatissima nella categoria superiore. Se n’è accorto il pubblico di Crema, che sin qui l’ha sempre vista passeggiare. Nei suoi primi tre incontri la tennista dell’Est Europa ha lasciato per strada soli sette game in tutto, confermando di avere una marcia in più rispetto a tutte le altre. Ultima a cadere sotto i suoi colpi la bergamasca Alice Volpe, costretta al ritiro per un problema fisico quando il punteggio recitava 6-1 3-0 in favore dell’avversaria. Insieme alla Volpe, hanno salutato il torneo anche Giorgia Pedone, sconfitta rapidamente dalla Wurth, e Anastasia Abbagnato. La 14enne palermitana è riuscita a strappare il primo set a Evialina Laskevich, ma dopo aver lasciato il secondo parziale è rimasta senza energie, fino a cedere con il punteggio di 3-6 6-4 6-0.

Nel tabellone maschile, invece, Linkuns-Morozovs ha fatto fuori il terzo azzurro in altrettanti incontri, superando per 6-0 6-1 il giovane del Tc Crema Danny Ricetti. Ora il lettone si prepara al duello contro Saverio Trippetti, capace di sfruttare alla grande la wild card ricevuta. Il 16enne di Spoleto, già capace di vincere quattro partite la scorsa settimana al prestigioso Torneo Avvenire di Milano, si è reso protagonista dell’eliminazione di due teste di serie: mercoledì ha battuto Pasquariello, mentre il giorno dopo l’ha spuntata per 6-3 1-6 6-2 sul croato Luka Mirkut, cancellando così la penultima bandiera straniera dal tabellone. Indipendentemente dall’esito della semifinale di Trippetti, l’Italia è già certa di avere un giocatore in finale, visto che nella parte bassa del tabellone l’accesso all’ultimo atto sarà in palio fra il numero 4 del seeding Giulio Perego, passato per 6-4 7-5 su Federico Serena, e Filippo Botti, sin qui protagonista di una splendida cavalcata. Partito dalle qualificazioni, l’emiliano ha già vinto cinque incontri, l’ultimo contro l’altoatesino Jonas Greif, battuto per 6-4 7-5. Venerdì al Tennis Club Crema sono in programma le semifinali del singolare e le finali dei doppi (ingresso gratuito).

RISULTATI

Singolare maschile. Quarti: Linkuns-Morozovs (Lat) b. Ricetti (Ita) 6-0 6-1, Trippetti (Ita) b. Mirkut (Cro) 6-3 1-6 6-2, Perego (Ita) b. Serena (Ita) 6-4 7-5, Botti (Ita) b. Greif (Ita) 6-4 7-5.

Singolare femminile. Quarti: Falei (Blr) b. Volpe (Ita) 6-1 3-0 ritiro, Stagno (Ita) b. Schieroni (Ita) 6-2 7-6, Laskevic (Blr) b. Abbagnato (Ita) 3-6 6-4 6-0, Wurth (Cro) b. Pedone (Ita) 6-0 6-2.

Leggi Tutto

Questo Città di Crema è più italiano che mai



Crema, 20 giugno 2018 – La quattordicesima edizione del Città di Crema avrà almeno un giocatore italiano nelle finali di singolare. Un verdetto che alla vigilia era una lecita speranza, data la massiccia partecipazione azzurra, ed è pian piano maturato con tante buone prestazioni dei nostri giovani, fino a diventare definitivamente certezza quando Giulio Perego ha battuto per 7-6 6-1 il lettone Daniils Snaiders, eliminando l’ultima bandiera straniera nella parte bassa del tabellone. Una sezione del draw in cui, curiosamente, erano straniere tre delle quattro teste di serie, tutte però sconfitte all’esordio. Nella parte bassa l’unico membro del seeding – n.4 – a salvarsi è stato proprio Perego, 15enne milanese allievo di Laura Golarsa all’Harbour Club, diventato il favorito per arrivare in fondo in quella sezione. Il prossimo avversario dell’azzurro sarà il qualificato Federico Serena, passato con un doppio 6-4 su Leonardo Biasiolo, mentre l’altro quarto di finale nella seconda metà del tabellone vedrà l’altoatesino Jonas Greif opposto a Filippo Botti. Allargando lo sguardo all’interno del tabellone maschile, gli stranieri ancora in corsa sono due. Uno è il primo favorito assoluto Daniel Linkuns-Morozovs, lettone passato per 6-1 6-3 su Guido Giovanni Becchis e avversario giovedì del giovane del Tc Crema Danny Ricetti (promosso ai quarti senza giocare per il forfait di Castelletti). L’altro è il croato Luka Mikrut, n.3 del seeding. Quest’ultimo l’ha spuntata in una durissima battaglia contro Alessio Tramontin: il friulano tesserato per il Tc Crema l’ha impegnato per tre ore, strappandogli il primo set e arrivando vicino al successo prima di arrendersi per 5-7 7-5 6-4.

Mentre il tabellone maschile sembra molto aperto, quello femminile sta rispettando alla lettera le gerarchie imposte dalle classifiche, tanto che l’unica giocatrice non compresa fra le teste di serie ad aver messo il naso nei quarti di finale è Alice Volpe, ultima giocatrice ammessa di diritto nel main draw. La bergamasca, classe 2002, si è creata una chance battendo al primo turno la n.7 Carlotta Mencaglia, e si è guadagnata un posto fra le ultime otto dopo una laboriosa rimonta contro la croata Klara Vukicevic, superata per 7-4 nel tie-break del terzo set. Per l’Italia promosse anche Greta Schieroni, Beatrice Stagno (una contro l’altra giovedì), Giorgia Pedone e Anastasia Abbagnato, tutte a segno in tre set. Restano in corsa anche le prime due teste di serie: la bielorussa Falei (6-2 6-1 a Francesca Petracchi) e la croata Wurth, passata per 6-2 7-5 su Chiara Fornasieri. Giovedì, dalle ore 10, in programma tutti i quarti di finale dei singolari e le semifinali dei doppi (ingresso gratuito).

RISULTATI

Singolare maschile. Secondo turno: Linkuns-Morozovs (Lat) b. Becchis (Ita) 6-1 6-3, Ricetti (Ita) b. Castelletti (Ita) per ritiro, Mirkut (Cro) b. Tramontin (Ita) 5-7 7-5 6-4, Trippetti (Ita) b. Pasquariello (Ita) 6-1 6-4, Serena (Ita) b. Biasiolo (Ita) 6-4 6-4, Perego (Ita) b. Snaiders (Lat) 7-6 6-1, Greif (Ita) b. Di Perna (Ita) 6-2 3-6 7-5, Botti (Ita) b. Lagasio (Ita) 6-1 6-3.

Singolare femminile. Secondo turno: Volpe (Ita) b. Vukicevic (Cro) 3-6 6-1 7-6, Schieroni (Ita) b. Fontana (Ita) 4-6 6-0 6-2, Stagno (Ita) b. Zagnolini (Ita) 6-2 5-7 6-4, Abbagnato (Ita) b. Vican (Cro) 1-6 6-4 7-6, Pedone (Ita) b. Massetti (Ita) 6-1 6-1, Wurth (Cro) b. Fornasieri (Ita) 6-2 7-5, Falei (Blr) b. Petracchi (Ita) 6-2 6-1, Laskevic (Blr) b. Caldera (Ita) 6-3 6-7 6-3.

Leggi Tutto

Crema applaude Ricetti e Tramontin. Bene i favoriti



Crema, 19 giugno 2018 – Ci saranno anche due giocatori del Tennis Club Crema, mercoledì, nel plotone di talenti che andranno a caccia di un posto nei quarti di finale della 14a edizione del “Città di Crema”, torneo internazionale under 16 del circuito Tennis Europe. Si tratta di Alessio Tramontin, friulano da quest’anno tesserato per il club del presidente Stefano Agostino, e di Danny Ricetti, che a Crema ci è cresciuto e si allena quotidianamente nell’accademia diretta da Beppe Menga. In gara grazie a una wild card, nella tarda serata di lunedì Danny si è regalato la prima vittoria internazionale, superando per 6-4 4-6 6-4 l’austriaco Yannick Penker, al termine di una dura battaglia. L’esperienza ancora da costruire di Ricetti si è vista nel secondo set, quando il cremasco ha capito che il successo era alla portata e si è lasciato prendere dalla tensione, permettendo all’avversario di trascinarlo al terzo. Ma quando è stato il momento di andare a vincere la partita, il più forte è stato di nuovo lui, bravo a tenere a bada le emozioni quel tanto che è servito per portare a casa la partita e mettere i piedi al secondo turno. Mercoledì avrà di fronte Luigi Castelletti, che sempre lunedì sera ha sconfitto con due tie-break Gabriele Datei, altro atleta tesserato per il Tc Crema. Tramontin dal canto suo si è guadagnato il secondo turno superando per 7-6 6-3 il coetaneo piemontese Alessandro Spadola in un match condizionato da qualche noia fisica. Tramontin non è riuscito a chiudere sul 5-3 del primo set, e poi è stato sotto per 3-0 nel secondo, ma nei momenti importanti – supportato anche dal tifo dei compagni di squadra – ha fatto valere la sua superiorità, guadagnandosi il confronto con la testa di serie n.3, il croato Luka Mikrut.

Per l’Italia al secondo turno anche Filippo Botti (6-3 4-6 6-2 al n.8 Veselov), Serena, Lagasio e Pasquariello, a segno quest’ultimo per 6-1 6-4 su un buon Angelo Chiappa. Nel femminile hanno conquistato un posto al 2° round sette delle otto teste di serie, tutte tranne la laziale Carlotta Mencaglia, sconfitta per 6-4 7-5 nella serata di lunedì dalla bergamasca Alice Volpe. Martedì promosse in due set la n.5 Giorgia Pedone e la n.6 Anastasia Abbagnato, a segno rispettivamente sulla svizzera Emma Penne e sull’altra azzurra Emma Pedretti, proveniente dalle qualificazioni. Avanti anche Ottavia Massetti, Sofia Antonella Caldera e Chiara Fornasieri, tutte a segno in derby tricolori. Fuori invece la giovanissima wild card di casa Giulia Finocchiaro, che a 14 anni ha pagato un sorteggio particolarmente sfortunato, arrendendosi alla bielorussa Laskevic, terza testa di serie. Mercoledì al Tennis Club Crema tutti gli incontri di secondo turno, che allineeranno ai quarti di finale sia il tabellone maschile sia quello femminile. Si parte alle 9.30, ingresso gratuito.

RISULTATI

Singolare maschile. Primo turno: Pasquariello (Ita) b. Chiappa (Ita) 6-1 6-4, Mikrut (Cro) b. Libre (Ita) 6-2 6-4, Serena (Ita) b. Bonaiuti (Ita) 6-3 6-0, Tramontin (Ita) b. Spadola (Ita) 7-6 6-3, Lagasio (Ita) b. Parenti (Ita) 6-1 6-3, Botti (Ita) b. Veselov (Rus) 6-3 4-6 6-2, Trippetti (Ita) b. Nava (Ita) 6-3 6-4, Biasiolo (Ita) b. Erceg (Cro) 6-3 6-7 6-4.

Singolare femminile. Primo turno: Laskevic (Blr) b. Finocchiaro (Ita) 6-0 6-1, Pedone (Ita) b. Penne (Sui) 6-1 6-1, Caldera (Ita) b. Ferrara (Ita) 6-4 6-0, Wurth (Cro) b. Teodosescu (Ita) 6-4 6-3, Fornasieri (Ita) b. Gennaro (Ita) 6-4 6-1, Abbagnato (Ita) b. Pedretti (Ita) 6-2 6-3, Massetti (Ita) b. Stefan (Ita) 6-2 6-1, Vican (Cro) b. Sezzi (Ita) 1-6 7-5 6-1.

Leggi Tutto

Subito grande Italia al “Città di Crema”



Crema, 18 giugno 2018 – Non poteva partire meglio il torneo “Città di Crema” dell’Italia, che sulla terra battuta di via del Fante è di gran lunga la nazione più rappresentata, e può godersi un lunedì molto soddisfacente. A renderlo super ci ha pensato l’impresa del romagnolo Filippo Di Perna, uno dei tanti azzurri che si sono guadagnati un posto nel main draw superando le qualificazioni, e soprattutto che quel posto l’ha fatto fruttare alla grande, battendo per 4-6 6-3 6-1 all’esordio il croato Fran Mitrovic, seconda testa di serie del tabellone. Il 15enne nativo di Imola, uno dei tanti prodotti di qualità del Club Atletico Faenza, aveva già mostrato un tennis interessante nei due match dello scorso fine settimana, archiviati senza particolari difficoltà, ma Mitrovic – 15 anni da compiere a luglio – sembrava fuori portata, in virtù di un ranking under 16 che lo vede al numero 163. Specialmente fra i giovani, però, le classifiche contano fino a un certo punto, tanto che la superiorità del giovane di Zagabria si è vista solamente nel primo set. Poi, poco alla volta, il romagnolo gli ha preso le misure, è riuscito a portare il duello al terzo set e ha dominato la fase finale della partita, guadagnando il secondo turno. Mercoledì Di Perna affronterà un altro qualificato azzurro, l’altoatesino Jonas Greif (è di Caldaro come Andreas Seppi), passato senza lasciare nemmeno un gioco nel duello contro Jacopo Poles.

Per l’Italia, ottavi di finale raggiunti anche da Giulio Perego, numero 4 del tabellone, e da Giovanni Guido Becchis. Quest’ultimo, a segno in rimonta su Ivan La Cava, sarà il prossimo avversario della prima testa di serie Daniel Linkuns-Morozovs, oggi a segno per 6-0 6-3 sul lucky loser Paolo Rosati. Nessuna sorpresa, invece, nei primi incontri del tabellone femminile: la più attesa delle italiane era la piemontese Greta Schieroni, numero 4 del seeding, che si è presentata al Tennis Club Crema superando per 6-2 6-4 la tedesca Pauline Hascher, proveniente dalle qualificazioni. Avanti anche l’ottava testa di serie Beatrice Stagno, Camilla Zanolini e la lucky loser Francesca Petracchi. Tutto facile per la grande favorita Aliona Falei, 14enne bielorussa numero 65 della classifica, e prima testa di serie. Per lei, successo per 6-0 6-3 contro Andrea Maria Artimedi. Domani a Crema andranno in scena gli altri sedici incontri di primo turno, otto maschili e otto femminili, con ingresso gratuito.

Intanto, passando ai tornei a squadre, nel campionato di Serie B sconfitta per il Tc Crema, battuto per 5-1 al Tc Pharaon di Reggio Calabria. I cremaschi si giocheranno la permanenza in Serie B fra domenica 24 giugno e domenica 1 luglio (andata in trasferta, ritorno in casa) contro il Tc Italia di Forte dei Marmi.

RISULTATI

Singolare maschile. Primo turno: Linkuns-Morozovs (Lat) b. Rosati (Ita) 6-0 6-3, Becchis (Ita) b. La Cava (Ita) 6-7 7-5 6-2, Snaiders (Lat) b. Palma (Ita) 6-4 6-3, Perego (Ita) b. Mondini (Ita) 6-3 6-4, Greif (Ita) b. Poles (Ita) 6-0 6-0, Di Perna (Ita) b. Mitrovic (Cro) 4-6 6-3 6-1, Ricetti (Ita) b. Penker (Aut) 6-4 4-6 6-4, Castelletti (Ita) b. Datei (Ita) 7-6 7-6.

Singolare femminile. Primo turno: Falei (Blr) b. Artimedi (Ita) 6-0 6-3, Petracchi (Ita) b. Benvegnu (Ita) 7-6 6-1, Zanolini (Ita) b. Ranucci (Ita) 6-2 4-6 6-0, Stagno (Ita) b. Ciric Bagaric (Cro) 6-1 7-5, Schieroni (Ita) b. Hascher (Ger) 6-2 6-4, Vukicevic (Cro) b. Moretti (Ita) 6-2 6-1, Fontana (Ita) b. Properzi (Ita) 0-6 6-3 6-4, Volpe (Ita) b. Mencaglia (Ita) 6-4 7-5.

Leggi Tutto

Presentata la 14a edizione del torneo internazionale under 16 Città di Crema



Crema, 11 giugno 2018 – I campioni del futuro, ma in anticipo. Col tempo si sta trasformando in una delle leggi del “Città di Crema”, il torneo internazionale under 16 di Tennis Europe di nuovo in pista da sabato 16 giugno, con il via ai tabelloni di qualificazione. Negli anni dal Tennis Club Crema sono passati giocatori come Dominic Thiem, finalista proprio ieri al Roland Garros, o quella Jelena Ostapenko che lo Slam di Parigi l’ha vinto dodici mesi fa, più tanti altri attuali protagonisti dei circuiti Atp e Wta. E chissà che magari i prossimi non possano essere Luca Nardi e Lisa Pigato, campioni a Crema in un 2017 più azzurro che mai, oppure i tanti giovani attesi in via del Fante per l’edizione numero 14, che porterà in città almeno una dozzina di bandiere diverse. Una chiara testimonianza del respiro internazionale della manifestazione, che ha cambiato la sua guida – da quest’anno a dirigere il torneo c’è Jessica Festari – ma non la formula, con due tabelloni di singolare a 32 partecipanti, uno per i ragazzi e uno per le ragazze, più le rispettive qualificazioni (sempre a 32, con otto posti in palio per i tabelloni principali) e le prove di doppio, con 16 coppie ai nastri di partenza. Vuol dire che il totale dei giovani presenti a Crema supererà abbondantemente il centinaio, con tanti italiani ma anche numerosi stranieri, soprattutto dell’Est Europa. È da lì che provengono i due favoriti della vigilia: la russa Erika Andreeva, che festeggerà i 14 anni all’indomani della finale (magari con un titolo come regalo), e il sedicenne lettone Daniel Linkuns-Morozov.

La prima, numero 54 della classifica europea under 16, è addirittura n.2 fra le under 14, mentre Linkuns-Morozov, curiosamente anch’egli numero 54, è una vecchia conoscenza del Città di Crema. Era infatti già fra gli osservati speciali nel 2017, quando si fermò a sorpresa al 2° turno. Adesso torna con un anno di muscoli e di esperienza in più, per provare a conquistare il successo. Naturalmente fra i numerosi professionisti in miniatura che calcheranno i campi in terra battuta di Crema ci saranno anche tanti italiani, guidati nel maschile da due talenti tesserati proprio per il club del presidente Stefano Agostino: il friulano Alessio Tramontin e il bergamasco Gabriele Datei, entrambi fra le prime 8 teste di serie. Fra le ragazze, invece, la prima delle azzurrine che proveranno a farsi strada fra le bandiere di Russia, Bielorussia, Croazia, Turchia, Romania, Francia e non solo, è Greta Schieroni, piemontese n.169 del ranking. Sabato 16 e domenica 17 giugno le qualificazioni, da lunedì 18 i tabelloni principali, che condurranno alle finali di sabato 23. Sempre con ingresso gratuito.

TC CREMA, TENNIS DI QUALITÀ DAL 1908

Le caratteristiche del Tc Crema sono l’eleganza, il prestigio e il fascino senza tempo di una storia centenaria. Nasce nel 1908 e si caratterizza per un’infinita passione per il tennis, successi sportivi e grandi campioni. Il club ha visto passare giocatori come Claudio Panatta, Simone Colombo e Paolo Canè, che vanta tre vittorie nei campionati a squadre di serie A negli anni 1985, 1986 e 1987, e milita tutt’oggi nel massimo campionato nazionale. Dal 2010 la sede è in Via del Fante, in una nuovissima struttura perfetta e curata in ogni minimo dettaglio: stimolo maggiore per chi in questo club ci ha messo passione. Dal 2003, sotto la guida del presidente Stefano Agostino, il circolo mira a un consolidamento importante, come una quercia secolare che ha già resistito alle due guerre mondiali. Uno degli obiettivi principali è quello di raggiungere un alto livello agonistico e di migliorare ogni giorno la preparazione dei ragazzi: i campioni di domani.

Leggi Tutto

Festa tricolore al Città di Crema, vincono Lisa Pigato e Luca Nardi



Crema, 24 giugno 2017 – Ci sono voluti tredici anni, ma alla fine l’Italia ce l’ha fatta. Per la prima volta nella storia del Torneo Città di Crema, a sventolare al termine della giornata conclusiva sono due bandiere tricolori, quelle di Luca Nardi e Lisa Pigato. Due giovani con tante caratteristiche in comune, da un’età che permetterebbe a entrambi (classe 2003) di competere ancora fra gli under 14, al titolo di campioni italiani under 13 conquistato l’estate scorsa, fino a un tennis che ha attirato l’attenzione di tutti gli appassionati più attenti ai potenziali tennisti del futuro. Da oggi, all’elenco si aggiunge anche il primo titolo internazionale nel circuito under 16 di Tennis Europe, che mette la ciliegina sulla torta al gran lavoro compiuto dagli organizzatori del Tennis Club Crema, e regala all’Italia una doppietta da ricordare. Non solo perché non era mai arrivata, ma perché nella storia del torneo gli azzurri erano riusciti a conquistare solo tre successi in singolare, due nel maschile e uno nel femminile. Stavolta invece è stato en-plein assoluto, con anche i due titoli del doppio, conquistati venerdì dalle coppie Casucci/Passaro e Mencaglia/Serafini. Ad aprire il sabato tricolore sui campi in terra battuta di via Del Fante ci ha pensato Lisa Pigato, a segno con un netto 6-0 6-2 sulla marchigiana Sofia Rocchetti, prima testa di serie del torneo. È stato un match a senso unico dall’inizio alla fine: la bergamasca è partita fortissimo, interpretando alla perfezione il duello e polverizzando tutte le sicurezze accumulate nel corso della settimana da una Rocchetti troppo fallosa, e capace giusto di conquistare un paio di game nelle fasi finali.

Luca Nardi con Stefano Agostino

Luca Nardi con Stefano Agostino

Simile il copione della finale maschile, anche se Nardi l’ha recitato in maniera diversa. Il pesarese ha superato in due set la prima testa di serie, l’austriaco Lukas Neumayer, ma pur mostrando una chiara superiorità ha avuto comunque bisogno di un po’ di fatica in più. Nel set d’apertura si è lasciato recuperare un break di vantaggio ma poi l’ha spuntata comunque per 7-5, mostrando l’interessante qualità di saper giocare i punti importanti con grande sicurezza. Nel secondo set, invece, è stato l’azzurro a dover rincorrere, accusando un piccolo passaggio a vuoto che gli è costato l’1-3. Ma in quel momento ha ritrovato il suo miglior tennis ed è riuscito a infilare un parziale di 5 game consecutivi, ammazzando il confronto nell’ottavo gioco: si è guadagnato una palla-break, l’ha concretizzata con un passante di diritto al termine di un punto rocambolesco che Neumayer avrebbe potuto chiudere un paio di volte, e ha spezzato definitivamente l’equilibrio, completando la festa azzurra nel gioco successivo. “Visto il nostro albo d’oro – ha detto il direttore del torneo Dino Aliprandi – saremmo già stati felici di un successo italiano, invece ne sono arrivati addirittura due: meglio di così non poteva andare. Si chiude un bel torneo, in cui abbiamo visto tanti giovani interessanti dei quali in futuro potremmo sentir parlare. La macchina organizzativa è ben rodata e il meteo ci ha dato una mano: tutto ha funzionato alla perfezione”. Tradotto: non resta che dare appuntamento al 2018. Con l’augurio che la doppietta tricolore non resti un caso isolato.

RISULTATI

Singolare maschile. Finale: Nardi b. Neumayer (Aut) 7-5 6-3.

Singolare femminile. Finale: Pigato b. Rocchetti 6-0 6-2.

Doppio maschile. Finale: Casucci/Passaro b. Nardi/Ruggeri 6-1 6-1.

Doppio femminile. Finale: Mencaglia/Serafini b. Pigato/Rocchetti 1-6 6-0 10/5.

Leggi Tutto

Questo sito è full responsive ed è correttamente visualizzabile su ogni dispositivo. Computer, smartphone e tablet di ogni misura...