Posts Taggati ‘Trofeo Bonfiglio’

Che forza Jonas Forejtek, il 60° Bonfiglio è suo. Nel femminile vince Alexa Noel



Milano, 26 maggio – Se gli dici che l’ultimo ceco a vincere qui al Tennis Club Milano Alberto Bonacossa è stato Ivan Lendl, 41 anni fa, lui guarda in basso e sorride. “Mi godo questo successo ma devo pensare a fare un passo per volta”. Lui è il campione del 60° Trofeo Bonfiglio, Jonas Forejtek, e ha appena inchiodato sulla terra rossa del campo centrale anche il finalista argentino Thiago Tirante (6-3 6-4). Subito dopo s’è preso direttamente dalle mani di Sergio Tacchini, primo vincitore nel 1959, la coppa sulla cui base sono incisi i nomi di Jim Courier, Goran Ivanisevic, Evgenj Kafelnikov, Alexander Zverev, Stefanos Tsitsipas e molti altri ancora. Ripensando alla settimana milanese, gli unici momenti complessi sono arrivati all’inizio, nei primi due turni (all’esordio ha vinto al 3° contro l’azzurro Passaro): “All’inizio non è stato facile, anche per colpa del pioggia e del freddo. Dovevamo allenarci indoor e questo mi ha condizionato”. Poi è spuntato il sole e lui ha cominciato a brillare, anche grazie alle condizioni un po’ più rapide e ai campi meno umidi. Così il suo tennis fatto di accelerazioni improvvise e di grande profondità con i fondamentali ha cominciato a funzionare alla grande. Nel match decisivo ci ha messo soltanto un’ora e quattro minuti per scardinare il tennis comunque pesante e arrotato di Tirante, uno che si presentava con più esperienza, più titoli nel circuito Under e con due precedenti diretti vinti. Il ceco ha mostrato idee chiare e lucide, tatticamente e tecnicamente. Lo stesso fa quando analizza il suo futuro: “Come ho detto un passo per volta: adesso Parigi, poi soltanto gli altri eventi Slam Under 18 e per il resto tornei ‘Pro’, Futures e Challenger”. Con tanto di sospiro di sollievo per il ritorno del circuito dei grandi così com’era prima della riforma 2019: “Sono contento che si sia tornati indietro a com’era prima, penso che sia molto più giusto così”. Chiari sono anche gli obiettivi: “Voglio un titolo Slam juniores e poi chissà. L’importante adesso è lavorare tanto e bene”. Con coach Jan Mertl, ex n.131 Atp, tra Praga e Pilsen, la sua città. Le istantanee che restano nella mente, come uno dei mille selfie che ragazzini e non gli hanno chiesto a fine match, sono quei diritti profondi e incisivi e quei rovesci che sibilano nell’aria. Perché più gli altri tirano forte, più lui gioca bene: “È vero questa settimana è andata così, sentivo la palla benissimo”. Non resta che aspettarlo ai piani superiori, dove oggi stazionano Zverev e Tsitsipas.

La premiazione del torneo femminile con la vincitrice Alexa Noel (a sinistra) e la finalista Sada Nahimana  – foto Panunzio

Prima dello show di Jonas, la giornata si era aperta con il successo nel torneo femminile di Alexa Noel, testa di serie numero 6 del tabellone, ai danni delle burundese Sada Nahimana. È stato un match strano, il primo in programma, dominato all’inizio dalla tensione e dagli errori. Specialmente da parte della classe 2001 africana, che nel giro di mezz’ora si è trovata sotto di un set (6-2). La statunitense di Scottsdale, Arizona, non ha avuto nemmeno bisogno di giocare un gran match. Senza neanche colpire molte palle, grazie ai frequenti errori dell’avversaria, s’è ritrovata in vantaggio per 6-2 4-1. “Non mi sentivo nemmeno troppo in palla a quel punto perché non avevo ritmo”, ha confermato la vincitrice del 60° Trofeo Bonfiglio. E infatti si è impallata, quasi da sola, facendosi rimontare fino al 4-4. E pensare che sul 4-1 Alexa Noel aveva chiesto l’ingresso in campo di Hana Mandlikova, sua allenatrice (a Bradenton, Florida). ”Mi ha detto di stare tranquilla, di continuare a fare quello che stavo facendo, di colpire e di non essere attendista”. Eppure, dopo i consigli dell’ex numero 3 del mondo e vincitrice di tre prove dello Slam, nei venti minuti successivi il match è tornato in bilico. Per fortuna dell’americana, e della sua coach, uno duro e lungo scambio sul 4-4 ha fermato la sua temporanea emorragia tecnica e tattica. Rimettere subito la testa avanti, sul 5-4, le ha fatto l’effetto di un acquazzone nel deserto dell’Arizona in piena siccità: così la Noel, classe 2002 (quasi un anno e mezzo in meno dell’avversaria), ha ritrovato lucidità e concentrazione fino al 6-2 6-4 conclusivo. “Nel tennis queste cose possono succedere – ha detto con un sorriso a fine match – sono contenta di essere riuscita a chiudere una partita che si stava complicando. Gli Stati Uniti, che hanno vinto anche la classifica per nazioni, tornano così nell’albo d’oro dopo la doppietta firmata da Sloane Stephens e Beatrice Capra tra 2009 e 2010. Il Bonfiglio, dal canto suo, è pronto per altri 60 anni di storia e di gloria.

RISULTATI DI GIORNATA DEL 60° TROFEO BONFIGLIO

Tabellone singolare maschile, finale

J. Forejtek (Cze) [4] b. T. Tirante (Arg) [13] 6-3 6-4

Tabellone singolare femminile, finale

A. Noel (Usa) [6] b. S. Nahimana (Bdi) 6-2 6-4

Tabellone doppio maschile, finale

T. Schoolkate (Aus) / D. Sweeny (Aus) b. A. Kalender (Cro) / T. Tirante (Arg) 6-4 7-6(3)

Tabellone doppio femminile, finale

N. Kawaguchi (Jpn) / A. Nagy (Hun) [2] b. S. Nahimana (Bdi) / S. Park (Kor) [6] 6-1 6-3

I PROFILI DEI FINALISTI

JONAS FOREJTEK: nato a Pilsen, Repubblica Ceca, il 10 marzo del 2001.

Destrorso con rovescio a due mani, è attualmente al nono posto del ranking junior Itf, con un best ranking di numero 7. Inoltre è già numero 385 delle classifiche dell’ITF World Tour.

Già finalista in due tornei del tour professionistico, nel 2019 ha vinto gli Australian Open Juniores in doppio. Nel 2018 è stato finalista nel torneo di Beaulieu e si è laureato campione europeo battendo in finale il bulgaro Andreev, vincitore della scorsa edizione del Trofeo Bonfiglio.

In questa edizione del Trofeo Bonfiglio era accreditato della testa di serie numero 4. È giunto in finale battendo al primo turno l’italiano Passaro per 4-6 7-6 6-1, al secondo turno il francese Marmousez per 2-6 6-3 6-2, negli ottavi di finale l’azzurro Cobolli per 6-2 6-0, nei quarti di finale lo statunitense Zink per 6-4 7-5 e in semifinale l’altro italiano Arnaldi per 6-1 6-3.

THIAGO TIRANTE: nato a La Plata, Argentina, il 10 aprile del 2001.

Destrorso con rovescio a due mani, l’argentino è numero 16 della classifica Itf Under 18 e ha un best ranking di numero 11. Inoltre è già numero 591 delle classifiche dell’ITF World Tour.

La sua programmazione si divide tra tornei Under 18 e tornei ‘pro’. Prima di questa finale, nel 2019 l’argentino ha vinto il torneo di Grado A di Porto Alegre ed è arrivato in finale a San Paolo, sempre in Brasile.

In questa edizione del Trofeo Bonfiglio era accreditato della testa di serie numero 13. È giunto in finale battendo al primo turno lo statunitense Blanch per 6-1 7-5, al secondo turno il rumeno Ionel per 6-3 6-4, negli ottavi di finale il giapponese Mochizuki per 6-4 6-2, nei quarti di finale il francese Mayot per 6-2 6-1 e in semifinale l’altro statunitense Damm per 7-5 4-6 6-2.

ALEXA NOEL: nata a Scottsdale, in Arizona, il 6 settembre del 2002.

Destrorsa con rovescio a due mani, la statunitense è attualmente al numero 19 del ranking Junior Itf, con un best ranking di numero 5. Inoltre è già numero 653 delle classifiche dell’ITF World Tour.

Si allena alla Pro World Tennis Academy con Hana Mandlikova, ex n.3 Wta e vincitrice di 3 tornei dello Slam. Nel 2019 è reduce dalla semifinale raggiunta all’evento di Grado A di Porto Alegre (in Brasile) e alla finale del torneo di Grado 1 di Barranquilla. Nel 2018 ha vinto il torneo di grado 1 di Charleroi, in Belgio.

Accreditata della testa di serie n.6, è giunta in finale in questa edizione del Trofeo Bonfiglio battendo al primo turno la francese Halemai per 4-6 6-1 6-4, al secondo turno la portoricana Anzalotta Kynoch per 6-3 6-2, negli ottavi di finale la russa Avanesyan per 4-6 6-3 6-2, nei quarti di finale la tedesca Vecic per 6-3 6-2 e in semifinale la ceca Fruhvirtova per 1-6 6-4 6-4.

SADA NAHIMANA: nata a Bujumbura, in Burundi, il 21 aprile del 2001.

Destrorsa con rovescio a due mani, la giocatrice africana attualmente è al numero 49 del ranking ITF Under 18 ma ha un best ranking di numero 25. Inoltre è già numero 601 delle classifiche dell’ITF World Tour.

Fa parte del team dell’ITF del progetto Grand Slam Developing Fund, si allena in Marocco dove quest’anno a Marrakech ha già vinto un torneo juniores di Grado B2, fin qui suo unico titolo nel circuito under 18. Qui al Bonfiglio era alla prima finale in un evento di Grado A.

In questa edizione del Trofeo Bonfiglio non era accreditata di alcuna testa di serie ed è giunta in finale battendo al primo turno l’argentina Geller per 7-5 6-4, al secondo turno la russa Kudermetova per 6-2 6-4, negli ottavi di finale la statunitense Navarro per 6-4 7-6, nei quarti di finale la russa Timofeeva per 7-5 7-5 e in semifinale la canadese Collard per 6-4 6-3.

Leggi Tutto

Trofeo Bonfiglio: il talento Forejtek infrange il sogno di Arnaldi. Sorpresa Nahimana, dal Burundi alla finale



Milano, 25 maggio – Si è presentato a Milano senza la buona pubblicità degli “Alexander Zverev” o degli “Stefanos Tsitsipas”, ma con più o meno la stessa solidità, velocità e peso di palla. Lui si chiama Jonas Forejtek, viene dalla Repubblica Ceca e al 60° Trofeo Bonfiglio ha infranto i sogni di gloria di Matteo Arnaldi in semifinale. Gli Internazionali d’Italia juniores così perdono il loro azzurro, milanese d’adozione anche per tifo del pubblico, ma trovano una nuova stella da mostrare al mondo in anteprima (domenica in finale contro l’argentino Thiago Tirante). Ha il physique-du-role, Jonas, non altissimo, non palestrato (in questo sì è ancora un po’ indietro rispetto ai recenti vincitori del Bonfiglio oggi protagonisti del circuito Atp) e certamente ha i colpi. Lo sa il ligure, che pure non ha nulla da recriminare e anzi può dirsi soddisfatto per un torneo che testimonia la bontà del suo percorso. Che è cominciato e prosegue tra Sanremo, sotto la guida dello storico maestro Filippo Sciolli, Tirrenia, al centro tecnico federale, e Milano Tennis Academy, con il team di coach Ugo Pigato. E ad Arnaldi non si può rimproverare nulla nemmeno in relazione alla semifinale di sabato pomeriggio. Ci ha provato in tutti i modi, senza mollare mai né di testa né di braccio. Troppo forte però il classe 2001 di Pilsen, un biondino che sa giocare profondo profondo e poi accelerare all’improvviso sia col diritto che col rovescio. Uno che martella al servizio, che sa toccare la palla sottorete e che però non si fa ingolosire dalle proprie capacità, restando concreto e pragmatico senza strafare. Tutto questo ha mostrato in una settimana a Milano, e ancor più nell’ora e cinque minuti passata in campo contro Arnaldi, che ha rispedito negli spogliatoi col parziale di 6-1 6-3. Adesso è il ceco che si carica sulle spalle il fardello del favorito, non tanto e non solo per il ranking mondiale (n.9 Itf under 18) e per la testa di serie milanese (la quarta), ma perché davvero è quello che ha fatto vedere le cose migliori.

La burundese Sada Nahimana, classe 2001, finalista a sorpresa al TCM Bonacossa dopo il successo in semifinale sulla canadese Collard – foto Panunzio

Più pragmatico, magari meno sfarzoso ma certamente efficace, il tennis di Thiago Tirante, che è uscito dal gruppo dei 64 al via spingendosi fino in fondo. E sabato, per aprirsi le porte della finale, ha impiegato due ore e 7 minuti per liberarsi del mancino americano Martin Damm (che nei quarti aveva eliminato Filippo Moroni) con il punteggio di 7-5 4-6 6-2. In realtà il sabato del Bonfiglio era cominciato con le semifinali femminili, alle 11, sul Campo Centrale, sul campo n.9 e in diretta su SuperTennis, la tv della Federtennis che trasmette in chiaro e gratis sul canale 64 del digitale terrestre oltre che sul 224 della piattaforma Sky. Gli spettatori del ‘Bonacossa’, così come quelli sul divano, hanno potuto ammirare in super-anteprima il talento di Linda Fruhvirtova, sconfitta dai suoi soli 14 anni e dall’inesperienza ancor prima che dalla statunitense Alexa Noel, la pupilla di Hana Mandlikova (ex n.3 Wta) brava a stare in partita dopo un primo set volato via e dopo un terzo parziale da montagne russe. 1-6 6-4 6-4 il punteggio finale dell’incontro. A contendere il titolo alla testa di serie n.6 da Scottsdale (Arizona) ci sarà la più grande sorpresa della settimana, vale a dire Sada Nahimana, giocatrice del Burundi qui a Milano grazie al progetto di sviluppo dei paesi africani dell’ITF. Ha 18 anni e si allena in Marocco, proprio con il team della federazione internazionale, e in finale ci è andata dopo il 6-4 6-3 (in un’ora e 21 minuti) alla canadese Melodie Collard. Anche nella giornata conclusiva si parte alle 11.00, con le ragazze ad aprire la via ai maschietti. Sada Nahimana punta a diventare la seconda giocatrice del continente africano di sempre a iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro femminile (l’ultima la sudafricana Brenda Kirk nel 1975). Tra i maschi, Tirante tenta di far risuonare di nuovo il tango al ‘Bonacossa’ dopo la doppietta del 2008 e 2009 firmata da Guido Pella e Facundo Arguello, mentre Forejtek proverà a succedere niente di meno che a Ivan Lendl, vincitore nel 1978. A consegnare i trofei alla premiazione femminile ci sarà Lea Pericoli, ambasciatrice del tennis azzurro, mentre per quella maschile ci sarà Sergio Tacchini, primo vincitore del torneo nel 1959. Il modo migliore per celebrare i sessant’anni da campioni del Bonfiglio.

RISULTATI DI GIORNATA DEL 60° TROFEO BONFIGLIO

Tabellone singolare maschile, semifinali

J. Forejtek (Cze) [4] b. M. Arnaldi (Ita) 6-1 6-3

T. Tirante (Arg) [13] b. M. Damm (Usa) [15] 7-5 4-6 6-2

Tabellone singolare femminile, semifinali

S. Nahimana (Bdi) b. M. Collard (Can) 6-4 6-3

A. Noel (Usa) [6] b. L. Fruhvirtova (Cze) [WC] 1-6 6-4 6-4

Tabellone doppio maschile, semifinali

T. Schoolkate (Aus) / D. Sweeny (Aus) b. M. Damm (Usa ) / H. Rune (Den) [4] 6-7(5) 7-6(2) 10/3

A. Kalender (Cro) / T. Tirante (Arg) b. N.G. Dica (Rou) / P. Makk (Hun) 6-4 3-6 10/8

Tabellone singolare femminile, semifinali

S. Nahimana (Bdi) / S. Park (Kor) [6] b. L. Kostenko (Ukr) / T. Pachkaleva (Rus) 7-5 6-2

N. Kawaguchi (Jpn) / A. Nagy (Hun) [2] b. L. Anzalotta Kynoch (Pur) / M. Collard (Can) 6-4 4-6 10/2

SOCIAL NETWORK E LIVE SCORE

I risultati in diretta del Trofeo Bonfiglio li potete trovare su Tennis-Ticker, app per smartphone e tablet dedicata al live scoring. Per maggiori informazioni www.tennis-ticker.com e www.tcmbonacossa.it. Aggiornamenti, foto e commenti su Facebook, Twitter e Instagram (account ufficiali del Tc Milano A. Bonacossa e dell’Ufficio Stampa della manifestazione – Ufficio Stampa Tennis). È possibile partecipare con gli hashtag #TrofeoBonfiglio, #Bonfiglio60 e #Sweet60.

COSÌ IN TV

La copertura televisiva delle fasi decisive (live di semifinali e finali) è affidata a SuperTennis Tv, canale 64 del digitale terrestre, 224 di Sky, 30 di TivùSat e in web-streaming su www.supertennis.tv.

INGRESSO LIBERO

L’ingresso nella splendida e storica struttura del Tc Milano Alberto Bonacossa è libero per tutta la durata della manifestazione, dalle qualificazioni alle finali.

LA METRO ‘LILLA’, I TRAM E LA TANGENZIALE: COME ARRIVARE AL TCM BONACOSSA

Con i mezzi pubblici – tram 1, 14, 19 e 33 (fermata Piazza Firenze) oppure autobus 43, 48, 57, 69, 78, 90, 91, 163. In metropolitana, con la linea M5 (la lilla), fermate Portello o Domodossola (10 minuti a piedi).

In auto – dalla rete delle tangenziali milanesi prendere l’uscita Certosa, seguire per il centro e imboccare la circonvallazione su Viale Monte Ceneri (cavalcavia della Ghisolfa). Il club è in via Arimondi, 15.

Leggi Tutto

Grande Arnaldi, che impresa al Bonfiglio! Manda k.o. il n.1 e va in semifinale



Milano, 24 maggio – C’erano tutti gli ingredienti giusti per fare l’impresa. E Matteo Arnaldi non si è lasciato scappare l’occasione. Un sacco di gente su tutti i lati del campo 9 del Tc Milano Alberto Bonacossa, il tie-break del terzo set, il primo favorito della vigilia di fronte a sé: così l’azzurrino classe 2001 ha centrato l’ingresso per le semifinali del 60° Trofeo Bonfiglio battendo in un’ora e 58 minuti lo statunitense Emilio Nava e diventando il primo italiano a raggiungere gli ultimi 4 del tabellone dal 2012 quando Gianluigi Quinzi finì con l’alzare la coppa al cielo di Milano. “È stata una grande emozione – ha detto -, ero già carico prima di entrare in campo e poi mi sono esaltato anche grazie al pubblico. L’atmosfera era fantastica, vincere queste partite in Italia è un’altra cosa”. Arnaldi, che si divide tra Sanremo (dove è nato) e Milano (dove si allena con i tecnici della MTA), si troverà di fronte il ceco Jonas Forejtek, filiforme talento di Pilsen, classe 2001, che non ha nemmeno dovuto impazzire più di tanto per liberarsi dello statunitense Tyler Zink (6-4 7-5). Il ligure era partito fortissimo, sorprendendo tutti, Emilio Nava in primis. Il finalista degli Australian Open Juniores 2019 s’è trovato subito sotto di un set (6-2) prima di riaversi e ricambiare ‘il favore’ nel secondo parziale (altro 6-2). Il ‘terzo’ è stato una partita a sé: il californiano s’è portato avanti d’un break (2-0), poi s’è ritrovato sotto per 4-2. L’azzurro ha condotto fino ad avere la chance di andare avanti per 5-3, ma s’è ritrovato prima sul 4-4 e poi addirittura sul 5-5 0/30 sul proprio servizio. Lì ha dato il colpo di reni decisivo, supportato soprattutto da una ‘prima’ che non s’è fatta desiderare nel momento del bisogno. “Stare attaccato in quel momento mi ha dato grande fiducia al servizio, che poi è tornata molto utile di lì a poco”, ha confermato lui. Nel tie-break decisivo, infatti, Matteo ha tenuto sempre alto il livello e il rendimento in battuta. Poi, al primo match point utile (sul 6-3), Nava ha cacciato in corridoio un diritto che ha fatto esplodere l’urlo di gioia di Matteo e del pubblico del ‘Bonacossa’. Nonostante una velocità di palla a tratti decisamente superiore, Nava non è riuscito a districare la matassa del gioco del sanremese, bravissimo a muovere la palla con entrambi i fondamentali, appoggiandosi a dovere sul servizio nei propri turni di battuta, e a difendersi su entrambi i lati del campo. E così, dopo la finale persa a Melbourne per mano del toscano Musetti, Nava ha dovuto lasciare strada a un altro italiano. Che ora può legittimamente sognare di mettere le mani sul Trofeo in un’edizione celebrativa, quella dei 60 anni, proprio come fece Stefano Pescosolido in quella del trentennale nel 1989.

Se da un lato nella giornata del Bonfiglio c’è la gioia di Matteo Arnaldi, dall’altra c’è la delusione di Filippo Moroni, battuto alla distanza sempre nei quarti di finale dal mancino americano Martin Damm. Il piemontese, seguito a bordo campo dal papà-coach Ivo, era andato avanti di un set dopo un tie-break praticamente perfetto nel quale aveva conquistato 7 punti su 7. Il sostanziale equilibrio si è protratto anche nella seconda frazione, almeno fino al settimo game, quando è arrivato il break che ha messo l’incontro su binari molto diversi. Di lì in poi Damm, che tradisce le sue origini ceche dal grido d’auto-incitamento “Pome!”, ha preso letteralmente in mano le redini dell’incontro vinto col parziale di 6-7 6-3 6-1 in due ore e 6 minuti così da assicurarsi un posto nella semifinale che lo vedrà opposto all’argentino Thiago Tirante (6-2 6-1 al francese Mayot, a Milano con l’ex Top 10 francese Thierry Tulasne). Quello che ha coinvolto Moroni è stato il quarto di finale più lungo della giornata, anche se consideriamo i match femminili. Tra le ragazze la sorpresa più grande l’ha regalata ancora una volta la ceca Linda Fruhvirtova, 14 anni compiuti il primo di maggio scorso. In tabellone con una wild card dell’organizzazione, la biondina già Top 60 Under 18 ha fatto fuori in due set la statunitense Hurricane Black in un’ora e mezza secca nella quale ha dato prova di essere un prospetto davvero interessante. È la più giovane in gara e deve tre anni netti ad Alexa Noel, americana di Scottsdale (Arizona) che affronterà per un posto in finale. Nella parte alta del draw invece sfida tra la canadese Melodie Collard e la burundese Sada Nahimana, altra bella sorpresa della settimana milanese. Sabato si comincia alle 11 con le semifinali di singolare distribuite su ‘Centrale’ e campo 9 (live su SuperTennis Tv una maschile e una femminile). Lo scorso anno a farci sognare una pennellata d’azzurro in finale c’era Elisabetta Cocciaretto. Quest’anno tocca a Matteo Arnaldi.

La ceca Linda Fruhvirtova, 14 anni compiuti il primo maggio scorso, è la più giovane delle semifinaliste al Trofeo Bonfiglio – foto Panunzio

RISULTATI DI GIORNATA DEL 60° TROFEO BONFIGLIO

Tabellone singolare maschile, quarti di finale

M. Arnaldi (Ita) b. E. Nava (Usa) [1] 6-2 2-6 7-6(3)

J. Forejtek (Cze) [4] b. T. Zink (Usa) 6-4 7-5

M. Damm (Usa) [15] b. F. Moroni (Ita) [WC] 6-7(0) 6-3 6-1

T. Tirante (Arg) [13] b. H. Mayot (Fra) 6-2 6-1

Tabellone singolare femminile, quarti di finale

S. Nahimana (Bdi) b. M. Timofeeva (Rus) [Q] 7-5 7-5

M. Collard (Can) b. O. Selekhmeteva (Rus) [14] 7-6(5) 6-4

L. Fruhvirtova (Cze) [WC] b. H. Black (Usa) [2] 6-2 7-5

A. Noel (Usa) [6] b. A. Vecic (Ger) 6-3 6-2

Tabellone doppio maschile, quarti di finale

T. Schoolkate (Aus) / D. Sweeny (Aus) b. S. Mochizuki (Jpn) / J.B. Torres (Arg) 6-4 7-5

M. Damm (Usa ) / H. Rune (Den) [4] b. P. Llamas Ruiz (Esp) / B. Oliveira (Bra) 7-6(4) 6-4

A. Kalender (Cro) / T. Tirante (Arg) b. D. Blanch (Usa) / W. Grant (Usa) 4-6 7-6(7) 10/7

N.G. Dica (Rou) / P. Makk (Hun) b. G. Dambrosi (Ita) / F. Moroni (Ita) 6-1 6-2

Tabellone singolare femminile, quarti di finale

S. Nahimana (Bdi) / S. Park (Kor) [6] b. J. Belgraver (Fra) / M. Halemai (Fra) 6-2 6-2

L. Kostenko (Ukr) / T. Pachkaleva (Rus) b. A. Charaeva (Rus) / D. Semenistaja (Lat) [3] 3-6 7-6(8) 10/7

L. Anzalotta Kynoch (Pur) / M. Collard (Can) b. F. Rossi (Ita) / C. Tauson (Den) [WC] 6-3 5-7 10/8

N. Kawaguchi (Jpn) / A. Nagy (Hun) [2] b. P. Kudermetova (Rus) / M. Tkacheva (Rus) 4-6 6-2 10/5

SOCIAL NETWORK E LIVE SCORE

I risultati in diretta del Trofeo Bonfiglio li potete trovare su Tennis-Ticker, app per smartphone e tablet dedicata al live scoring. Per maggiori informazioni www.tennis-ticker.com e www.tcmbonacossa.it. Aggiornamenti, foto e commenti su Facebook, Twitter e Instagram (account ufficiali del Tc Milano A. Bonacossa e dell’Ufficio Stampa della manifestazione – Ufficio Stampa Tennis). È possibile partecipare con gli hashtag #TrofeoBonfiglio, #Bonfiglio60 e #Sweet60.

COSÌ IN TV

La copertura televisiva delle fasi decisive (live di semifinali e finali) è affidata a SuperTennis Tv, canale 64 del digitale terrestre, 224 di Sky, 30 di TivùSat e in web-streaming su www.supertennis.tv.

INGRESSO LIBERO

L’ingresso nella splendida e storica struttura del Tc Milano Alberto Bonacossa è libero per tutta la durata della manifestazione, dalle qualificazioni alle finali.

LA METRO ‘LILLA’, I TRAM E LA TANGENZIALE: COME ARRIVARE AL TCM BONACOSSA

Con i mezzi pubblici – tram 1, 14, 19 e 33 (fermata Piazza Firenze) oppure autobus 43, 48, 57, 69, 78, 90, 91, 163. In metropolitana, con la linea M5 (la lilla), fermate Portello o Domodossola (10 minuti a piedi).

In auto – dalla rete delle tangenziali milanesi prendere l’uscita Certosa, seguire per il centro e imboccare la circonvallazione su Viale Monte Ceneri (cavalcavia della Ghisolfa). Il club è in via Arimondi, 15.

Leggi Tutto

Arnaldi & Moroni, che doppietta azzurra! Due italiani nei quarti al Bonfiglio dopo 12 anni



Milano, 23 maggio – Lo scorso anno ai quarti di finale del Trofeo Bonfiglio c’era arrivato Jannik Sinner. Adesso l’altoatesino si è già paracadutato nel circuito maggiore e la sua eredità, al Tc Milano Alberto Bonacossa, l’hanno raccolta Filippo Moroni e Matteo Arnaldi. Entrambi capaci di arrivare tra i primi 8 nell’edizione numero 60, una doppietta azzurra che all’Italia in campo maschile mancava dal 2007 quando furono Daniel Lopez e Matteo Trevisan (che poi vinse quell’edizione) a spingersi tanto in là. Un risultato che non avevamo raggiunto nemmeno nel 2012, quando vinse Gianluigi Quinzi e quando c’erano i ‘moschettierini’ Baldi, Napolitano e Donati capaci addirittura di conquistare la Junior Davis Cup. In questo giovedì finalmente caldo ad alzare la temperatura ci ha pensato prima il piemontese Filippo Moroni che con papà Ivo a bordo campo (suo allenatore) ha saputo gestire l’argentino Roman Burruchaga con un 6-2 6-3 abbastanza rapido. L’azzurro, classe 2001 e recente vincitore del torneo Itf di Grado 2 di Firenze, ha mostrato buoni fondamentali e solidità, cui va ancora aggiunto un colpo più definitivo, in grado di portare a casa punti diretti. Un’arma che tornerebbe utile anche venerdì contro lo statunitense Maximilian Martin Damm, figlio di Martin Damm Sr, numero 42 al mondo nel 1997. Mancino, classe 2003, lo statunitense d’origini ceche ha avuto la meglio negli ottavi sullo svizzero Dominic Stricker per 7-6 7-5. Sempre in due set, ma decisamente più tirata la vittoria di Arnaldi ai danni di Juan Bautista Torres, altro ‘torello’ argentino in grado di arrotare molto i colpi da fondo e di rimandarla di là in ogni situazione. Ebbene, il classe 2001 ligure che fa base anche alla Milano Tennis Academy ha accettato il tira e molla fatto di scambi lunghi e fisicamente dispendiosi fino al 6-4 7-6 conclusivo. Con tanto di brivido finale: perché avanti per 5-3, l’azzurro s’è fatto riprendere e persino superare (6-5) dopo aver sprecato un match point sul 5-4. Per fortuna, anzi per bravura, il tie-break l’ha visto protagonista a sua volta di una mini-rimonta: sotto 2-4 ha chiuso per 7 punti a 5.

Il ligure Matteo Arnaldi ha raggiunto i quarti di finale al TCM Bonacossa dopo il successo sull’argentino Juan Bautista Torres – foto Panunzio

Adesso però per Arnaldi si fa veramente dura, perché sulla sua strada si para la testa di serie numero 1, quell’Emilio Nava che ha raggiunto la finale agli Australian Open 2019 (battuto da Lorenzo Musetti). Qui a Milano il californiano è reduce dalla battaglia di 2° turno contro lo spagnolo Carlos Alcaraz Garfia e poi dal confronto – molto più agevole – con l’ungherese Peter Makk (6-4 6-2). Nulla da fare invece per il terzo italiano in gara negli ottavi, il romano Flavio Cobolli che è andato a sbattere sulla solidità e sulla mano educata del ceco Jonas Forejtek. È stato lui a dominare in lungo e in largo come testimonia il 6-2 6-0 finale. Identico il risultato che ha estromesso dal torneo, in campo femminile, l’ultima azzurra in gara, la valtellinese Federica Rossi. Un match senza storia che s’è chiuso con il dominio della statunitense Hurricane Tyra Black, favorita al successo finale dopo che la testa di serie n.1 Clara Tauson aveva salutato la compagnia al 1° turno. Hurricane (la sorella maggiore, anche lei tennista, si chiama Tornado) è di Boca Raton, in Florida, e sulla terra rossa di via Arimondi ha mostrato buona mano con cui ama perfino giocare abbastanza spesso un bel diritto in chop che usa alternativamente quando deve difendersi e pure quando deve andare avanti a caccia della rete. Anche tra le ragazze la concorrenza resta agguerritissima, perché sono passate al turno successivo tutte le giovani racchette più accreditate dal campo. Oltre alla Black, anche la giovanissima wild card ceca Linda Fruhvirtova (ha compiuto 14 anni il 1° maggio), la qualificata russa Maria Timofeeva e la canadese Alexa Noel, seguita a bordo campo dall’ex n.3 Wta Hana Mandlikova. Che invece non ha seguito il match della figlia Elizabeth (le partite si giocavano in contemporanea), sconfitta in due set dall’altra canadese Melodie Collard (6-4 7-6). Venerdì il programma scatta ancora alle 10.30, con i quattro quarti femminili in campo all’unisono e seguiti da quelli maschili (Moroni-Damm e Arnaldi-Nava affiancati sui campi 8 e 9).

RISULTATI DI GIORNATA DEL 60° TROFEO BONFIGLIO

Tabellone singolare maschile, ottavi di finale

M. Arnaldi (Ita) b. J.B. Torres (Arg) 6-4 7-6(5), E. Nava (Usa) [1] b. P. Makk (Hun) 6-4 6-2, T. Zink (Usa) b. W. Grant (Usa) [Q] 3-6 7-5 6-4, J. Forejtek (Cze) [4] b. F. Cobolli (Ita) 6-2 6-0, F. Moroni (Ita) [WC] b. R. Burruchaga (Arg) 6-2 6-3, M. Damm (Usa) [15] b. D. Stricker (Sui) 7-6(1) 7-5, H. Mayot (Fra) b. R. Hijikata (Aus) [11] 6-4 6-4, T. Tirante (Arg) [13] b. S. Mochizuki (Jpn) 6-4 6-2.

Tabellone singolare femminile, ottavi di finale

S. Nahimana (Bdi) b. E. Navarro (Usa) [3] 6-4 7-6(4), O. Selekhmeteva (Rus) [14] b. C. Monnet (Fra) 6-4 6-1, M. Collard (Can) b. E. Mandlik (Usa) [9] 6-4 7-6(4), M. Timofeeva (Rus) [Q] b. A. Tikhonova (Rus) [8] 6-0 6-4, H. Black (Usa) [2] b. F. Rossi (Ita) [WC] 6-2 6-0, L. Fruhvirtova (Cze) [WC] b. R. Montgomery (Usa) 2-6 6-2 6-2, A. Vecic (Ger) b. C. Owensby (Usa) 6-0 6-4, A. Noel (Usa) [6] b. E. Avanesyan (Rus) 4-6 6-3 6-2.

SOCIAL NETWORK E LIVE SCORE

I risultati in diretta del Trofeo Bonfiglio li potete trovare su Tennis-Ticker, app per smartphone e tablet dedicata al live scoring. Per maggiori informazioni www.tennis-ticker.com e www.tcmbonacossa.it. Aggiornamenti, foto e commenti su Facebook, Twitter e Instagram (account ufficiali del Tc Milano A. Bonacossa e dell’Ufficio Stampa della manifestazione – Ufficio Stampa Tennis). È possibile partecipare con gli hashtag #TrofeoBonfiglio, #Bonfiglio60 e #Sweet60.

COSÌ IN TV

La copertura televisiva delle fasi decisive (live di semifinali e finali) è affidata a SuperTennis Tv, canale 64 del digitale terrestre, 224 di Sky, 30 di TivùSat e in web-streaming su www.supertennis.tv.

INGRESSO LIBERO

L’ingresso nella splendida e storica struttura del Tc Milano Alberto Bonacossa è libero per tutta la durata della manifestazione, dalle qualificazioni alle finali.

LA METRO ‘LILLA’, I TRAM E LA TANGENZIALE: COME ARRIVARE AL TCM BONACOSSA

Con i mezzi pubblici – tram 1, 14, 19 e 33 (fermata Piazza Firenze) oppure autobus 43, 48, 57, 69, 78, 90, 91, 163. In metropolitana, con la linea M5 (la lilla), fermate Portello o Domodossola (10 minuti a piedi).

In auto – dalla rete delle tangenziali milanesi prendere l’uscita Certosa, seguire per il centro e imboccare la circonvallazione su Viale Monte Ceneri (cavalcavia della Ghisolfa). Il club è in via Arimondi, 15.

Leggi Tutto

Gli azzurri vanno forte al 60° Bonfiglio: in quattro promossi agli ottavi



Milano, 22 maggio – Il match di cartello era tra uno spagnolo e un americano, ma le prove degli azzurri sono riuscite a mandarlo quanto meno in secondo piano, se non a offuscarlo. Andiamo con ordine, perché il programma del Day 5 del 60° Trofeo Bonfiglio ha mandato sui campi in terra del Tc Milano Alberto Bonacossa ben 32 singolari, spalmati su 8 campi. Il primo azzurro a strappare il pass per gli ottavi di finale è stato Flavio Cobolli, il cui urlo d’esultanza è arrivato quasi in contemporanea con quello di Matteo Arnaldi. Il romano, figlio dell’ex pro Atp Stefano (con cui si allena alla Rome Tennis Academy), ha recuperato un set di svantaggio nei confronti del mancino Alejo Lingua Lavallen, spagnolo vincitore a Milano del Torneo Avvenire nel 2017. L’italiano, classe 2002, è andato sotto e all’inizio del secondo parziale pareva aver smarrito la tranquillità mentale utile per imbastire una rimonta. E invece, subito dopo l’ingresso in campo del papà-coach Stefano (da quest’anno è permessa l’entrata dell’allenatore durante i cambi campo una volta per set) la musica è cambiata grazie soprattutto al rovescio e al servizio. Negli stessi momenti, ma sul campo n.1, è arrivato anche l’hurrà del ligure Arnaldi, che ha lottato come un leone per un set intero contro il canadese Joshua Lapadat prima di cambiare passo, vincere il tie-break per 7-0 e non lasciare più un singolo game all’avversario fino al 7-6 6-0 finale. “Mica facile oggi – ha detto Arnaldi subito dopo il match – perché è stato il primo giorno di caldo vero e poi avevo un problemino muscolare alla coscia sinistra”. Più del dolore ha potuto la testa, per il ragazzo che fa base tra Sanremo e la Milano Tennis Academy: al turno successivo se la vedrà con l’argentino Juan Bautista Torres. Per Cobolli, invece, ci sarà la testa di serie numero 4, il ceco Jonas Forejtek.

Il romano Flavio Cobolli ha rimontato un set di svantaggio allo spagnolo Alejo Lingua Lavallen accedendo agli ottavi di finale al TCM Bonacossa – foto Panunzio

L’altra grande prestazione di giornata è quella del piemontese Filippo Moroni, di base alla ‘Nuova Casale’ di Casale Monferrato e seguito a Milano anche dai tecnici della Federazione. L’azzurro classe 2001 ha superato un cliente ostico come Holger Vitus Rune, il danese che si è appena imposto nel torneo Itf di grado 1 di Santa Croce, in Toscana. Lo ha fatto recuperando un break di svantaggio nel terzo set e alzando il livello del suo tennis proprio in dirittura d’arrivo fino al 6-2 3-6 6-4 conclusivo. Il poker tutto azzurro al maschile è sfumato all’ora dell’aperitivo, quando il qualificato toscano Marco Furlanetto ha lasciato strada – pur giocando un buon tennis e un ottimo primo set – al giapponese Shintaro Mochizuki (6-7 6-3 6-1). Venendo alle azzurre, le buone notizie arrivano dalla valtellinese Federica Rossi, abilissima ad annullare il tennis dritto per dritto della russa Veronika Pepelyaeva, che non ci ha capito quasi nulla e che ha ceduto per 6-1 6-3 in poco più di un amen. I grattacapi per la lombarda di base al Centro Tecnico di Tirrenia arrivano adesso, negli ottavi, e hanno le sembianze della statunitense Hurricane Black, testa di serie n.2 del tabellone (6-4 6-2 alla russa Pachkaleva). Nulla da fare invece per la bergamasca Lisa Pigato che ha impiegato qualche game per trovare la chiave giusta per affrontare l’altra statunitense Emma Navarro, testa di serie n.3, più potente che mobile ma capace in ogni caso di chiudere la pratica in due set dopo il tentativo di rimonta dell’azzurra nella seconda frazione (6-3 7-5). Lo avevamo anticipato: il big match di giornata vedeva impegnati due stranieri. Da una parte lo spagnolo Carlos Alcaraz Garfia, dall’altro il californiano Emilio Nava, primo favorito della vigilia e finalista agli Australian Open Jr 2019. I due se le sono date di santa ragione, come fanno spesso in allenamento (entrambi si allenano alla JC Ferrero Sport Academy), ma alla fine ha vinto Nava grazie alle accelerazioni di diritto lungolinea e a qualche guaio muscolare del pupillo di Juan Carlos, costretto a servire ‘senza gambe’ nel tie-break finale. Al Bonfiglio capita spesso, le finali anticipate si possono vedere anche nei primissimi turni. È così da 60 anni.

RISULTATI DI GIORNATA DEL 60° TROFEO BONFIGLIO

Tabellone singolare maschile, secondo turno

M. Arnaldi (Ita) b. J. Lapadat (Can) [Q] 7-6(0) 6-0, J.B. Torres (Arg) b. F. Jianu (Rou) [8] 4-6 6-2 3-1 rit., F. Cobolli (Ita) b. A. Lingua Lavallen (Arg) 3-6 6-2 6-3, E. Nava (Usa) [1] b. C. Alcaraz Garfia (Esp) 6-4 3-6 7-6(5), W. Grant (Usa) [Q] b. E. Coulibaly (Civ) 6-1 6-3, J. Forejtek (Cze) [4] b. L. Marmousez (Fra) 2-6 6-3 6-2, P. Makk (Hun) b. I. Beloborodko (Ukr) 6-2 4-6 6-2, T. Zink (Usa) b. N.G. Dica (Rou) 4-6 6-3 6-2, F. Moroni (Ita) [WC] b. H. Rune (Den) [9] 6-2 3-6 6-4, R. Hijikata (Aus) [11] b. C. Lerby (Ned) 6-3 3-6 6-4, R. Burruchaga (Arg) b. B. Anselmo (Fra) 7-6(4) 4-6 6-1, M. Damm (Usa) [15] b. T. Baadi (Can) 6-0 6-4, H. Mayot (Fra) b. P. Llamas Ruiz (Esp) 6-4 6-1, D. Stricker (Sui) b. B. Bicknell (Usa) [LL] 6-4 6-4, S. Mochizuki (Jpn) b. M. Furlanetto (Ita) [Q] 6-7(5) 6-3 6-1, T. Tirante (Arg) [13] b. N. Ionel (Rou) 6-3 6-4.

Tabellone singolare femminile, secondo turno

E. Navarro (Usa) [3] b. L. Pigato (Ita) [WC] 6-3 7-5, M. Collard (Can) b. D. Shnaider (Rus) 6-1 7-5, A. Tikhonova (Rus) [8] b. C. Beck (Usa) 6-1 6-0, C. Monnet (Fra) b. C. Chavatipon (Usa) 6-4 6-2, E. Mandlik (Usa) [9] b. R. Cisovska (Svk) 6-1 1-6 6-0, S. Nahimana (Bdi) b. P. Kudermetova (Rus) 6-2 6-4, M. Timofeeva (Rus) [Q] b. H. Pellicano (Mlt) [11] 6-7(0) 7-5 6-2, O. Selekhmeteva (Rus) [14] b. M.E. Reasco Gonzalez (Ecu) 7-5 7-6(4), F. Rossi (Ita) [WC] b. V. Pepelyaeva (Rus) [Q] 6-1 6-3, C. Owensby (Usa) b. N. Kawaguchi (Jpn) [4] 6-4 7-5, H. Black (Usa) [2] b. T. Pachkaleva (Rus) 7-6(4) 6-2, L. Fruhvirtova (Cze) [WC] b. A. Charaeva (Rus) 7-5 6-4, A. Vecic (Ger) b. K. Scott (Usa) [Q] 6-2 7-6(2), R. Montgomery (Usa) b. S. Park (Kor) [10] 6-3 6-1, A. Noel (Usa) [6] b. L. Anzalotta Kynoch (Pur) 6-3 6-2, E. Avanesyan (Rus) b. A. Mintegi Del Olmo (Esp) 6-1 6-1.

SOCIAL NETWORK E LIVE SCORE

I risultati in diretta del Trofeo Bonfiglio li potete trovare su Tennis-Ticker, app per smartphone e tablet dedicata al live scoring. Per maggiori informazioni www.tennis-ticker.com e www.tcmbonacossa.it. Aggiornamenti, foto e commenti su Facebook, Twitter e Instagram (account ufficiali del Tc Milano A. Bonacossa e dell’Ufficio Stampa della manifestazione – Ufficio Stampa Tennis). È possibile partecipare con gli hashtag #TrofeoBonfiglio, #Bonfiglio60 e #Sweet60.

COSÌ IN TV

La copertura televisiva delle fasi decisive (live di semifinali e finali) è affidata a SuperTennis Tv, canale 64 del digitale terrestre, 224 di Sky, 30 di TivùSat e in web-streaming su www.supertennis.tv.

INGRESSO LIBERO

L’ingresso nella splendida e storica struttura del Tc Milano Alberto Bonacossa è libero per tutta la durata della manifestazione, dalle qualificazioni alle finali.

LA METRO ‘LILLA’, I TRAM E LA TANGENZIALE: COME ARRIVARE AL TCM BONACOSSA

Con i mezzi pubblici – tram 1, 14, 19 e 33 (fermata Piazza Firenze) oppure autobus 43, 48, 57, 69, 78, 90, 91, 163. In metropolitana, con la linea M5 (la lilla), fermate Portello o Domodossola (10 minuti a piedi).

In auto – dalla rete delle tangenziali milanesi prendere l’uscita Certosa, seguire per il centro e imboccare la circonvallazione su Viale Monte Ceneri (cavalcavia della Ghisolfa). Il club è in via Arimondi, 15.

Leggi Tutto

Brilla il sole e il Bonfiglio splende. Cinquina azzurra da Furlanetto a Lisa Pigato



Milano, 21 maggio – Le stelle del Trofeo Bonfiglio brillano con un sole finalmente pieno. La primavera non è ancora esplosa sul Tennis Club Milano Alberto Bonacossa ma il bel tempo ha finalmente soppiantato grigiore e pioggia. È in questa cornice che gli Internazionali d’Italia Juniores, giunti alla 60esima edizione milanese, hanno promosso al 2° turno un bel quintetto d’azzurri che, da favoriti o meno, hanno scaldato una giornata rinfrescata dal vento e dai residui d’umidità del maltempo dei giorni scorsi. A festeggiare sono stati, tra i ragazzi, Matteo Arnaldi, Filippo Moroni, Marco Furlanetto e Flavio Cobolli; tra le ragazze, la sola Lisa Pigato. Arnaldi, ligure di Sanremo e milanese di base (si allena alla Milano Tennis Academy), ha chiuso definitivamente il match cominciato ieri e poi sospeso per pioggia contro il francese Martin Breysach. Tornato ai box in vantaggio di un parziale, il sanremese l’ha spuntata dominando il terzo set (6-4 4-6 6-1). Doppio 6-4 invece in favore del torinese Filippo Moroni, capace di sopravanzare il filiforme serbo Goran Zivotic e reduce dal bel successo nel torneo Itf di grado 2 di Firenze. In fiducia è anche il toscano di Massa Carrara Marco Furlanetto, l’unico azzurro ad aver superato le qualificazioni qui a Milano sul veloce indoor. Ebbene la sua striscia positiva continua anche adesso che si gioca finalmente sul rosso: al 1° turno s’è reso protagonista dell’eliminazione della testa di serie n.3 del torneo, il finlandese Otto Virtanen, dopo una bella rimonta conclusa per 2-6 6-4 7-5. Promosso anche il romano Flavio Cobolli, ex promessa del calcio nel settore giovanile della Roma e figlio dell’ex pro Atp Stefano: 6-2 7-5 lo score con cui si è liberato del croato Admir Kalender.

La lombarda Lisa Pigato, 16 anni il 21 giugno prossimo, è approdata al 2° turno del 60° Trofeo Bonfiglio al Tc Milano Bonacossa – foto Panunzio

Nel tabellone femminile, l’unico successo italiano porta la firma della non ancora 16enne Lisa Pigato (li compie il 21 giugno prossimo). Anche lei come Arnaldi si allena alla Milano Tennis Academy con il papà-coach Ugo e oggi ha superato il 1° turno in due set col punteggio di 6-2 6-4 ai danni della ‘colored’ tedesca Noma Noha Akugue e mercoledì se la vedrà con la statunitense Emma Navarro, n.3 del seeding e Top 15 del ranking Itf. La seconda giornata di gara è anche stata subito fatale alla stellina danese Clara Tauson, giunta in semifinale lo scorso anno, ora in vetta al ranking mondiale juniores femminile e destinataria di una wild card da parte dell’organizzazione per ovviare a un suo errore (aveva dichiarato di essersi cancellata per sbaglio). Oggi, a mettere d’accordo tutti, ci ha pensato la francese Carole Monnet, molto abile nel variare ritmi e rotazioni e nel disinnescare il tennis pum-pum della biondissima Clara. Che ha racimolato solo 4 game e pure qualche lacrima d’isteria. Per una stella cadente, altre due sono pronte alla ‘collisione’. Sì, perché l’andamento è stato molto più lineare nel tabellone maschile, che ha apparecchiato il campo alla super-sfida di secondo turno (mercoledì, secondo match a seguire delle 9 sul campo 8) tra la testa di serie n.1 del torneo, lo statunitense Emilio Nava e Carlos Alcaraz Garfia, il pupillo spagnolo di Juan Carlos Ferrero. L’iberico ha superato sul campo n.6 la wild card azzurra Giacomo Dambrosi, che si allena a Bordighera con il team di Riccardo Piatti e che è seguito a Milano da Andrea Volpini, una settimana fa nel box dell’altoatesino Jannik Sinner al Masters 1000 di Roma. Sarà una sfida da gustare fino in fondo, perché da una parte c’è ‘Carlito’, che in molti considerano il nuovo Nadal (ha guadagnato i primi punti Atp più precocemente di Rafa) e dall’altra il finalista degli Australian Open 2019 (quando fu battuto da Lorenzo Musetti). Il programma parte alle 9.00, 32 i singolari in agenda.

RISULTATI DI GIORNATA DEL 60° TROFEO BONFIGLIO

Tabellone singolare maschile, primo turno

I. Beloborodko (Ukr) b. L. Nardi (Ita) [WC] 7-6(6) 1-6 6-3, P. Makk (Hun) b. K. Saitoh (Jpn) [14] 7-6(4) 6-0, E. Nava (Usa) [1] b. M. Gonzalez Fernandez (Esp) [Q] 6-4 6-4, C. Alcaraz Garfia (Esp) b. G. Dambrosi (Ita) [WC] 6-3 6-4, F. Jianu (Rou) [8] b. T.A. Kodat (Usa) 6-4 6-1, J. Forejtek (Cze) [4] b. F. Passaro (Ita) 4-6 7-6(4) 6-1, F. Cobolli (Ita) b. A. Kalender (Cro) 6-2 7-5, A. Lingua Lavallen (Arg) b. D. Sweeny (Aus) [16] 6-0 6-3, T. Zink (Usa) b. L. Rottoli (Ita) [WC] 6-1 3-6 6-4, E. Coulibaly (Civ) b. N. Alvarez Varona (Esp) [12] 4-6 7-5 6-4, J. Lapadat (Can) [Q] b. G. Onclin (Bel) [10] 6-3 6-4, M. Arnaldi (Ita) b. M. Breysach (Fra) 6-4 4-6 6-1, T. Baadi (Can) b. F. Maestrelli (Ita) [WC] 6-2 6-7(6) 7-6(5), W. Grant (Usa) [Q] b. L. Riedi (Sui) [Q] 7-6(5) 6-0, D. Stricker (Sui) b. B. Yunchaokete (Chn) [2] 6-3 6-2, B. Bicknell (Usa) [LL] b. H. Wendelken (Gbr) 2-6 6-2 6-2, F. Moroni (Ita) [WC] b. G. Zivotic (Srb) [Q] 6-4 6-4, R. Hijikata (Aus) [11] b. A. Conca (Ita) [WC] 6-1 6-3, M. Furlanetto (Ita) [Q] b. O. Virtanen (Fin) [3] 2-6 6-4 7-5, B. Anselmo (Fra) b. R. Jachuck (Usa) [Q] 3-6 7-5 6-3, P. Llamas Ruiz (Esp) b. B. Gramaticopolo (Ita) [WC] 6-2 7-6(2), H. Mayot (Fra) b. C. Kingsley (Usa) [7] 6-2 6-2, H. Rune (Den) [9] b. T. Schoolkate (Aus) 6-3 6-3, S. Mochizuki (Jpn) b. A. Cazaux (Fra) 7-6(1) 3-6 6-4, M. Damm (Usa) [15] b. J. Plans (Esp) [Q] 6-3 6-3.

Tabellone singolare femminile, primo turno

C. Monnet (Fra) b. C. Tauson (Den) [1, WC] 6-2 6-2, C. Chavatipon (Usa) b. D. Semenistaja (Lat) 6-1 6-2, L. Anzalotta Kynoch (Pur) b. A. Poulos (Aus) 6-2 6-2, A. Vecic (Ger) b. V. Ryser (Sui) 6-4 7-5, C. Owensby (Usa) b. C.E. Tiglea (Ita) [WC] 6-4 2-6 7-5, L. Pigato (Ita) [WC] b. N. Noha Akugue (Ger) [Q] 6-2 6-4, H. Pellicano (Mlt) [11] b. E. Coleman (Usa) [Q] 6-4 6-4, E. Mandlik (Usa) [9] b. A. Granwehr (Sui) [Q] 6-1 6-3, A. Mintegi Del Olmo (Esp) b. R.M. De Ponti (Ita) [WC] 6-1 6-1, M. Timofeeva (Rus) [Q] b. A. Droguet (Fra) 6-1 6-4, A. Charaeva (Rus) b. M. Mariani (Ita) [LL] 6-2 6-1, S. Park (Kor) [10] b. M. Delai (Ita) 6-3 6-3, A. Noel (Usa) [6] b. M. Halemai (Fra) 4-6 6-1 6-4, K. Scott (Usa) [Q] b. M. Tkacheva (Rus) [15] 6-4 3-6 6-2, R. Montgomery (Usa) b. A. Berezov (Aus) [Q] 6-2 6-1, V. Pepelyaeva (Rus) [Q] b. H. Wong (Hkg) [13] 7-6(6) 6-3, H. Black (Usa) [2] b. A. Banks (Gbr) [Q] 6-2 6-1.

SOCIAL NETWORK E LIVE SCORE

I risultati in diretta del Trofeo Bonfiglio li potete trovare su Tennis-Ticker, app per smartphone e tablet dedicata al live scoring. Per maggiori informazioni www.tennis-ticker.com e www.tcmbonacossa.it. Aggiornamenti, foto e commenti su Facebook, Twitter e Instagram (account ufficiali del Tc Milano A. Bonacossa e dell’Ufficio Stampa della manifestazione – Ufficio Stampa Tennis). È possibile partecipare con gli hashtag #TrofeoBonfiglio, #Bonfiglio60 e #Sweet60.

COSÌ IN TV

La copertura televisiva delle fasi decisive (live di semifinali e finali) è affidata a SuperTennis Tv, canale 64 del digitale terrestre, 224 di Sky, 30 di TivùSat e in web-streaming su www.supertennis.tv.

INGRESSO LIBERO

L’ingresso nella splendida e storica struttura del Tc Milano Alberto Bonacossa è libero per tutta la durata della manifestazione, dalle qualificazioni alle finali.

LA METRO ‘LILLA’, I TRAM E LA TANGENZIALE: COME ARRIVARE AL TCM BONACOSSA

Con i mezzi pubblici – tram 1, 14, 19 e 33 (fermata Piazza Firenze) oppure autobus 43, 48, 57, 69, 78, 90, 91, 163. In metropolitana, con la linea M5 (la lilla), fermate Portello o Domodossola (10 minuti a piedi).

In auto – dalla rete delle tangenziali milanesi prendere l’uscita Certosa, seguire per il centro e imboccare la circonvallazione su Viale Monte Ceneri (cavalcavia della Ghisolfa). Il club è in via Arimondi, 15.

Leggi Tutto

La pioggia accende e spegne il 60° Bonfiglio. Main draw a intermittenza: solo Rossi va veloce



Milano, 20 maggio – Un po’ di pioggia, un po’ no. Niente sole. La prima giornata del 60° Trofeo Bonfiglio dedicata ai tabelloni principali è andata a intermittenza, con i giocatori un po’ in campo e un po’ in club house ad aspettare condizioni migliori. Temperatura bassa e pioggerellina costante, anche quando si è potuto giocare: in questo lasso di tempo da meno di 20 match conclusi in 7 ore, l’unica azzurra ad andare veloce, anche più della pioggia, è stata Federica Rossi. All’ultimo anno al Trofeo Bonfiglio (compirà 18 anni il 7 giugno prossimo), la ragazza di Sondrio si è sbarazzata dell’israeliana Shavit Kimchi, n.44 del ranking Itf, con un rapidissimo 6-1 6-1. Profonda e incisiva con i fondamentali, la valtellinese s’è guadagnata subito il pass per il 2° turno dove attende la vincente del match tra la cinese di Hong Kong Wong, testa di serie n.13, e la qualificata russa Pepelyaeva. Fermata ai box dalla pioggia invece Melania Delai, il cui campo è stato dichiarato inagibile subito dopo la fine del match che la precedeva nel programma. Interrotta sul più bello, o meglio nel cuore della rimonta, l’altra azzurra Cristina Elena Tiglea che sotto di un set contro la statunitense Charlotte Owensby stava guidando nel secondo parziale per 5-2 e 30-0. Per la cronaca, alle 16.00 l’intensità della pioggia è aumentata al punto tale da impedire il proseguimento dei match sui dieci campi gara previsti. Gli incontri sono stati dunque sospesi a eccezione di quelli sui campi 1, 3 e Centrale (a renderli più resistenti alle intemperie e all’umidità i teloni di copertura). In quel momento, in campo maschile c’era solo Matteo Arnaldi impegnato: il ligure che si allena a Milano era avanti di un set nei confronti del francese Martin Breysach. Poi tutti sotto coperta.

Gli altri azzurri in campo prima della sospensione hanno dovuto tutti alzare bandiera bianca. Sara Ziodato, Matilde Paoletti, Beatrice Stagno e Luciano Darderi hanno tutti salutato la compagnia. La prima ha lottato fino al terzo set, dopo aver vinto il primo al tie-break, contro la slovacca Romana Cisovska. Tie-break contrario anche per la perugina Matilde Paoletti, che ha provato ad allungare il suo impegno contro la russa Oksana Selekhmeteva cedendo però per 6-2 7-6. Per quanto riguarda Darderi invece, l’italo-argentino ha ceduto in due set (6-3 6-2) al rumeno Nicholas Ionel. Alle 17.25 è arrivata la decisione di cancellare tutti i match rimanenti in programma (con l’eccezione dei tre campi sopra-citati), con la consapevolezza di dover giocare oltre 40 match martedì per poter allineare i due tabelloni al 2° turno. Si comincerà alle 9.00, con uno ‘schedule’ da 5 turni di gioco su 10 campi, e questa volta il meteo dovrebbe essere un alleato, per proseguire fino a sera con l’intenzione di far cominciare anche i tabelloni di doppio (entrambi completi a 32 coppie). Nel frattempo, col gioco a farsi desiderare, continua la sfilata dei volti noti che accompagnano i campioni di domani. Oggi c’erano al Tc Milano Alberto Bonacossa Hana Mandlikova, vincitrice di 4 titoli Slam ed ex n.3 Wta nel 1984. Oltre al capitano del team azzurro di Fed Cup Tathiana Garbin, anche l’ex azzurro di Davis Filippo Volandri, l’ex n.1 al mondo Juan Carlos Ferrero (Spagna) e l’ex n.14 Younes El Aynaoui (Marocco). Senza dimenticare due passati vincitori del Bonfiglio come il francese Thierry Tulasne, campione nel 1980, Top 10 Atp nel 1986 e oggi al seguito di Harold Mayot, e Stefano Pescosolido, vincitore esattamente 30 anni fa (1989). Adesso però il protagonista deve tornare a essere il campo così che il Bonfiglio possa prendere il suo slancio naturale verso le fasi calde.

RISULTATI DI GIORNATA DEL 60° TROFEO BONFIGLIO

Tabellone singolare maschile, primo turno

C. Lerby (Ned) b. D. Svrcina (Cze) 6-2 6-1, N. Ionel (Rou) b. L. Darderi (Ita) [WC] 6-3 6-2, J.B. Torres (Arg) b. A. Kachmazov (Rus) 6-2 6-2, L. Marmousez (Fra) b. E. Spizzirri (Usa) 6-1 7-6(5), N.G. Dica (Rou) b. L. Draxl (Can) [5] 6-2 3-2 rit., T. Tirante (Arg) [13] b. D. Blanch (Usa) 6-1 7-5 , R. Burruchaga (Arg) b. S. Mitsui (Jpn) [6] 6-3 6-0.

Posticipati a domani: M. Arnaldi (Ita) – M. Breysach (Fra) 6-4 sosp., L. Nardi (Ita) [WC] – I. Beloborodko (Ukr), P. Makk (Hun) – K. Saitoh (Jpn) [14], T.A. Kodat (Usa) – F. Jianu (Rou) [8], J. Forejtek (Cze) [4] – F. Passaro (Ita), B. Gramaticopolo (Ita) [WC] – P. Llamas Ruiz (Esp), C. Kingsley (Usa) [7] – H. Mayot (Fra), S. Mochizuki (Jpn) – A. Cazaux (Fra), N. Alvarez Varona (Esp) [12] – E. Coulibaly (Civ), D. Stricker (Sui) – B. Yunchaokete (Chn) [2], L. Rottoli (Ita) [WC] – T. Zink (Usa), A. Conca (Ita) [WC] – R. Hijikata (Aus) [11].

Tabellone singolare femminile, primo turno

D. Shnaider (Rus) b. J. Garland (Tpe) [5] 6-2 6-4, C. Beck (Usa) b. A. Samudio (Col) 6-4 6-1, R. Cisovska (Svk) b. S. Ziodato (Ita) 6-7(2) 6-3 6-3, S. Nahimana (Bdi) b. A. Geller (Arg) 7-5 6-4, M.E. Reasco Gonzalez (Ecu) b. M. Custic (Esp) 7-6(5) 3-6 6-1, M. Collard (Can) b. D. Guzman (Per) 6-1 6-3, O. Selekhmeteva (Rus) [14] b. M. Paoletti (Ita) [WC] 6-2 7-6(2), E. Navarro (Usa) [3] b. P. Lovric (Slo) 6-2 6-3, P. Kudermetova (Rus) b. L. Kostenko (Ukr) [16] 6-0 6-0, T. Pachkaleva (Rus) b. J. Belgraver (Fra) 6-4 6-4, E. Avanesyan (Rus) b. A. Nagy (Hun) [12] 6-3 7-6(3), F. Rossi (Ita) [WC] b. S. Kimchi (Isr) 6-1 6-1, L. Fruhvirtova (Cze) [WC] b. P.M. Nugroho (Ina) 6-1 3-6 7-6(3), N. Kawaguchi (Jpn) [4] b. V. Petrenko (Ukr) 6-0 6-4, A. Tikhonova (Rus) [8] b. B. Stagno (Ita) [WC] 6-1 6-1.

Posticipati a domani: C. Chavatipon (Usa) – D. Semenistaja (Lat), A. Noel (Usa) [6] – M. Halemai (Fra), A. Poulos (Aus) – L. Anzalotta Kynoch (Pur) 1-3 sosp., V. Ryser (Sui) – A. Vecic (Ger) 1-0 sosp., C. Owensby (Usa) – C.E. Tiglea (Ita) [WC] 6-4 2-5 0-30 sosp., M. Delai (Ita) – S. Park (Kor) [10], R.M. De Ponti (Ita) [WC] – A. Mintegi Del Olmo (Esp).

SOCIAL NETWORK E LIVE SCORE

I risultati in diretta del Trofeo Bonfiglio li potete trovare su Tennis-Ticker, app per smartphone e tablet dedicata al live scoring. Per maggiori informazioni www.tennis-ticker.com e www.tcmbonacossa.it. Aggiornamenti, foto e commenti su Facebook, Twitter e Instagram (account ufficiali del Tc Milano A. Bonacossa e dell’Ufficio Stampa della manifestazione – Ufficio Stampa Tennis). È possibile partecipare con gli hashtag #TrofeoBonfiglio, #Bonfiglio60 e #Sweet60.

COSÌ IN TV

La copertura televisiva delle fasi decisive (live di semifinali e finali) è affidata a SuperTennis Tv, canale 64 del digitale terrestre, 224 di Sky, 30 di TivùSat e in web-streaming su www.supertennis.tv.

INGRESSO LIBERO

L’ingresso nella splendida e storica struttura del Tc Milano Alberto Bonacossa è libero per tutta la durata della manifestazione, dalle qualificazioni alle finali.

LA METRO ‘LILLA’, I TRAM E LA TANGENZIALE: COME ARRIVARE AL TCM BONACOSSA

Con i mezzi pubblici – tram 1, 14, 19 e 33 (fermata Piazza Firenze) oppure autobus 43, 48, 57, 69, 78, 90, 91, 163. In metropolitana, con la linea M5 (la lilla), fermate Portello o Domodossola (10 minuti a piedi).

In auto – dalla rete delle tangenziali milanesi prendere l’uscita Certosa, seguire per il centro e imboccare la circonvallazione su Viale Monte Ceneri (cavalcavia della Ghisolfa). Il club è in via Arimondi, 15.

Leggi Tutto

Quanta Italia nel lunedì del Bonfiglio: 14 italiani nei 41 singolari in programma



Milano, 19 maggio – Sette campi per 58 match al sabato, gli stessi per 48 partite di 2° e 3° turno la domenica. Il tutto sotto la pioggia incessante. È questa l’estrema sintesi del primo week-end del 60° Trofeo Bonfiglio, che si apre ufficialmente con i main draw nella mattinata di lunedì. E diversamente da quanto è successo per le qualificazioni, i piani dell’organizzazione prevedono di cominciare a giocare sulla terra rossa di via Arimondi dopo che i tabelloni cadetti si sono svolti sul veloce e al coperto (tra Tc Milano Bonacossa, Sporting Milano 2 e Sporting Milano 3). Si parte, meteo permettendo, con 14 italiani in campo (7 uomini e 7 donne). Per i favoriti della vigilia, lo statunitense Emilio Nava da una parte e la danese Clara Tauson dall’altra, c’è da aspettare martedì, quando entrambi cominceranno la rincorsa alla coppa che fu di Sergio Tacchini nella prima edizione targata 1959. Come da tradizione, saranno le ragazze a dare il la al programma del Day 3: sul campo n.9 Matilde Paoletti (wild card della FIT) sfida la russa Oksana Selekhmeteva, mentre Sara Ziodato, nel main draw per diritto di classifica, affronta la slovacca Romana Cisovska. Ma la giornata d’azzurro è ricchissima, con gli impegni dei nostri spalmati su tutti i campi principali e su tutte le fasce orarie, dalle 9.00 fino al tardo pomeriggio quando Luciano Darderi, Biagio Gramaticopolo, Lorenzo Rottoli e, in ultimo, la wild card di casa Alessandro Conca chiuderanno un programma da 41 singolari complessivi.

Ma è proprio il campo numero 8 il più ‘azzurro’ di tutti: in fila uno via l’altro, dopo Sara Ziodato, ci sono Matteo Arnaldi contro il francese Martin Breysach, poi il marchigiano Luca Nardi contro l’ucraino Illya Beloborodko e Biagio Gramaticopolo contro Pablo Llamas Ruiz. Sul numero ‘11’ invece, come terzo match, esordirà anche Melania Delai. La bionda trentina è l’unica altra italiana in tabellone senza l’ausilio di una wild card: per lei c’è la coreana Sohyun Park, testa di serie n.10 del tabellone. Il numero esatto degli azzurri che si vanno ad aggiungere ai 18 già nei main draw si saprà solo a tarda serata (sabato sera, per intenderci, gli ultimi match si sono conclusi ampiamente dopo le 22). Quello che è dato sapere è che dei nostri, al turno decisivo, sono approdati in 4 tra i maschi (i fratelli Giorgio e Fausto Tabacco, Alberto Orso e Marco Furlanetto) e 3 tra le donne (Milena Jevtovic, Matilde Mariani e Sofia Antonella Caldera). Chi ha fatto in fretta a conquistarsi un posto nel tabellone principale è stata la russa Maria Timofeeva. Una biondina già ‘fisicata’ che della Sharapova ha il nome e gli atteggiamenti, ma anche la propensione a vincere. La strada è ancora lunga ma la disinvoltura con cui, al turno decisivo, s’è liberata della statunitense Hibah Shaikh fa pensare che possa essere una brutta cliente anche nel prosieguo del torneo. Se ne riparlerà da martedì, però, quando anche tutti i 16 qualificati torneranno sulla terra rossa per i loro primi turni. Le previsioni del tempo, per la prima volta in questo Bonfiglio, sono buone. La terra rossa aspetta, e la temperatura sale.

La russa Maria Timofeeva, testa di serie n.1 delle qualificazioni, è numero 99 del ranking Itf e ha conquistato l’accesso nel tabellone principale (foto Panunzio)

AGGIORNAMENTO QUALIFICAZIONI: MARCO FURLANETTO VINCE IL DERBY ED ENTRA IN TABELLONE

Il match tie-break, che da quest’anno nel circuito Itf sostituisce il terzo set, ha decretato il nome dell’unico italiano capace di trovare l’accesso nel tabellone principale del 60° Trofeo Bonfiglio attraverso le qualificazioni. È quello di Marco Furlanetto, classe 2001 di Massa Carrara, che ha avuto la meglio nell’ultimo match di giornata (chiuso alle 22.20 dopo un’ora e 55 minuti) su Fausto Tabacco. Un derby tutto azzurro che alla fine ha dato ragione al toscano spezzando un sostanziale equilibrio durato tutto l’incontro. Con set per parte, entrambi conclusi col parziale di 6-4, il pass per il main draw si è deciso al fotofinish, dopo che i due azzurri si sono equivalsi anche nel mini-parziale decisivo. Prima 5-5, poi 6-6 e 8-8, lo strappo decisivo lo ha piazzato Furlanetto che ha chiuso per 10 punti a 8. Diventano così 19 in totale gli italiani nei due tabelloni di singolare. Lunedì i match cominciano alle 9.00, al netto di qualche ritardo dovuto alle condizioni meteo ancora incerte su Milano (specialmente nella primissima mattina). Come tutti gli altri qualificati, Furlanetto tornerà in campo martedì. 

Marco Furlanetto – foto GAME

RISULTATI DI GIORNATA DEL 60° TROFEO BONFIGLIO

Qualificazioni: tabellone maschile, turno decisivo

L. Riedi (Sui) b. A. Orso (Ita) 7-5 6-3, W. Grant (Usa) b. B. Oliveira (Bra) 3-6 6-3 10/7, J. Plans (Esp) b. G. Tabacco (Ita) 2-6 6-4 10/4, G. Zivotic (Srb) b. H. Li (Chn) 6-4 1-6 11/9, R. Jachuck (Usa) b. A. Diaz Jalil (Ecu) 6-2 6-2, M. Gonzalez Fernandez (Esp) b. B. Bicknell (Usa) 6-2 6-2, M. Furlanetto (Ita) b. F. Tabacco (Ita) 6-4 4-6 10/8, Y. Zhang (Chn) b. J. Lapadat (Can) 7-5 4-6 10/8.

Qualificazioni: tabellone femminile, turno decisivo

M. Timofeeva (Rus) b. H. Shaikh (Usa) 6-2 6-3, A. Berezov (Aus) b. J. Defalco (Usa) 6-4 6-4, N. Noha Akugue (Ger) b. M. Jevtovic (Ita) 6-1 7-6(3), V. Pepelyaeva (Rus) b. A. Wirges (Ger) 6-3 4-6 10/8, A. Banks (Gbr) b. L. Noskova (Cze) 5-7 6-2 10/8, A. Granwehr (Sui) b. S.A. Caldera (Ita) 7-5 7-6(1), K. Scott (Usa) b. V. Kanapatskaya (Blr) 6-1 5-7 10/8, E. Coleman (Usa) b. M. Mariani (Ita) 6-2 6-3.

Qualificazioni: tabellone maschile, secondo turno

W. Grant (Usa) b. F. Salomone (Ita) 7-6(9) 6-4, B. Oliveira (Bra) b. J. Greif (Ita) 6-7(3) 6-2 10/2, G. Tabacco (Ita) b. R. Di Vita (Ita) 6-1 6-0, J. Plans (Esp) b. K. Montsi (Rsa) 6-4 7-5, G. Zivotic (Srb) b. A. Martin (Usa) 6-2 4-6 10/5, H. Li (Chn) b. L. Malgaroli (Ita) 6-2 7-6(5), R. Jachuck (Usa) b. J. Kym (Sui) w.o., A. Diaz Jalil (Ecu) b. F. Cortinovis (Ita) 6-1 6-1, L. Riedi (Sui) b. M. Bernardi (Ita) 6-2 6-1, A. Orso (Ita) b. R. Collignon (Bel) 6-2 1-6 10/5, B. Bicknell (Usa) b. A. Salazar (Chi) 6-4 7-5, M. Gonzalez Fernandez (Esp) b. O. Ovcharenko (Ukr) 6-4 4-6 10/4, M. Furlanetto (Ita) b. C. Dong (Aus) 6-2 6-3, F. Tabacco (Ita) b. M. Cassone (Usa) 6-3 6-0, Y. Zhang (Chn) b. M. Mandlik (Usa) 7-5 4-6 10/8, J. Lapadat (Can) b. S. Gima (Rou) 6-3 6-0.

Qualificazioni: tabellone femminile, secondo turno

M. Timofeeva (Rus) b. B. Ricci (Ita) 4-6 6-3 10/4, H. Shaikh (Usa) b. A. Simone (Ita) 6-2 3-6 10/4, N. Noha Akugue (Ger) b. Z. Kardava (Geo) 3-6 6-3 10/7, M. Jevtovic (Ita) b. G. Martinelli (Ita) 2-6 6-3 10/5, J. Defalco (Usa) b. A. Lebedeva (Rus) 6-4 6-4, A. Berezov (Aus) b. A. Gubertini (Ita) 6-2 6-2, V. Kanapatskaya (Blr) b. M. Hefti (Sui) 6-3 6-4, K. Scott (Usa) b. E.A. Camerano (Ita) 6-1 6-2, E. Coleman (Usa) b. D. Krasnova (Rus) 6-3 6-2, M. Mariani (Ita) b. E.N. Milic (Slo) 7-5 6-2, V. Pepelyaeva (Rus) b. A.B. Ciuca (Rou) 6-0 6-0, A. Wirges (Ger) b. C. Gennaro (Ita) 6-1 6-1, A. Granwehr (Sui) b. C.Y.S. Lee (Nmi) 6-4 6-2, S.A. Caldera (Ita) b. I. Dshandshgava (Aut) 6-7(5) 6-2 11/9, A. Banks (Gbr) b. V. Gaggini (Ita) 6-3 6-4, L. Noskova (Cze) b. I. Barrera Aguirre (Usa) 6-3 6-3.

SOCIAL NETWORK E LIVE SCORE

I risultati in diretta del Trofeo Bonfiglio li potete trovare su Tennis-Ticker, app per smartphone e tablet dedicata al live scoring. Per maggiori informazioni www.tennis-ticker.com e www.tcmbonacossa.it. Aggiornamenti, foto e commenti su Facebook, Twitter e Instagram (account ufficiali del Tc Milano A. Bonacossa e dell’Ufficio Stampa della manifestazione – Ufficio Stampa Tennis). È possibile partecipare con gli hashtag #TrofeoBonfiglio, #Bonfiglio60 e #Sweet60.

COSÌ IN TV

La copertura televisiva delle fasi decisive (live di semifinali e finali) è affidata a SuperTennis Tv, canale 64 del digitale terrestre, 224 di Sky, 30 di TivùSat e in web-streaming su www.supertennis.tv.

INGRESSO LIBERO

L’ingresso nella splendida e storica struttura del Tc Milano Alberto Bonacossa è libero per tutta la durata della manifestazione, dalle qualificazioni alle finali.

LA METRO ‘LILLA’, I TRAM E LA TANGENZIALE: COME ARRIVARE AL TCM BONACOSSA

Con i mezzi pubblici – tram 1, 14, 19 e 33 (fermata Piazza Firenze) oppure autobus 43, 48, 57, 69, 78, 90, 91, 163. In metropolitana, con la linea M5 (la lilla), fermate Portello o Domodossola (10 minuti a piedi).

In auto – dalla rete delle tangenziali milanesi prendere l’uscita Certosa, seguire per il centro e imboccare la circonvallazione su Viale Monte Ceneri (cavalcavia della Ghisolfa). Il club è in via Arimondi, 15.

Leggi Tutto

Questo sito è full responsive ed è correttamente visualizzabile su ogni dispositivo. Computer, smartphone e tablet di ogni misura...